19°

Arte-Cultura

Tavole non sempre pulite

Tavole non sempre pulite
Ricevi gratis le news
0

di Luca Pelagatti
E' come nei thriller: l’apparenza inganna. E c’è sempre un colpo di scena.  Peccato che nei gialli a riportare il sereno prima o poi  arrivi il buono di turno, tenace e irresistibile. Questo, però, non è un telefilm. E per un eroe che trionfa  sbucano dal nulla dieci nuovi cattivi. Sempre più pericolosi. Droga? Armi? Terrorismo?  Nulla di tutto questo: parliamo di candide mozzarelle e panciuti pomodori, prosciutti e spremute d’olio. Il meglio del Bel Paese in tavola che, appunto come nei thriller, nasconde una doppia anima: sembra una cosa ed è tutt’altro. A raccontarci questo noir dal retrogusto di marcio è il giornalista parmigiano Luca Ponzi – già cronista della Gazzetta e ora alla Rai di Bologna – che con la collega  Mara Monti del gruppo del Sole 24 ore – ha scritto un libro-inchiesta che si legge come un poliziesco. Ma alla fine lascia un gran amaro in bocca: «Cibo criminale – il nuovo business della mafia italiana» (editore Newton Compton, 336 pagine, euro 9,90, presentazione martedì alle 18 alla libreria Feltrinelli di via Farini; accanto a Ponzi intereverranno  il procuratore aggiunto di Modena Lucia Musti e il presidente di Coldiretti Emilia Romagna Mauro Tonello; moderatore Marco Balestrazzi). Un libro che inizia con un omicidio avvenuto tra i filari di lambrusco nella Bassa e che prosegue con una serie pressoché infinita di attentati: peccato che  le vittime siamo tutti noi. Sì,  perché questa inchiesta, di taglio e stile anglosassone per vigore e forza di fascinazione, osa fare quello che troppo poco spesso viene fatto in Italia. Ovvero svelare cosa ci finisce nel piatto. E perché. Il «cosa» è una montagna di spazzatura riciclata da organizzazioni criminali e personaggi spregiudicati che manovrano un fiume sotterraneo di prosciutti danesi «naturalizzati» italiani, di cagliata lituana trasformata per magia in latte di bufala campana, di scarti semiputrefatti di formaggi ringiovaniti che diventano  grattugiato in busta, di olio lampante made in Tunisia - per capirci, quello da usare nelle lanterne - truccato da visagisti della chimica in extravergine toscano. Ed è inutile aggiungere che a rimetterci, oltre al portafoglio di noi consumatori, è anche la salute. E il perché è facile da spiegare: soldi. Tanti soldi, una montagna di soldi che Ponzi e Monti hanno quantificato, basandosi sui dati Eurispes, in 220 miliardi di euro all’anno. Che tradotto vuol dire 11% del prodotto interno lordo del nostro Paese. Di poeti, contadini e imbroglioni.  Dietro il business dell’agromafia, come è ovvio, c’è di tutto: dal balordo che si inventa un redditizio imbroglio nel capannone dietro casa alle grandi  organizzazioni criminali che grazie a complicità di intermediari ammanicati, veterinari corrotti e imprenditori senza remore hanno contagiato interi territori. Come ha scritto Saviano in Gomorra e come svelano gli autori di questa inchiesta che arriva anche all’ultimo livello, ai «bancomat» della camorra e della ‘ndrangheta: i fondi europei e i ministeri italiani. Ma sia chiaro: questa inchiesta non guarda solo lontano da noi, nelle regioni malavitose del sole vero e della mozzarella taroccata. No,  questa inchiesta racconta come anche l’oro rosso di casa nostra,  il pomodoro della pianura padana, faccia gola ai banditi del gusto. Che ogni giorno importano 1500 fusti da 200 kg di concentrato cinese che, con un po’ d’acqua, sale e faccia tosta, viene inscatolato e spedito in giro. A fare da portabandiera all’italian food. Oppure come a due passi dalle nostre campagne la malavita abbia annusato il profumo del denaro che sta dietro cosce di maiali stranieri, di basso valore: basta una smarchiatura truffaldina e dal nulla spunta i prosciutto italiano, quello che il mondo ci invidia. E il guadagno si quantifica in milioni. Sia chiaro però: stiamo parlando di truffe, reati, attentati alla salute pubblica, non della norma.  E il libro, infatti, puntualmente cita inchieste, processi, intercettazioni e atti giudiziari con nomi e cognomi di quelli che mettono alla repentaglio la salute di tutti noi e danneggiano gli onesti. Lo gridano gli stessi agricoltori: «una mucca anabolizzata pesa 100 kg di più di un animale allevato correttamente. E rende 400 euro in più». Il risultato ovvio e che quelli per bene, per colpa delle agromafie,  ci rimettono. E noi intanto grigliamo spremute di ormoni. Per evitarlo non c’è che un modo: essere attenti, pignoli e documentarsi il più possibile. Magari leggendo libri come questo che fanno crescere la nostra curiosità e la voglia di sapere. Come antipasto, per evitare le fregature, non ne esiste di migliore.
Cibo criminale
Newton Compton, pag. 336,9,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno