18°

28°

unesco e...

Vivere con passione il segreto del successo

L'editoriale di Michele Brambilla parla di tortelli...

Vivere con passione il segreto del successo
Ricevi gratis le news
1

Spero non mi prendiate per pazzo se oggi dedico l'editoriale a un vassoio di tortelli d'erbetta. Se avrete la pazienza di arrivare in fondo, vedrete che l'idea è meno folle di quel che potrebbe sembrare, perché a volte le piccole storie di vita quotidiana spiegano le cose grandi della politica e dell'economia meglio d'un trattato.
Dunque. Giovedì sono stato all'Università di Parma con Stefano Lorenzetto, il quale doveva tenere una lezione su come si fa un'intervista. Lorenzetto è un grande giornalista. È anche una grande forchetta: per la precisione, centoquindici chili di forchetta.
Così, finita la lezione, l'ho portato a pranzo: un momento che per molti di noi è uno dei due più importanti della giornata (l'altro è la cena). Sedutici in trattoria, abbiamo ordinato due piatti, appunto, di tortelli d'erbetta. Lorenzetto - che è veronese, e quindi abituato a mangiare bene, ma non a mangiare "quei" tortelli - ne è rimasto estasiato. Al punto di chiedere al titolare della trattoria se gliene vendeva quattro o cinque porzioni da portare a casa. «Guardi», ha detto il ristoratore, «che di tortelli pronti non ne abbiamo». «Ma come non ne avete? E quelli che ho appena mangiato?», ha chiesto Lorenzetto. «Li facciamo al momento», è stata la risposta. «Al momento?». «Sì, al momento. Al massimo un paio d'ore prima per farli asciugare un po' in frigorifero».
Insomma. Ne è seguita una discussione su come si fanno i tortelli, con Lorenzetto a bocca aperta, questa volta non per prepararsi a ingurgitare, ma per lo stupore. Alla richiesta di confezionare quelle quattro o cinque porzioni da portare via, il ristoratore non ne voleva sapere: «Quando li mangerà, non saranno più gli stessi». Alla fine ha però ceduto, malvolentieri, alle suppliche, e glieli ha fatti. Lorenzetto ha garantito che i tortelli sarebbero rimasti nel baule della macchina per non più di un'ora e mezza, il tempo di arrivare a Verona; e che sarebbero stati consumati la sera stessa.
La mattina dopo gli ho chiesto come aveva trovato, la sera, i tortelli. «Straordinari», mi ha risposto. Ma aggiungendo, un attimo dopo: «Mia moglie e i miei figli erano entusiasti. Pure io lo ero: però, avendoli mangiati sul posto a mezzogiorno, debbo riconoscere che quelli della sera avevano mezzo punto in meno».
Questa insomma è la piccola storia di un ristoratore parmigiano che avrebbe rinunciato volentieri a un guadagno pur di non vendere un prodotto con un mezzo punto in meno. Se l'ho raccontata, è perché credo che racchiuda il segreto del successo di qualsiasi attività imprenditoriale, grande o piccola che sia. Le imprese veramente vincenti non sono mai figlie solo della ricerca di un interesse, ma anche e soprattutto di una passione. Se l'Unesco ha premiato Parma come capitale mondiale del gusto per il 2016, è perché questa volta Parma ha saputo finalmente fare squadra, come ha scritto ieri il nostro Sandro Piovani; ma anche, come Piovani sa molto meglio di me, perché dietro c'è la lunga storia di una gastronomia vissuta non solo come un lavoro, ma come un'arte, quasi come una religione. Parma ha molte di queste passioni, che saranno la base per ripartire. Intanto, dopo tanti guai godiamoci questo riconoscimento dell'Unesco, che può essere una grande opportunità. Buona Santa Lucia a tutti.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    13 Dicembre @ 14.57

    Io mangerei solo tortelli di erbette e di zucca. Infatti, se appena mi è possibile, in trattoria, mi mangio un piatto misto, dell'uno e dell'altro tipo. Però, da anni, non riesco a trovarne di veramente buoni, per cui vorrei tanto sapere, dal Direttore, il nome di quella trattoria, anche se so bene che non è possibile. O sono di pasta troppo sottile, con il ripieno che fuoriesce, o troppo spessa, che ci vuole una macina per masticarli; e il ripieno non è mai bilanciato in modo adeguato. Io amo quelli con una pasta robusta, ma non troppo, specie nei bordi, con una buona dose di ripieno, in cui la ricotta non ammazzi le erbette, e non prevalga il docce artificioso di amaretti o mostarda, su quello naturale della zucca. Questi ultimi, li faceva, un tempo lontano, veramente insuperabili, una rezdòra reggiana, che abitava sopra casa mia; erano belli grossi, con il ripieno di zucca, tritata fine, ma non troppo, con la mezzaluna, ed erano di un giallo splendente, come tante monete di oro zecchino. Inoltre, per entrambi, per me vale quel consiglio: Neghé in t'al butèr, sughé cul furmàj. Spero di averlo scritto correttamente.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"