13°

28°

Arte-Cultura

Escher, geometria della trascendenza

Escher, geometria della trascendenza
Ricevi gratis le news
0

 di Manuela Bartolotti

Si può fare poesia della geometria? Sembrerebbe impossibile, ma è questa la magia dell’arte di Maurits Cornelis Escher, (1898-1972) anzi il suo enigma, come si può constatare tra gli inganni ottici e i paradossi grafici delle sue stampe in mostra a Palazzo Magnani di Reggio Emilia fino al 23 febbraio 2014. Sono 130 opere provenienti da prestigiosi musei e collezioni private, scelte da un comitato scientifico d’eccezione coordinato dal matematico Piergiorgio Odifreddi e composto dallo storico dell’arte Marco Bussagli, il collezionista Federico Giudiceandrea e Luigi Grasselli, professore ordinario di geometria e pro-rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia. L’incisore olandese stupisce per perizia e originalità fin dalle prime opere giovanili, con ex libris liberty e grafiche ispirate ai paesaggi italiani. La sua peculiarità è riuscire subito a rendere il movimento nella staticità con accuratissime linee xilografiche, esprimendo la forza interna e compressa dei segni. Accanto alle sue stampe si trovano anche quelle dei suoi referenti artistici, da Dürer a Piranesi. Le vedute dei paesi dell’amata penisola italiana ricordano Giotto e le variopinte geometrie del Medioevo, dove ovunque la natura è riorganizzata dall’uomo e dominata per riflesso dell’ordine divino. Non si può quindi non fare filosofia e non pensare alla concezione ermetica del «tutto in tutto», ovvero di un mondo costituito da linee che s’intersecano, si confondono per poi comporsi in un insieme armonico, universale. La geometria aiuta a comprendere il trascendente, la fisica spiega la metafisica, l’impossibile si fa giustificazione dell’impossibile. Si avanza per paradossi e per scatole cinesi in una galleria di rompicapi. Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma secondo l’assunto di Lavoisier poi ribadito da Einstein. Per Escher tutto si fa metamorfosi, eterno mutamento. A questo proposito è esemplare non solo la grande e famosissima striscia della «Metamorphose», ma anche la più poetica litografia «Tre mondi», dove acqua, terra, aria sembrano sovrapporsi e mischiarsi nel gioco dei riflessi. Disegnare è creare continuamente ed è imperativo categorico per Escher. Così il moto del segno coincide con quello dell’anima e dello spirito universale che va scoprendo la magia della trasformazione. Negli inganni ottici che amplificano le formule piranesiane grazie anche alle scoperte scientifiche, si capisce come tutto possa essere visibile e nulla nascondersi. Basta saper vedere sotto la superficie delle cose, nel seguito di un profilo, di una linea perché nessun confine è mai confine ma forma che si rigenera continuamente, come un osmosi infinita. Nulla è fermo e la stasi è un’illusione.Escher sognava di poter realizzare una sequenza animata dalle sue creazioni e in questa esposizione il sogno si è materializzato in una sala dove le sue forme animali meccanico-metamorfiche sono proiettate su tre pareti in modo così coinvolgente che pare di esserne parte. L’artista ha genialmente mischiato le suggestioni medievali, i fitomorfismi, gli zoomorfismi gotici alle scoperte scientifiche d’avanguardia. Alle opere s’accompagnano suoi illuminanti frasi quali «c’è qualcosa di un menestrello in ogni artista grafico». Infatti le combinazioni delle cose e delle forme hanno un andamento musicale e tutto è regolato perfettamente come un grande spartito, in un concerto di voci sovrapposte. Alla base dell’opera di Escher c’è anche la musica e ben s’adatta a queste stanze il sottofondo di musica settecentesca, fatta di richiami, riprese, accelerazioni e rallentamenti. L’ultima sala è dedicata alle assimilazioni delle nuove arti alla sua opera, quindi l’Optical Art e Keith Haring. L’abilità di quest’autentico genio è stata di trovare l’infinito nei segni. La sua inesausta ricerca, tra scienza e arte, è sempre stata quella di riuscire ad afferrare l’impossibile. La chiave di ogni progresso e della verità è la curiosità, la volontà di continuare ad avanzare nel caleidoscopio della vita, passando da bellezza a bellezza, da stupore a stupore. Perché «colui che cerca con curiosità scopre che questo di per sé è una meraviglia». L’indicazione d’inizio è quella di fine e viceversa in questo labirinto affascinante: «Solo coloro che tentano l’assurdo, raggiungeranno l’impossibile». Dunque pensiamo, guardiamo, pensiamo ancora. Come Alice nel Paese delle meraviglie, è bellissimo perdersi nei paradossi visivi, negli scarti cognitivi, nei rompicapi dell’enigma Escher. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolta anche una squadra di basket di Parma

16 indagati e sequestro per 25 milioni. Come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Incendio in una ditta di luminarie natalizie. Il Comune: "Chiudete le finestre"

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

4commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno