17°

31°

donne

Piccole storie di grandi parmigiane/8

Dizionario delle parmigiane
Ricevi gratis le news
0

Piccole storie di donne parmigiane - alcune note, altre no - che hanno fatto un pezzetto della nostra storia. Oggi l'ottavo degli appuntamenti settimanali che abbiamo voluto dedicare alle parmigiane di un passato più o meno recente, celebrandole sul nostro sito e raccontandole grazie al prezioso lavoro di Fabrizia Dalcò, che proprio a loro ha dedicato "Il dizionario biografico delle parmigiane", da cui queste schede sono tratte e che è stato voluto dalla Provincia di Parma. Ecco le quattro della settimana, il nostro augurio di buona Pasqua.

Lasagna Laura
Parma 13 giugno 1943 - 24 settembre 2012
Insegnante. Quarta di cinque fratelli, figlia di una modista e di un tipografo, manifestò fin dall’infanzia un grande amore per i colori. Avrebbe voluto inscriversi all’Istituto d’arte, ma i genitori la orientarono verso una scelta che offrisse maggiori prospettive di lavoro: l’Istituto magistrale. Iniziò a insegnare alla scuola popolare nel 1964, per passare di ruolo nel 1967 alle elementari. Rifiutò di allontanare dalla sua classe un bambino già destinato alle classi differenziali: un atto di disobbedienza alle disposizioni del Ministero che la porterà a impegnarsi nella lotta per la chiusura delle classi differenziali e delle scuole speciali. Il 2 febbraio 1969 partecipò all’assemblea indetta dal movimento studentesco di Medicina che diede inizio all’occupazione del manicomio di Colorno. L’impegno nella scuola si salderà con quello fuori dalla scuola: nell’Associazione per la lotta contro le malattie mentali, nella battaglia per la chiusura del Brefotrofio, nel lavoro quotidiano all’interno del progetto pilota a livello nazionale dei “Laboratori protetti”. La sua tesi di laurea - Il rifiuto sociale e il laboratorio protetto - fu discussa a pieni voti nel 1971, con i complimenti di una commissione fra cui spiccava la figura di Franco Basaglia. Ideali politici e pratica d’insegnamento erano per lei inscindibili. Il suo metodo di lavoro nasceva dalla volontà di garantire a tutti gli strumenti “per capire e dire”, rifiutando il fatalismo di chi considerava la capacità di scrivere un “dono di natura”: da qui la ricerca di una “didattica della lingua” che liberasse le parole arricchendole di tutte le esperienze e i linguaggi espressivi. Il suo impianto metodologico esigeva una scuola aperta verso l’esterno, una revisione dei rapporti (insegnante/alunni, insegnante/genitori, genitori/figli, uomo/donna), una visione interdisciplinare della conoscenza, letture e scritti alternativi ai libri di testo, l’uso sistematico della biblioteca, l’uso di tutti mezzi espressivi. Il teatro divenne, in tal senso, uno strumento essenziale perché dava il coraggio di parlare senza soggezione di fronte a maestri e compagni, liberava le parole e la scrittura, valorizzava l’immaginazione per attribuire agli oggetti nuovi significati e funzioni: “Un esercizio? No, una scelta politica, una lettura nuova, una possibile trasformazione del mondo”. Le prime esperienze di pratica teatrale datano ai primi anni ‘70, nelle scuole di Mezzani inferiore e Sorbolo, e si rafforzano nei progetti realizzati alla scuola Martiri di Cefalonia di Parma negli anni ‘80. Nel 1987-1988 il Teatro delle Briciole lanciò il progetto “La scuola scrive per il teatro”, rivolto a tutte le classi elementari di Parma e provincia. La sua classe lavorò per vari mesi alla scrittura del racconto Dove finisce quel fruscio d’uccelli, che sarà scelto per una trasposizione teatrale nella stagione 1988-1989. Iniziò così l’intesa collaborazione con la regista Letizia Quintavalla, con la quale realizzerà, fra gli altri, il laboratorio Del piccolo e del grande nell’ambito del Progetto Odissea delle Briciole (1990-1991), Povero Pinocchio (1991-1992), Paesaggi (1993-1994), fino al progetto sperimentale quadriennale Così impari! (1996-2000). Dal suo lavoro con i bambini nasceranno diverse pubblicazioni, come Andando per stelle, una raccolta di testi il cui ricavato andrà a finanziare la costruzione di una scuola a Tepalón, in Nicaragua. Fu lei a impostare il progetto per la creazione della biblioteca “La Baia del Re” (inaugurata nel 2000), a organizzare gli incontri di Omaggio alla lettura, per i quali otterrà la collaborazione di attori, registi, genitori, insegnanti, docenti di pedagogia dell’arte e di letteratura per l’infanzia. La ricerca sui “linguaggi espressivi”, centrale nel suo percorso d’insegnante, ha accompagnato tutta la sua vita di donna e di artista che, con i suoi scritti, con i suoi dipinti e suoi ritratti, ha saputo raccontare la sua storia.
Fonte: notizie fornite da Leonardo Di Jorio, Irene Di Jorio, Letizia Quintavalla; Archivio Di Jorio Lasagna.

Del Bono Dorotea
Parma 1779
Poetessa. Rimangono sue rime negli Atti della solenne incoronazione fatta in Campidoglio della insigne poetessa Maddalena Morelli Fernandez, pistoiese, tra gli accademici Corilla Olimpica stampati a Parma nel 1779. Ebbe nome arcadico di Dori Dolfense ed è soggetto e dedicataria di molti versi del poeta Innocenzo Frugoni. Ebbe una villa presso Guastalla dove tenne un salotto frequentato da artisti e intellettuali.
Bibl.: Bandini Buti M., Poetesse e scrittrici, Istituto editoriale italiano Tosi, 1941, p 203; Ceruti Burgio A., Donne e poesia a Parma. La scrittura femminile dal Rinascimento al ventesimo secolo, Malacoda, n. 12, p 60; Lasagni R., Dizionario biografico dei Parmigiani, PPS Editrice, 1999, I, p 611.

Agazzi Bruna
Sorbolo 12 giugno 1924 - 17 settembre 1971
Maestra. Esercitò la professione nella scuola elementare di Coenzo, Enzano e Sorbolo, dopo un periodo trascorso a insegnare in montagna, a Valditacca e Pianadetto. Una vita dedicata all’insegnamento che non si concludeva con l’orario scolastico: spesso ospitava i bambini a casa nel pomeriggio per continuare le lezioni e accompagnarli nei giochi. Anticonformista, anticonvenzionale, libera e originale è ricordata per i suoi metodi educativi innovativi. Partecipò alla Resistenza come staffetta: in particolare trasportò, nascoste nella canna della bicicletta, fino a Langhirano le mappe delle fortificazioni dell’esercito costruite lungo la linea Modena-Piacenza. Morì improvvisamente il 17 settembre 1971 a soli quarantasette anni. Nel 1974 una lapide ricordo venne scoperta all’asilo di Sorbolo. Il 15 maggio del 1999 le venne intitolata la scuola materna statale di Sorbolo.
Bibl.: Farri C., Zanichelli A. (a cura di), Ricordo di Bruna Agazzi, Donelli, 2006.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia

PGN

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia Foto

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

LONDRA

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

Modelle e mode estive

MODA

Il bikini "girato" che non intralcia l'abbronzatura: ecco come fare Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Vita "green": domani con la Gazzetta lo speciale "Ambiente"

INSERTO

Vita "green": domani con la Gazzetta lo speciale "Ambiente"

Lealtrenotizie

Chiuso il processo per il caso sms: le maxi-richieste della Procura, l'"estate di lacrime" di Calaiò

parma calcio

Chiuso il processo per il caso sms: le maxi-richieste della Procura, l'"estate di lacrime" di Calaiò Foto

16commenti

il caso

E' morto il 66enne che ha tentato di uccidere la moglie a Martorano

PARMA

Scontro auto-scooter a Fontanini: un ferito grave

VIOLENZA

Chiusa in casa per anni, picchiata e allontanata dai figli: fugge e fa bloccare il compagno

1commento

12 tg parma

Pusher arrestato in viale Vittoria: i residenti applaudono i carabinieri Video

3commenti

PARMA

L'Università: "Ottimo avvio per le immatricolazioni"

La procedura di iscrizione on line resta aperta

politica

Pd, Bonaccini alla segreteria nazionale e Pizzarotti candidato alla Regione? Video

6commenti

Paura

Adolescente scompare nel nulla. Ore di angoscia per i genitori

lavori

Nuovo ponte della Navetta: venerdì la posa della prima pietra

2commenti

Salsomaggiore

In vacanza a Peschici, salva un anziano in mare

PARMA

Quella 600 d'epoca che colleziona multe davanti al ristorante Foto

Parla il proprietario Andrea Bindani, appassionato di oggetti del passato

Sorbolo  

Suonano i campanelli di notte e scappano, minorenni "pizzicati" dalle telecamere Video

3commenti

turismo

Torrechiara, "Castello aperto "part-time" in piena stagione turistica"

ritiro

Parma, calcio giocato per scacciare l'incubo della sentenza Il commento di Piovani

2commenti

Santa Maria del Taro

Addio a Elisa Bottini, scomparsa a soli 37 anni

Casalmaggiore

Trova 1.100 euro in strada e li porta ai carabinieri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le donne e quei maschi da educare

di Georgia Azzali

LA BACHECA

Ecco 20 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Concussione, peculato e mobbing: arrestato il vicecomandante dei vigili dell'Unione Val d'Enza

TORRE DEL LAGO

Spiaggia gay in Versilia: polemiche sulla gestione "negata"

SPORT

CALCIO

Reggiana verso il fallimento: il titolo sportivo è nelle mani del sindaco

GAZZAFUN

Gli ex del Parma: prova a riconoscerli tutti!

SOCIETA'

VINO

Alessandro Borghese condurrà i Lambrusco Awards 2018: gara fra 248 vini "pop"

IL DISCO

La favola di Natale dei Pogues

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani