18°

28°

Moda

Armani e il fascino della donna normale. Dsquared si ispira a una diva in rehab

Le ultime novità dalle sfilate

Armani e il fascino della donna normale. Dsquared si ispira a una diva in rehab
Ricevi gratis le news
0

 

E’ capace di reinterpretare un capo rendendolo attuale e accattivante, disegna una collezione muovendosi in punta di piedi sulle- 50- sfumature del grigio e gli regala un’energia da concerto rock grazie a dei lampi color lime, non manda in passerella modelle capaci solo di sfilare ma chiede loro di essere: semplicemente donne vere che camminano per strada. Capi iconici della maison come il tailleur, cambia pelle mantenendo la stessa eleganza per una donna avant-garde. Il color lime si inserisce sulle bande laterali dei pantaloni, sulle gonne e gli abiti o sui preziosi dress che illuminano la sera. I tessuti vanno dalla flanella- capace di accogliere e valorizzare i tanti grigi-, e il tulle. Ancora una volta Giorgio Armani sorprende nella sua coerenza e nel suo stile senza tempo, e non c’è da stupirsi se dall’alto del suo trono osserva la moda intorno con la sua frenesia e le sue fantasie. Sì, perché re Giorgio riflette, si arrabbia, si interroga e si stupisce in conferenza stampa, parlando di “certi” suoi colleghi che, come dice lui: «non creano funzionalità ma una moda spettacolare».
Lo stilista emiliano ha tenuto a sottolineare che prima di chiedere sostegno al nuovo governo, ci sia la necessità di fare grande chiarezza su ciò che è spettacolo e moda: «Mi sento una mosca bianca, che disegna collezioni pensando a donne che un giorno le indosseranno e le potranno acquistare. Non si deve stupire a tutti i costi e far andare la fantasia a ruota libera, si deve produrre e creare prodotti che corrispondano ad una reale funzionalità altrimenti si perde la nostra identità». Ma Armani ha manifestato anche la sua delusione verso un calendario moda che lo vede sfilare sempre nel giorno di chiusura e che non mantiene alta l’attenzione sugli eventi fino alla fine: «Oggi una signora molto influente ha preso il suo aeroplano ed è volata a Parigi (riferendosi ad Anna Wintour direttore di Vogue America, nda) e questa sua assenza pesa molto e crea un danno. La camera della moda deve trovare una soluzione».
Soluzione che non tarderà ad arrivare, come ha commentato Jane Reeve, nuovo ceo di Camera della Moda, presenta alla sfilata di Stella Jean, stilista emergente tenuta a battesimo la scorsa stagione proprio da Giorgio Armani. Una collezione ricca di colori e contrasti tanto amati dalla designer di origini haitiane. Atmosfere che spaziano dal Giappone all’Africa per i capi che diventano una musica per lo sguardo. Carpe rosso fuoco fluttuano su kimoni di lana, galli che adornano la maxi gonna a ruota e uccelli di fuoco si librano su cinture e pantaloni. I colori caldi del tramonto africano come il rosso, l’arancio e l’ocra si fondono con i verdi e i panna per maglie in lana e tessuti canvas realizzate dalle artigiane del Burkina Faso nell’ambito del progetto Ethical Fashion. Il mal d’Africa è nell’aria e a Stella Jean ne va il merito. Perché la moda può essere l’interpretazione di un quadro, di una fiaba o di un’esperienza; così come quella che i due gemelli dal fashion hanno portato sulla pedana dell’Alcatraz in quella che, è stata una vera espressione artistica. Dean e Dan Caten, designer di DSquared2 sono partiti per l’ispirazione della loro linea, da una diva che affronta un rehab. Da una situazione negativa e di dolore, nella quale perderà i suoi gioielli e i suoi abiti, rinascerà con una nuova forza e un nuovo guardaroba. Modelli couture che diventano un piacere per lo sguardo, tagli anni sessanta per cappottini, miniabiti e lunghe cappe che illuminano la passerella. Tanta opulenza per dettagli e accessori, come i sandali “correttivi” con tacchi in gabbie metalliche e le collane che diventano “tutori ortopedici”. Un glamour estremo anche per i pantaloni jacquard in seta impreziositi da inserti in lamè. Una riabilitazione accompagnata da pietre e visoni per un pieno ritorno alla divina normalità.
E’ invece conscia del suo fascino che sussurra con grazia e femminilità la donna di Massimo Rebecchi, che ama giocare con eleganza e stile delicato. Una palette colori che spazia dall’azzurro all’arancio per poi fondersi con il blu e il nero per abiti e gonne dalla silhouette definita. Materiali pregiati frutto di una lunga lavorazione artigianale come la maglieria: in mohair, in merinos mischiate a pizzi e chiffon. Femminilità con carattere come l’abito in pizzo nero che chiude una linea che è un inno alla donna. E’ invece un urlo libero quello voluto da Pucci, dove lo stilista Peter Dundas, ha disegnato una collezione dallo stile “wild”. Una donna selvaggia e istintiva che indossa fantasie navajo sulle celebri stampe della maison. Pellicce e stivali che ricordano il mantello dei cavalli Appaloosa, mini abiti gioiello su parka smanicati, lavorazioni intrecciate per i maglioni e poncho. Trame indiane si rincorrono su maglie e abiti che giocano sulle trasparenze e i tagli. Magia e stupore per trame iconiche che cambiano forma mantenendo lo stesso allure, sfoderato poi nella serie di abiti oro brillanti, scintillanti che ricordano i look ispirati agli anni 70, ad una donna libera e viaggiatrice. Dello stesso linguaggio anche la “lei”, disegnata da Ermanno Scervino, che porta in passerella una sottoveste tecnica da indossare sotto un parka. Una collezione ricca di dettagli che incantano lo sguardo. Toni pastello per abiti bon ton che esaltano la figura. Cappotti cammello e in montone si impreziosiscono di ricami preziosi e accompagnano abiti in pizzo azzurri che regalano sogni per lo sguardo. Lo stilista fiorentino non smentisce la sua visione glamour per la donna e le regala colori come il verde, il cipria, il viola da vivere in libertà ed eleganza. E’ la purezza assoluta l’arma vincente di Marni, che gioca sugli elementi che definiscono l’estetica e spinge l’acceleratore sul minimalismo e l’ anticonvenzionalità dimostrando che si può vincere con nuovi linguaggi. La silhouette diventa un’interpretazione architettonica e un’idea di femminilità forte e tenace. Il neoprene viene usato per abiti e gonne percorsi da rouche, per pantaloni dai tagli curvi e top che avvolgono il busto. Le pellicce sono costruzioni geometriche, montoni laminati e piume che arricchiscono le gonne. Bianchi, grigi, cammelli e verdi militari si alternano a rossi e turchesi. Una moda che non alza la voce ma detta regole autorevoli. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"