18°

30°

Arte-Cultura

Delvaux, poesia del mistero

Delvaux, poesia del mistero
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

La lunga vita di Paul Delvaux (1897 – 1994) tra la fine degli anni Venti e l’inizio dei Trenta è stata traumatizzata da un cocente dramma interiore che ha sconvolto anche la sua arte, portandolo verso un surrealismo poetico del tutto personale, che si discosta dalle teorie espresse nel «Manifesto» di André Breton del 1924. «Paul Delvaux – ha scritto Emile Langui - non ha più vissuto tra noi, ma in un mondo che lui stesso si è creato pezzo per pezzo». E la straordinaria mostra, ricca di capolavori, in corso alla Fondazione Magnani Rocca (fino al 30 giugno) – realizzata in collaborazione col Museo d’Ixelles e col contributo della Fondazione Cariparma e di Cariparma Crédit Agricole – documenta in modo esemplare la lunga vicenda del pittore belga e i suoi rapporti con gli altri artisti che più l’hanno interessato, come viene evidenziato nel titolo «Delvaux e il Surrealismo. Un enigma tra De Chirico, Magritte, Ernst, Man Ray». Il curatore Stefano Roffi – cui si deve pure il catalogo della Silvana Editoriale contenente anche un saggio di Arturo Carlo Quintavalle – è riuscito a raccogliere ben ottanta opere e quelle del protagonista vanno dal 1920 al 1974: un ampio arco temporale che consente di cogliere i diversi passaggi stilistici e tematici. Nato in una famiglia agiata – il padre era un noto avvocato – Paul François Ernest è stato notevolmente influenzato dalla madre Laure, soprano dal carattere forte e protettivo. A Bruxelles, dove la famiglia si era trasferita, durante gli studi di greco e latino si è appassionato alla mitologia e ha iniziato a disegnare mostrando un precoce talento cosicché a 19 anni si è iscritto alla facoltà di Architettura.
La sua passione però era la pittura e all’Accademia prendeva quella strada, studiando soprattutto la natura e il paesaggio che nei primi lavori esposti affronta in termini impressionistici (La source de l’Empereur) e postimpressionistici (Le chemin vers Rouge-Cloître). Un particolare interesse gli suscitavano le stazioni coi compatti vagoni che si riempiono di merci e lo sferragliare ansimante delle fumanti vaporiere. Lo stesso tema lo riprenderà negli anni Cinquanta quando il corposo realismo si astrae in una silente notturna «Solitude» (1955) mentre la ragazza nuda in primo piano che volge le spalle al tram che corre in un’atmosfera senza tempo allude al passato ormai perduto. Un passato che si fa onirico (1975) nella vecchia locomotiva musealizzata, seppur sbuffante, in un giardino popolato di ragazze nude dai corpi di un acerbo pruriginoso erotismo alla Balthus e dallo sguardo assorto e straniante. Nel 1929 conosceva Anne Marie de Marteleare, da lui chiamata Tam e ritratta seduta compuntamente in un ambiente castamente raggelato. La loro relazione veniva fortemente ostacolata dalla madre e Paul la lasciava iniziando però ad inseguire la «donna» sulla tela: dapprima nella sua prorompente fisicità («Jeune Femme nue» 1930) poi nella pienezza di una giovanile sensualità che la gente guarda con occhi diversi (riprovazione, curiosità, ostentata indifferenza, golosità) nell’intrigante «Venus endormie» (1932). 
La svolta decisiva avveniva nel ’34 allorché visitando la mostra «Minotaure» conosceva le opere di De Chirico, Dalí, Magritte, Ernst, rimanendone affascinato, e qui riproposte con «Le chasseur» di Ernst, le acute «reinterpretazioni» fotografiche dei surrealisti di Man Ray, lo straniante e misterioso «Visage du genie» di Magritte, il classicheggiante «Enigma della partenza» di De Chirico. Da questo momento Delvaux ha liberato i suoi sogni, le sue represse pulsioni verso il mondo femminile con una fantasia che supera i confini del reale senza però aderire alla casualità inconscia dei  surrealisti. «Per me – ha dichiarato – la cosa che mi interessa è l’accostamento di elementi differenti che non hanno alcun rapporto tra loro ma che, per una qualche associazione, provocano uno choc poetico». E della metafisica di De Chirico è rimasto colpito non dai soggetti, ritenuti troppo letterari, ma dalla «straordinaria poesia del silenzio». E in un poetico silenzio è avvolta la giovane donna distesa il cui sogno (Le Rêve) si materializza in una sottile inquietudine: un turbamento che si riflette nella difficoltà di comunicazione delle «Dames en dentelles», le «Femmes aux Salon» e altri disegni. Sempre negli anni Trenta la visita al Musée Spitzner, dove sono esposti scheletri e modelli di organi deformi, gli ha ispirato una serie di disegni che hanno per protagonisti gli scheletri che eseguono danze macabre, duelli e che negli anni Cinquanta li troviamo usati in soggetti religiosi come il grande olio della discussa, tormentata «Crocifissione» dove il dramma è acuito dalla presenza degli scuri elmi metallici dei soldati.
Ma il tema principale delle sue opere resta sempre la donna, sogno ossessivo. Si sposa nel 1937 con Suzanne Purnal ma il matrimonio naufraga presto. Divorzia nel 1949 e ritrova il primo amore, Tam che sposa nel ’52. Negli stessi anni ha cominciato a viaggiare e le sue visite in Italia a Firenze, Roma e Napoli si riflettono nel paesaggio in cui ambienta le sue donne splendide in un’astratta incomunicabilità. Il Quattrocento toscano con le sue scandite architetture fa da sfondo alle «Femmes nues» (1944); un colonnato classicheggiante col Vesuvio sullo sfondo ritma la studiata gestualità delle «Courtisanes»;  su un incantevole palcoscenico che si prolunga sul mare, tra antiche colonne dove il tempo si è trasformato in magia, due giovanette nude «dialogano» («Le Dialogue» 1974) senza parlare né guardarsi: poesia suprema di mistero. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma calcio

D'Aversa promuove Gervinho: "Per Parma fa la differenza" Video

viabilità

Domani chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati Video

ricerche in corso

Albareto, soccorsi attivati per un altro fungaiolo disperso

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

3commenti

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

sicurezza stradale

Massese, allarme per quelle righe orizzontali ormai "fantasma"

politica

Pizzarotti sulla vicenda Casalino: "Le minacce sono il metodo 5 Stelle"

1commento

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

ECONOMIA

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

6commenti

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

SPORT

Pallavolo

Mondiali, l'Italia è già matematicamente qualificata per la final-six

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"