18°

28°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Lo zar da Verdi, una visita inattesa

Ricevi gratis le news
0

Gustavo Marchesi
 È il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, aspettiamoci degli episodi inediti: come quello accaduto nel buffet della stazione ferroviaria dell’allora Kovno (Lituania). Il maestro ricevette qui un omaggio singolare. In suo onore quasi tutti i presenti stesero, sul parquet, mantelli, pellicce e giacche; malgrado l’inverno boia, qualcuno restò in maniche di camicia. Verdi indifferente se ne andò calpestando quasi con disprezzo il tappeto improvvisato. L’occhio dello zar, vale a dire lo spione di corte, si prese tosto l’incarico di informarne, al tè delle cinque, sua maestà, al quale non era mai toccato un simile ossequio e provò dell’invidia, livida, fulminante: quel musicista, nient’altro che un animale da palcoscenico, dava alla gente degli scossoni che li buttavano in cielo. Doveva assolutamente conoscerlo, misurarsi con lui. E appena venuta la bella stagione, partì per Sant’Agata, residenza del “numen”. Entrò dal parco, senza farsi annunciare. Aveva compiuto il giro delle proprietà e confessava a malincuore il proprio compiacimento. Accompagnato da largo seguito, ostentava un copricapo di sorbetto al pistacchio. Che numero!... Numero? ma era nientemeno che il re di tutte le freddure e possedeva l’autorità di congelare la natura in fiore. Non aveva ancora attraversato il cortile della villa, che tutt’intorno si formò un lago di ghiaccio, cosparso di isolette innevate. Verdi si alzò per salutare e sdrucciolò. Provvidenziale la decisione dei dignitari zaristi: con un gesto unanime si levarono le divise e coprirono la gelata, permettendo al maestro di muoversi. Ciononostante i momenti successivi furono piuttosto balordi. Il padrone guardava impietrito i campi sottozero. Ma cosa? Mandare in malora la sua roba, questo rappresentante di frigoriferi? e non si fa scrupolo di cambiare l’estate con l’inverno? Ma chi crede di essere?... I sovrani!!!... dall’alto del trono ignorano il sudore di chi piega la schiena per darci il pane, per darci la vita! Verdi scivola di nuovo. Lo zar con riguardosa osservanza si scusa. Parbleu! è pronto a riparare fino all’ultimo danno. E poi tra un po’ se ne andrà, lascerà che la natura torni a risplendere e i campagnoli non accorrano ansiosi ad accendere fuochi: “Intanto nel caso ho con me sciarpe e manicotti, berrettoni e stivali per lei e la sua gente. Ho anche abbastanza panni da coprire gli alberi e i campi perché se ne stiano al calduccio”. Il maestro si spazientì: “Davvero i potenti hanno la presunzione di dominare tutto, anche la natura?” E lo zar: “Non diversamente dai musicisti, che credono di dominare il pubblico”. “Mi par di capire che resistervi non si può. Cosa volete da me?”  Un’opera vuole, fra un anno, per il suo teatrone della capitale, migliaia di chilometri a est. Detto questo, parlano di soldi. Lo zar offre una somma spropositata, pezzi d’oro e biglietti di carta su una banca di Parigi: e la natura si sghiaccia, dai sorbetti rispuntano i fiori, brillano i colori. La nuova opera, intitolata “Forza!”, sarà una sorpresa, tutta una denuncia della povertà, dell’abbandono, dell’ingiustizia. In scena gente affamata, disperata, che implora, che fugge. La censura fiuta sentore di tempesta; ma è tardi, a teatro gli studenti spaccano panche, strappano velluti, sbraitano. Le cronache delle contestazioni filtrano sulla stampa estera. Verdi ne informa gli amici che pranzano da lui con le posate d’oro, dono dello zar. A tavola siede anche il sindaco del paese: ha portato un pavone, ora anch’esso in tavola (no a tavola), omaggio al padrone di casa che ha onorato gli abitanti di Sant’Agata con l’invito a un pezzo grosso del globo. I commensali soddisfatti cantano le lodi del risotto, “Buono, eccellente!... Par che dica mangiami mangiami”, le parole della “Forza!”. Si sta bene in un “mondo piccolo” ma quieto. Lontano di lì, nelle terre immense dove cresce il progresso, soltanto il vocione di Melitone, frate disinibito e coraggioso, echeggia ammonitore nell’opera, prima dell’ultimo atto: “Il mondo?... Poffare!!… II mondo è fatto una casa di pianto!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design