-1°

13°

commercio

Pos obbligatorio: anche Parma dice no

Più oneri che benefici Commercialisti e architetti: «Misura inutile per combattere l'evasione fiscale»

Pos obbligatorio: anche Parma dice no
Ricevi gratis le news
0

 

P agamenti elettronici, no grazie. E' bufera sull'obbligo per commercianti, professionisti e artigiani di installare i Pos (acronimo di point of sale, cioè il dispositivo elettronico che consente di accettare pagamenti tramite bancomat e carte di credito). Basti pensare ai piccoli negozi di vicinato, specie nelle aree di montagna, per capire che il passaggio non sarà semplice per operatori e clienti. Così, da più fronti, piovono pesanti critiche sulla nuova legge in vigore dal primo gennaio, ma in attesa del decreto attuativo che, al momento, non è ancora stato emanato dal ministero dello Sviluppo economico e dal ministero dell’Economia e delle Finanze.
La novità In sostanza il Decreto Crescita 2.0 (DL n. 179/2012) prevede che i pagamenti debbano essere accettati solo tramite Pos. Questo vale per chi esercita attività di vendita e per chi presta servizi. La misura introdotta dal legislatore si pone l'obiettivo di contrastare l'uso illecito di denaro contante e di agevolare maggiori controlli sulla fornitura di servizi, oltre che favorire i cittadini con la disponibilità di uno strumento semplice e veloce per i pagamenti. E una bozza di decreto attuativo esiste già ed è stata inviata dal ministero dello Sviluppo economico alla Banca d’Italia, per un parere. Tra le agevolazioni che verrebbero introdotte, in primis spicca quella di riservare l’obbligo solo a chi ha maturato nell’anno precedente oltre 200 mila euro di fatturato. La platea coinvolta di coloro che prestano servizi verrebbe così ridotta, almeno fino al 30 giugno 2014. In più, il vincolo di accettare pagamenti con bancomat e carte di debito scatterebbe solo per importi superiori ai 30 euro. Per le regole che dovranno seguire dal prossimo anno i professionisti con fatturato inferiore ai 200 mila euro sarà necessario attendere un successivo decreto attuativo.
Proteste a Parma Anche a Parma la novità è difficile da digerire. «Dal 1° gennaio doveva entrare in vigore la norma - precisa Emanuele Favero, segretario dell'ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Parma - ora si attende il decreto attuativo. In ogni caso come ordine di Parma riteniamo che tale misura, promossa come ulteriore elemento di contrasto al fenomeno dell’evasione fiscale, sia insufficiente ed inutile allo scopo dichiarato, considerato che, ad oggi, è già previsto il divieto di utilizzo di denaro contante per il pagamento di importi pari o superiori ai mille euro, rappresentando un ulteriore onere - non solo economico - a carico della categoria e dei suoi assistiti». Sulla stessa lunghezza d'onda anche Alessandro Tassi Carboni, presidente dell'ordine degli architetti di Parma, categoria che a livello nazionale sta protestando sulla questione con particolare vigore. «Se la finalità è combattere l'evasione fiscale - premette Tassi Carboni - ci sembra che tra i nostri iscritti l'effetto sarà modestissimo. Infatti questo è un meccanismo inadatto rispetto allo scopo che si prefigge. Tuttavia se, come sembra, ci sarà un tetto relativo al giro d'affari oltre il quale imporre l'obbligo, sarà più semplice sostenere i costi della gestione di un Pos». Secondo il presidente dell'ordine degli architetti di Parma ci sarebbero altre soluzioni migliori: «Ad esempio vietare semplicemente il pagamento in contanti - spiega - che porterebbe ad altre forme di tracciabilità come il bonifico». Il parere dunque è negativo. «E' un'inutile vessazione - conclude - e per il nostro settore, pesantemente coinvolto nella crisi dell'edilizia, andrebbe ad aggiugersi ad altri aggravi recenti come la formazione obbligatoria, il raddoppio degli oneri contributivi, l'assicurazione obbligatoria». Un altro settore sul piede di guerra è sicuramente quello del commercio. «In merito all’entrata in vigore dell’obbligo di accettazione dei pagamenti effettuati con bancomat e carta di credito - sottolinea Claudio Franchini, responsabile dell'area servizi associativi di Ascom Confcommercio di Parma - dobbiamo ancora una volta riscontrare lo stato confusionale che vige nell’apparato legislativo del nostro Paese: infatti prima si predispongono le norme che nulla dicono per poi dimenticarsi di emanare nei tempi adeguati i decreti attuativi attraverso i quali vengano disciplinati gli eventuali importi minimi, le modalità e i termini anche in relazione ai soggetti interessati. La nostra associazione ritiene che l’utilizzo della moneta elettronica debba essere diffuso tramite una distribuzione equilibrata fra benefici e costi a carico dei soggetti interessati. L’imminente adeguamento alla previsione normativa imporrà, invece, un ulteriore aggravio pesante per le imprese». Per questo, spiega Franchini, «a livello nazionale Confcommercio sta intraprendendo azioni sia presso il governo che in sede parlamentare per richiedere una proroga alla norma in questione e anche per definire un limite minimo della sua applicabilità. Sembra impensabile, ad esempio, che un bar per uno scontrino di un euro debba possedere il Pos. Pertanto ci aspettiamo che venga fatta chiarezza su questa normativa in modo che possa essere realmente applicabile per le imprese».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'escursione in Appennino e il sorpasso azzardato vincono le iniziative "Gazzareporter". E ora... mandateci le "Curiosità parmigiane"

DAI LETTORI

Gazzareporter: vincono l'Appennino e il sorpasso azzardato. E ora, "Curiosità parmigiane" Foto

Sette calciatrici che vanno in... rete:  Sara Gama

L'INDISCRETO

Sette calciatrici che vanno in... rete

Via Reggio: il 14esimo compleanno del Jamaica Pub - Ecco chi c'era alla festa: foto

PGN

Via Reggio: il 14esimo compleanno del Jamaica Pub Ecco chi c'era alla festa: foto

Notiziepiùlette

"Antonia" la custode della tradizione di Parma

CHICHIBIO

"Antonia", la custode della tradizione di Parma

1commento

Lealtrenotizie

Tornano nel negozio che avevano già derubato. E prima dell'arresto picchiano il personale

via d'azeglio

I ladri tornano nel negozio "del delitto". E prima dell'arresto picchiano il personale

12 tg parma

Travolto in bici lungo via San Leonardo, gravissimo un 44enne Video

guardia di finanza

False fatture per 10 milioni, imprenditore reggiano denunciato. Coinvolte 55 aziende, anche a Parma

GATTATICO

Ritrovate le preziose chitarre da collezione rubate a Felino

1commento

allerta siccità

Siccità al Nord, riserve idriche ancora solo per un mese

Anbi, se non pioverà problemi molto seri; neve è grande assente

via sidoli

Tenta il suicidio con 200 pastiglie: salvato dai poliziotti allertati da un'amica

CANTIERE

Il PalaRaschi tornerà ad avere 3000 posti

5commenti

SALA

Carabinieri da Csi: arrestano il ladro analizzando le tracce di sangue

1commento

12 tg parma

Faggiano a Bar Sport:"L'umore non è dei migliori ma non possiamo abbatterci" Video

calcio giovanile

Giocatore del Vicofertile preso a pugni, squadra ritirata

SOLIGNANO

Addio a Sandro Masotti

Solo 11 nozze

A San Secondo non ci si sposa più

FIDENZA

Lorenzo, da «Quelli che il D'Annunzio» a Montalbano

Il personaggio

Laura Gemma Pioli, youtuber del grande calcio a Londra

La storia

Ermanno Cuoghi, lo «scudiero» di Niki Lauda

Intervista

Roberto Tagliavini: «La gioia (e l'ansia) di tornare a Parma»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il clima d'odio: un'altra battaglia per Greta

di Francesco Monaco

SERIE A

Tre sondaggi... in uno per votare "i migliori" del Parma di questa stagione

ITALIA/MONDO

Lodi

Ricattata da un 15 enne per foto osé: 13 enne tenta il suicidio

Orrore

India, 12enne violentata e decapitata da fratelli e zio

SPORT

sport

Tragedia nel nuoto: è morto Kenneth To, 26 anni, aveva vinto 4 medaglie mondiali

L'INTERVISTA

Jarno Trulli: "In Formula 1 il talento non basta"

SOCIETA'

cinema astra

La prima visione del docu-film sul “Màt” Sicuri

12 tg parma

Una settimana di arte per tutti con Enrico Valenti, il papà dei pupazzi tivù Video

MOTORI

ANTEPRIMA

Ecco T-Cross, il piccolo Suv di Volkswagen

MOTORI

Techroad: Dacia si veste di rosso (e costa solo 3 euro al giorno)