17°

29°

Arte-Cultura

Arpino, tenerezza trafitta d'amore

Arpino, tenerezza trafitta d'amore
Ricevi gratis le news
0

Sergio Caroli

A  venticinque anni dalla morte di Giovanni Arpino (1927-1987) l'editore Aragno pubblica 167 lettere inedite che, fra il 1950 e il 1962, Arpino scrisse a Caterina Brero, prima fidanzata e poi moglie dello scrittore. Traboccanti d’amore e di tenerezza («il mio natale saprà odore di treno e non di te»),  affiora in esse la ricchezza e la complessità dell’uomo dal carattere generoso e ribelle, estroso e schivo attraverso fasi decisive della sua esistenza: dal servizio militare alla paternità, dai viaggi all’attività di romanziere e di giornalista, ai rapporti con gli editori. Vi erompono talora immagini e pensieri balenanti, intrisi di ironia e di autoironia, ma ne emerge anche l’anima di un grande esteta. «I colori di Van Gogh – scrive  il 15 marzo 1952 - hanno perso in mezzo secolo quella lucentezza e quella forza di illuminazione famose in lui. Però è certo che in quel grano nelle pianure di Arles e in quel caffè di notte e in quel rosso di pantaloni dello zuavo francese, tutto quello di me che non è legato alle vigne di Bra o ai pozzi del verderame o al colpo di coda della vacca nel sole, tutto il resto abita dentro quei quadri: e certamente in quel grano ho dormito e visto crescere il sole settanta volte in un’ora».
Sono a colloquio con la signora Brero Arpino e con Giovanni Tesio, ordinario di letteratura italiana presso Università degli Studi del Piemonte Orientale, autore dell’introduzione a «Lettere a Rina» (pp. 388, euro 15).
Signora Brero, perché le lettere di suo marito vengono pubblicate solo oggi?
E’  stato un dilemma lunghissimo, perché sono state scritte quando io avevo diciassette anni e oggi ne ho ottantadue. E’  quindi passato moltissimo tempo.  Sono sempre stata indecisa se pubblicarle o no. Poi ho incontrato dei suoi lettori molto qualificati, come ad esempio il professor Scanzano dell’Università di Roma, che aveva scritto un libro su Arpino. Quando mi incontrava la prima cosa che mi chiede è: «Come era Arpino nell’intimità?». Ho capito che al lettore interessava molto l’umanità di Arpino e allora ho deciso di pubblicarle prima di morire.
  Le è possibile esprimere a parole l’essenza spirituale di suo marito?
Aveva scritto tantissime cose e le aveva tenute per sé. Quindi mi sono trovata vivere con un uomo che era nato con le caratteristiche tipiche dello scrittore.  Era un uomo molto generoso, sia con me che con mio figlio, ma era anche uno spirito libero e molto esigente con gli altri come con se stesso. Ad esempio, non desiderava che lavorassi. Fu la ragione del primo grande attrito fra noi. Io mi ero laureata in scienze naturali, non mi andava di rimanere in casa e ho sempre insegnato. Giovanni dopo molti anni l'ha apprezzato.
Quali doti apprezzava maggiormente negli uomini?
Amava molto la sincerità. Non era facile fare amicizia con Arpino. Io credo che di amici ne abbia avuti pochissimi. Era molto difficile anche sincronizzarsi con la sua vita. Ha ricevuto amicizia nell’ambiente suo. E’ stato molto amato da Vittorini, da Sereni e poi da altri scrittori.
Prediligeva l’attività di romanziere oppure quella di giornalista?
Giovanni è un grandissimo giornalista. Infatti quando io rileggo le sue pagine, resto sempre dell’idea che sia di una grandezza unica. Come romanziere – ha scritto tredici romanzi – ci teneva moltissimo a questa produzione. Ma non si è mai espresso in proposito. Diceva: «quando io scrivo scrivo». Però io, come moglie, ho sempre apprezzato moltissimo i suoi scritti giornalistici. Era letto da tutti.
Professor Tesio, che rapporti ebbe con Arpino?
Non sono stato «amico»  di Arpino, nemmeno l’avrei osato. Ma so che ha avuto stima di me e me l’ha anche dimostrato.
Parlando del loro bimbo, Arpino scrive alla moglie: «Non cominciamo a peccare per quel che riguarda Masino. Non dissociamoci da quelli che sono - anche se beato e piccolo, non lo sa - i suoi problemi. Non creiamoci davanti a lui, figure diverse da quelle che l’istinto lo spinge a credere». Si può parlare di Arpino «educatore d’istinto»?
Se per «d’istinto» si vuol dire senza troppe mediazioni di pedagogie applicate, credo proprio di sì. Non so se Arpino possa essere considerato un educatore, di certo può essere considerato un moralista, in senso classico. Allo stesso modo può essere considerato un uomo capace di ascolto e di accoglienza. Non a caso ha tenuto a battesimo molti giovani che gli si sono rivolti.
«La coscienza – scrive in una lettera - è una brutta cosa, specie in un paese vigliacco come il nostro». Quali altri difetti o vizi degli italiani lo indispettivano?
L’ipocrisia, la «freddezza di ghiacciolo» che rimprovera a Calvino, l’opportunismo, il trasformismo. E, appunto, la viltà.
«Non sono uno scrittore che si diverte a scrivere». Come interpretare questa formula?
Semplicemente alla maniera di Philip Roth: l’ispirazione è dei dilettanti, gli altri vanno a lavorare. Lui parlava di «forza del cestino».
In una lettera scrive:  «Il succo del cervello di Arnoldo Mondadori in persona è questo: autori ne ho molti (sia cattivi che buoni), gente editorialmente ferrata - tecnicamente e culturalmente - ne ho meno». Cosa intendeva?
Che i libri si fanno anche nelle redazioni. Che occhi propizi possono di molto aiutare. Che un libro nasce da un insieme di energie animate da molta competenza.
Che cosa fa di Arpino uno scrittore e un giornalista sempre attuale?
La sua curiosità inesausta, la sua intuizione dei fatti, la sua abilità a spremerne il succo, la sua disponibilità a cogliere gli attimi, la sua incredibile densità di racconto e di commento.
Lettere a Rina -  Aragno, pag. 389,  15,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

5commenti

visita

Ferrero, il presidente "esplosivo" a Parma

incontro

Nando Dalla Chiesa: "Criminalità, mai abbassare la guardia" Video

trasporti

Campari (Lega) richiama Ferrovie: "Alta velocità, collegamenti con Parma carenti"

QUARTIERE TAMBURI

Fondazione Pizzarotti e Parole di Lulù onlus insieme per i bambini di Taranto

gazzareporter

Bici e pure la borsetta sotto il ponte

PARMA

Riporta il carrello dopo la spesa e la borsa sparisce dall'auto: denunciato un 29enne

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse