13°

28°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Verdi, un contadino ostinato

Ricevi gratis le news
0

 Anna Maria Dadomo

Gli ospiti erano arrivati, ma lui non aveva nessuna voglia d’incontrarli. Che ci pensasse la Peppina a fare gli onori di casa, a intrattenerli. Infilò la giacca, mise il cappello e uscì dalla porta di servizio per non farsi vedere. Liberò i cani. Perchè erano venuti? Non avevano forse ricevuto la sua lettera?  Eppure, l’aveva scritta per tempo avvertendoli che  era occupato, - occupatissimo -, che la stagione  era brutta, le strade impraticabili,  che minacciava di nevicare da un momento all’altro, che, insomma, se ne stessero tranquilli a Milano in attesa di notizie migliori. Invece no. Erano venuti ugualmente. Non bastava aver comprato casa e podere in quella pianura che piaceva solo a lui, in quella Bassa dove il clima era aspro sia d’estate che d’inverno, - e non invogliava certo a soggiornarvi -, giusto per isolarsi e tenere alla larga gli scrocconi e i perditempo… macchè, ecco che arrivavano, oh se arrivavano.
 Solo la Peppina era contenta di averli per casa, di ascoltarli. Pettegolezzi soprattutto. Bisognava capirla, povera donna, relegata in campagna  per mesi e mesi, lasciata sola  con le serve e  con quei contadini rozzi e senza istruzione, e con lui che, lo ammetteva, quando non aveva voglia di parlare era come rivolgersi a un muro. E infatti non cercava neppure più di stanarlo dal suo mutismo con qualche parola, qualche cauta domanda, con il racconto di vicende o notizie tratte dalle lettere che riceveva e gettava lì come esca  per interessarlo…, eh, sì, per fortuna si era rassegnata e lo lasciava in pace accontentandosi di  monosillabi, stentati pure quelli.  
Man mano che si allontanava dalla villa si sentiva sempre più al sicuro (voleva ben vedere se qualcuno  di quei  cittadini inamidati l’avrebbe seguito!). Quando poi la perse del tutto di vista,  addirittura euforico. Che piacere essere soli con se stessi. In silenzio. La stesura dell’ultima opera  gli era costata molta  fatica, l’aveva lasciato stremato, pervaso da una malinconia, e  da un senso profondo di inutilità. Non voleva neppure più ripensare a tutto il lavoro che aveva fatto, agli ostacoli che si erano presentati subito, fin dall’inizio, alle ripetute richieste  per fare modificare quel benedetto libretto che non corrispondeva al suo sentire, che grondava retorica e falsità ad ogni parola. Ma adesso basta. Era finita. Silenzio e oscurità, questa la sua medicina. E anche quel camminare di buon passo respirando con ingordigia l’aria fredda e nebbiosa, richiamando ogni tanto i cani, piegandosi per una carezza sulla testa che loro accettavano mugolando di piacere , guardandolo con occhi devoti  per poi lanciarsi di nuovo per i campi  e  sparire, l’aiutava. Nessuno l’avrebbe raggiunto. Via, via. Lontano dagli ospiti e dalle chiacchiere che, a ben guardare, erano il meno. Lontano soprattutto dagli artigli dei critici, della stampa, del pubblico. Successo? Insuccesso? Tiepida accoglienza? Applausi di circostanza quelli che avevano accolto l’ultima sua opera? Parole senza significato. Per tutta quella gente la musica era solo un pretesto per una riunione mondana, per affollare i teatri. Che dicessero quello che volevano, i critici! Lui  non leggeva gli articoli delle gazzette, lui era al di là dei loro poveri giudizi. Cosa potevano mai sapere loro di  cosa significasse essere artista. L’arte esige uno stile, un ordine, una disciplina. Sentirsi artisti, essere artisti da capo a piedi, dalle calze al cappello, da quello che si mangia a quello che si dice, dalle rose che si piantano alle lettere che si scrivono, dalle parole al silenzio. Al silenzio. Che la smettessero di incalzarlo, di chiedere, di interrogarlo. Non gli avrebbero cavato una sola parola di bocca. Essere artisti, e non mestieranti, era  un modo di vivere. Anche in quel momento, sì, in quel preciso momento in cui lui andava  per la campagna vuota e che la nebbia rendeva simile all’ombra dei gelsi che apparivano e scomparivano, era artista. E uomo. Era questo che dimenticavano troppo spesso. 
Uomo concreto che traeva la sua musica dalla terra perché lì nella terra affondavano le radici della sua immaginazione. Lui avrebbe scritto altra musica per non sprofondare nel fango di una vita qualunque, di una vita triviale. Ma la sua musica, lui lo sapeva bene, germinava sotto quella scorza di duro silenzio come il grano sotto la terra e la neve che sarebbe caduta. Mai l’avrebbe detto a  quegli zucconi. Che ci arrivassero da soli a capirlo! Si chinò, prese una manciata di terra. La fregò tra le mani. Ne respirò l’odore. A fondo. Con gli occhi chiusi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

1commento

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno