10°

24°

INTERVISTA

Cristina Parizzi: "C'è qualcosa di nuovo in cucina: si riparla di buona accoglienza"

Cristina Parizzi

Cristina Parizzi

Ricevi gratis le news
0

 

Sandro Piovani
Chiamatela accoglienza, chiamatelo galateo della tavola. Per molto (troppo) tempo, anche dalle nostri parti, sembrava un ingrediente dimenticato nella cucina di molti ristoranti. Pochi i grandi maestri di accoglienza, in città. Citiamo per tutti Ugo Bertolotti (Il Tramezzo) e Corrado Cocchi (Da Cocchi). Due esempi da seguire. Perché lo star bene a tavola inizia proprio dall'accoglienza, dal mettere a proprio agio il cliente. E, attenzione, non stiamo parlando di eleganza fine a se stessa. Significa spiegare la propria cucina, preparare la tavola in modo accattivante. Comodità, insomma. Cristina Parizzi (ristorante Parizzi), giovane ma esperta maitre di sala, da anni sta curando questo aspetto. Prima ha studiato. Ora, gratuitamente, insegna questa ostica materia, in collaborazione con l'istituto alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore . 
Come è nata l'idea di insegnare il galateo della tavola?
«Ci siamo accorti che è mancata una generazione di nonne capaci di trasmettere le usanze e le tradizioni legate alla famiglia. Oggi c'è un grande ritorno nei giovani nei valori tradizionali, mi sono accorta proprio affiancando mio marito nelle lezioni di cucina che anche le cose più banali non sono state tramandate. Ho cominciato così a pensare di aggiungere una mezz' oretta di corso dove insegno  come si può preparare una tavola per la grande occasione piuttosto che quella informale con amici. E l' iniziativa sta sempre più riscuotendo successo».
Che significato avrà l'accoglienza nella ristorazione del futuro?
«A mio parere nella ristorazione del futuro l'accoglienza sarà sempre più importante, perchè è la prima azione di marketing del ristorante e perchè, nell’immaginario collettivo, quello del cameriere è un lavoro che tutti possono fare, richiede invece una grande professionalità, studio e applicazione per essere all’altezza del cliente. I camerieri già oggi più dei cuochi sono ricercati dai ristoranti di ogni livello».
Qual è la prima regola che nessuno deve infrangere, dalla trattoria al grande ristorante?
«La buona educazione, la cordialità, l’amore per il proprio lavoro».
Lei lavora in un ristorante stellato. Quando ha capito l'importanza dell'accoglienza?
«La mia è una passione da sempre, ho sempre amato le buone maniere, le cose belle. Mi trovo a mio agio in una tavola ben apparecchiata, attorno alla quale si ritrova una famiglia per comunicare. Credo che la televisione in sala da pranzo sia da bandire in tutte le case, e che molti dei problemi di incomunicabilità coi propri famigliari derivino proprio dalla mancanza di dialogo: credo che la tavola sia un ottimo posto dove capire i messaggi che i nostri figli ci danno».
Perché ha accettato di insegnare questa materia? 
«Perchè non è materia prevista negli istituti alberghieri e mi piacerebbe che i ragazzi si appassionassero a questo aspetto della ristorazione. Ripeto, oggi e ancora più domani ci sarà grande richiesta di professionisti capaci».
I futuri maitre e camerieri hanno capito l'importanza della materia?
«Mi hanno stupito. Ho trovato molto interesse nelle loro domande, in fondo molte volte siamo noi a sottovalutare le potenzialità dei giovani e troppo spesso ci dimentichiamo quanto possono appassionarsi se mossi con le leve giuste».
Essere sommelier e maitre è un passaggio in più?
«Come in tutti i lavori ci sono qualifiche e gerarchie. Il maitre è il responsabile di tutto il servizio di sala. Maitre o caposala è il massimo grado che si può raggiungere nel servizio di sala, seguono cameriere o chef de rang e comis di sala e l’apprendista. La classificazione è ancora piu distinta nelle grandi brigate, e nasce dalla scuola francese. Il sommelier è il responsabile dell’acquisto e della vendita delle bevande. Seguono il comis sommelier e l’apprendista sommelier. In Italia per ragioni di costi si tende ad unificare queste due carriere e sovente si sovrappongono».
Sandro Piovani

Chiamatela accoglienza, chiamatelo galateo della tavola. Per molto (troppo) tempo, anche dalle nostri parti, sembrava un ingrediente dimenticato nella cucina di molti ristoranti. Pochi i grandi maestri di accoglienza, in città. Citiamo per tutti Ugo Bertolotti (Il Tramezzo) e Corrado Cocchi (Da Cocchi). Due esempi da seguire. Perché lo star bene a tavola inizia proprio dall'accoglienza, dal mettere a proprio agio il cliente. E, attenzione, non stiamo parlando di eleganza fine a se stessa. Significa spiegare la propria cucina, preparare la tavola in modo accattivante. Comodità, insomma. Cristina Parizzi (ristorante Parizzi), giovane ma esperta maitre di sala, da anni sta curando questo aspetto. Prima ha studiato. Ora, gratuitamente, insegna questa ostica materia, in collaborazione con l'istituto alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore . Come è nata l'idea di insegnare il galateo della tavola?«Ci siamo accorti che è mancata una generazione di nonne capaci di trasmettere le usanze e le tradizioni legate alla famiglia. Oggi c'è un grande ritorno nei giovani nei valori tradizionali, mi sono accorta proprio affiancando mio marito nelle lezioni di cucina che anche le cose più banali non sono state tramandate. Ho cominciato così a pensare di aggiungere una mezz' oretta di corso dove insegno  come si può preparare una tavola per la grande occasione piuttosto che quella informale con amici. E l' iniziativa sta sempre più riscuotendo successo».

Che significato avrà l'accoglienza nella ristorazione del futuro?

 

A mio parere nella ristorazione del futuro l'accoglienza sarà sempre più importante, perchè è la prima azione di marketing del ristorante e perchè, nell’immaginario collettivo, quello del cameriere è un lavoro che tutti possono fare, richiede invece una grande professionalità, studio e applicazione per essere all’altezza del cliente. I camerieri già oggi più dei cuochi sono ricercati dai ristoranti di ogni livello».Qual è la prima regola che nessuno deve infrangere, dalla trattoria al grande ristorante?«La buona educazione, la cordialità, l’amore per il proprio lavoro».

Lei lavora in un ristorante stellato. Quando ha capito l'importanza dell'accoglienza?

«La mia è una passione da sempre, ho sempre amato le buone maniere, le cose belle. Mi trovo a mio agio in una tavola ben apparecchiata, attorno alla quale si ritrova una famiglia per comunicare. Credo che la televisione in sala da pranzo sia da bandire in tutte le case, e che molti dei problemi di incomunicabilità coi propri famigliari derivino proprio dalla mancanza di dialogo: credo che la tavola sia un ottimo posto dove capire i messaggi che i nostri figli ci danno».

Perché ha accettato di insegnare questa materia?

«Perchè non è materia prevista negli istituti alberghieri e mi piacerebbe che i ragazzi si appassionassero a questo aspetto della ristorazione. Ripeto, oggi e ancora più domani ci sarà grande richiesta di professionisti capaci».

I futuri maitre e camerieri hanno capito l'importanza della materia?

«Mi hanno stupito. Ho trovato molto interesse nelle loro domande, in fondo molte volte siamo noi a sottovalutare le potenzialità dei giovani e troppo spesso ci dimentichiamo quanto possono appassionarsi se mossi con le leve giuste».

Essere sommelier e maitre è un passaggio in più?

«Come in tutti i lavori ci sono qualifiche e gerarchie. Il maitre è il responsabile di tutto il servizio di sala. Maitre o caposala è il massimo grado che si può raggiungere nel servizio di sala, seguono cameriere o chef de rang e comis di sala e l’apprendista. La classificazione è ancora piu distinta nelle grandi brigate, e nasce dalla scuola francese. Il sommelier è il responsabile dell’acquisto e della vendita delle bevande. Seguono il comis sommelier e l’apprendista sommelier. In Italia per ragioni di costi si tende ad unificare queste due carriere e sovente si sovrappongono».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Corona paparazzato con Belen, Silvia Provvedi lo lascia!

milano

Belen al ristorante con Corona: il gossip impazza

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

ROMA

Incidente stradale per la Caldonazzo: ferita

E' morto Marco Garofalo, coreografo di tanti show

TELEVISIONE

E' morto Marco Garofalo, coreografo di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

CONSIGLI

Formazione e specializzazione: le armi vincenti per trovare lavoro

Lealtrenotizie

Precipita in un bosco facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne

tragedia sfiorata

Precipita in una scarpata facendo parapendio a Langhirano: ferito un 50enne Video

anteprima gazzetta

Bimba di dieci anni, da Bari salvata al Maggiore dopo mesi da incubo Video

ARTE

"Il Terzo Giorno" porte aperte al Palazzo del Governatore Fotogallery

ALLUVIONE

Pizzarotti attacca la procura: "Crede che le persone siano individui da sbattere in prima pagina"

Il sindaco su Fb: "Oggi ci vuole un pazzo per fare il sindaco"

16commenti

METEO

Anticipo d'estate, caldo anomalo in mezza Europa

Temperature da inizio giugno a Nord, picchi di 27-28 gradi

PARMA

Auto si ribalta in via Montebello: ferita una 72enne Video

1commento

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Polemica

Parco del Dono, abitanti contro migranti

22commenti

ASSEMBLEA

Parmalat: Bernier conferma i target 2018. Scontro con il fondo Amber

L'INCHIESTA

Maxi frode, via agli interrogatori di garanzia

PROGETTO

Esselunga, formazione per nuove assunzioni

la foto

Intervento dei vigili dei fuoco in via Mantova

tg parma

Circolo La Raquette: indetto il nuovo bando per la gestione Video

PARMA

Trovata una bicicletta: di chi è?

La polizia municipale pubblica la foto su Twitter

tg parma

Scontro auto-scooter in viale Pasini: un ferito, disagi al traffico Video

L'incidente si è verificato attorno alle 11

Montecchio

«Nuvola», morta la maestra paladina della natura

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Casellati subito prigioniera dei veti

di Vittorio Testa

L'ESPERTO

Termovalvole: se non si usa il riscaldamento si paga solo la quota fissa

di Mario Del Chicca*

1commento

ITALIA/MONDO

politica

M5S-centrodestra, nessun accordo: "Sì a un appoggio esterno di Fi e Fdi" e "Intesa solo se c'è tutto il centrodestra"

Parco d'Abruzzo

Un orso muore durante la cattura e si riapre la polemica

SPORT

Rugby

L'addio di Manici: "Il mio corpo dice basta, ora farò l'allenatore" Video

Calciomercato

Morata, ecco il bomber di ritorno

SOCIETA'

MOBILITA'

Auto senza pilota: parte anche in Italia la sperimentazione

classifica

L’astrofisica Branchesi e il chirurgo Testa(unici italiani) tra le cento persone più influenti per Time

MOTORI

MOTORI

Audi e le altre: la Design week a quattro ruote

MOTORI

Mahindra KUV100, il city Suv che non ti aspetti