18°

28°

Arte-Cultura

"A vajón" con Arturo Scotti

"A vajón" con Arturo Scotti
Ricevi gratis le news
0

 UBALDO DELSANTE

Cinquant'anni fa si spegneva un amante della città e del dialetto: Arturo Scotti, l’avvocato che scoprì Pezzani. Già nel 1944 Jacopo Bocchialini, presentando nel suo prezioso volumetto sul «Dialetto vivo» di Parma e la sua letteratura alcune rime della «sobria produzione» di Arturo Scotti, lo definiva «scrittore in versi che ha preceduto il Pezzani dialettale e lo ha anzi scoperto» in una recensione che risaliva al 1930. In effetti la produzione poetica dialettale di Scotti, che era di quasi vent'anni più giovane di Pezzani, si era precocemente affrancata dalla «vecchia tradizione satirica e burlesca» per approdare ad espressioni di dolcezza e sentimento che ondeggiano tra lo stupore e la commozione.
La complessa personalità di Arturo Scotti, di cui ricorre il 17 aprile il cinquantenario della scomparsa, tuttavia, deve essere osservata in modo più ampio, mantenendo sempre presente, al disopra di ogni sua intrapresa, questo nobile contrassegno poetico gentile ed elegante. Nato a San Lazzaro Parmense il 31 luglio 1879, percorre la sua carriera scolastica a Parma, si laurea in giurisprudenza con il celebre civilista Giuseppe Chiovenda ed entra ben presto nello studio dell’avvocato Paolo Mussini, al quale succederà alla sua morte nel 1912. 
Professionalmente, per lui è stato certamente un ottimo maestro. Arturo Scotti, austera figura impregnata dello spirito liberale tipico di una certa classe sociale del suo tempo, per oltre cinquant'anni fa l’avvocato civilista e le cariche che ricopre sono strettamente legate alla sua professione: consigliere del Comitato di sconto della Banca d’Italia, legale della Banca Commerciale, membro del Consiglio nazionale superiore del commercio. Con qualche concessione, in privato, s'intende, alla poesia, al dialetto, all’arte e alla storia della sua città. Nei primi anni del Novecento Parma è percorsa da fremiti sociali intensi e drammatici. Lo studio dell’avvocato Mussini, con il giovane Scotti in prima linea, deve occuparsi in particolare di una spinosa vertenza tra i fabbricanti di pane e pasta e i loro operai, che rivendicano migliori condizioni di lavoro e di salario. Nel 1906, prima ancora che lo facciano i proprietari terrieri di Tardini e Carrara durante il violento sciopero agricolo, i pastai rilasciano alla loro associazione una cambiale in bianco di mille lire a garanzia del proprio comportamento. La cifra è rilevante: stando alle tabelle ufficiali di rivalutazione corrisponde a circa 7 milioni e mezzo di odierni euro. E poiché qualcuno non mantiene un comportamento coerente con le deliberazioni del gruppo padronale, si arriva a minacciarne la messa in pagamento. 
Ne nasce un aspro contenzioso che vede in campo anche Arturo Scotti quale difensore di un panettiere ligio alle ferree regole della categoria, Alessandro Alvarosi, presidente dell’associazione cui è iscritto anche Riccardo Barilla, in contrasto con Margherita Finella, titolare del pastificio Braibanti, che, invece, è scesa a patti con gli scioperanti. Al di là della vertenza in sé, è illuminante rileggere un brano della sua arringa che racchiude in poche parole la sua ideologia: «La Camera del Lavoro di Parma è da parecchio tempo dominata dalla cosiddetta tendenza sindacalista (quella di Alceste De Ambris, per intenderci) e cioè da una corrente di opinione per la quale lo sciopero, se ha un pregio in quanto sciopero economico, diretto alla conquista di immediati miglioramenti della condizione degli operai, ne ha uno anche maggiore in quanto è sciopero politico e sociale, rivolto a sconvolgere l’assetto della produzione qual è determinato dall’imperare del principio della proprietà individuale e della libertà contrattuale». 
Sotto il profilo politico, si unisce al gruppo liberale-cattolico di Jacopo Bocchialini, Teodosio Marchi, Enrico Redenti, Arnaldo Barilli e Augusto Argenziano ottenendo un seggio in Consiglio comunale alla vigilia della prima guerra mondiale. Dopo il secondo conflitto, lasciato lo studio, si dedica alle sue occupazioni preferite, cui già si dedicava fin dai primi anni Trenta. Nel 1951 è eletto in Consiglio comunale per il Partito Liberale e così lo ritrova Guido Piovene passando da Parma durante il suo memorabile «Viaggio in Italia» radiofonico e letterario (1957): «C'è un unico assessore liberale a Parma l’avvocato Arturo Scotti, uomo finissimo, studioso, galante, gran difensore del Palazzo Ducale, della Pilotta e dei platani che la circondano contro gli attentati urbanistici; discorre delle donne dipinte dal Correggio con l’animo di un amante».
Una sorta di alter ego, di geniale «duplicato» di Glauco Lombardi, come dirà Bocchialini. Per la «Gazzetta di Parma» tiene la rubrica «A Vajón» (A zonzo per Parma) e con argute argomentazioni, esposte con fine umorismo tutto parmigiano, coglie dalla cronaca, e dalle manifestazioni di vita più marginali, un motivo di più vasta osservazione morale e umana. Scrive saggi su «Aurea Parma», di cui per una dozzina d’anni è direttore con Francesco Squarcia, sull'annuario della Deputazione di Storia Patria di cui è socio corrispondente, sulle strenne natalizie dell’epoca come «Giallo e blu», che reca anche i contributi di letterati o giornalisti parmigiani strajè a Roma o Milano, come Bevilacqua, Bertolucci, Torelli, Goldoni, Bianchi e altri. Da qui a presidente del Rotary Club il passo è breve. La sua bibliografia, vista retrospettivamente, non è particolarmente rilevante. Si tratta prevalentemente di osservazioni e ricordi, ma, ad esempio, alcune sue ricerche sui lunari parmigiani e sulla maschera tipica de Al Dsèvod sono tuttora attuali e nessun ricercatore della materia può oggettivamente trascurarle, sebbene sulla grafia del dialetto non sempre concordasse col più autorevole Bocchialini suscitando talvolta puntigliose polemiche.
Il gusto vigile e attento alle cose parmensi e l’amore per il patrimonio spirituale della sua terra, con i suoi problemi di arte e toponomastica, coi suoi ricordi farnesiani, napoleonici, risorgimentali, lo appassionano alla raccolta di preziosi cimeli, di stampe, di libri, di scritti rari e inediti. La sua ricca biblioteca gli sopravvive ancora oggi, almeno nella parte più pregiata. Di lui così ha scritto un pronipote, Giuseppe Scotti, che percorre oggi la stessa professione nello stesso nobile palazzo di via Farini: «Per me è più semplicemente, e da sempre, lo Zio Arturo. Di lui è conservata, assieme al ricordo, una foto sbiadita nella sua stanza del tempo che fu. Ma è lo spirito dello Zio Arturo che aleggia tra gli scaffali ricolmi di libri della biblioteca e le porte cigolanti dello Studio-Museo da lui fondato. Capita, a volte, aprendo un cassetto o spostando un manuale di diritto di fine secolo scorso, di ritrovare antichi cimeli, tra questi, i fascicoli di cause dimenticate nel tempo e nella storia».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"