10°

23°

editoriale

Perché abbiamo bisogno (anche) di leggerezza

Perché abbiamo bisogno (anche) di leggerezza
Ricevi gratis le news
6

Un amico di Parma mi ha consigliato di dar spazio in prima pagina, fra tante notizie serie, anche a un sentimento che non sempre gode di buona reputazione ma che è essenziale per vivere: la leggerezza. Lo faccio volentieri, ricordando una curiosa coincidenza: esattamente quarant'anni fa, durante le vacanze di Capodanno, andai al cinema a vedere un film uscito da poco e destinato a diventare un capolavoro della commedia all'italiana: Amici miei. L'aveva ideato un genio, Pietro Germi, e diretto un altro genio, Mario Monicelli. Quel film avrebbe cambiato la mia vita già dalla scena iniziale, nella quale Philippe Noiret interpreta Giorgio Perozzi, capocronista di un quotidiano, che esce dalla redazione di notte, con in mano il giornale fresco di stampa: si ferma a parlare nell'unico bar ancora aperto e non ha alcuna voglia di andare a casa. Avevo diciassette anni e restai affascinato dalla vita irregolare, quasi all'incontrario, che fanno i giornalisti. Ma il principale motivo per cui Amici miei ha avuto tanta influenza, e non solo su di me, è proprio la leggerezza. Protagonisti del film sono appunto alcuni amici: oltre al Perozzi, il conte Lello Mascetti (un immenso Ugo Tognazzi), l'architetto Rambaldo Melandri (Gastone Moschin), il barista Guido Necchi (Duilio Del Prete) e il chirurgo Alfeo Sassaroli (Adolfo Celi). Forse per esorcizzare la vecchiaia che si avvicina, i cinque vivono come eterni adolescenti passando da uno scherzo all'altro e dedicando intere giornate alle loro "zingarate" (la zingarata, dice il Perozzi, è «una partenza senza meta e senza scopo, un'evasione senza programmi che può durare un giorno, due o una settimana»). Credo che quel film ebbe subito grande impatto anche perché uscì nei cinema di un'Italia terrorizzata dalle bombe degli stragisti e dai mitra delle Brigate Rosse; ma più in generale un'Italia cupa, depressa, "pesa", un'Italia in cui ogni espressione artistica "seria", dal cinema alla musica, doveva essere "impegnata". Tutto doveva essere intriso di politica. «Il privato è politico», era uno degli slogan in voga. I protagonisti di Amici miei invece della politica se ne fregavano e del disimpegno facevano una ragione di vita. Si smarcavano dalla sbornia ideologica, ma anche da un'altra condanna, opposta e sempre presente: quella di dover «fare carriera»: «Ma poi è proprio obbligatorio essere qualcuno?», si chiede il Mascetti alla fine del film. Ora, è chiaro che gli irresponsabili protagonisti di Amici miei non vanno presi a modello assoluto di vita. Ma un film lancia spunti, provocazioni, e ho sempre pensato che se Amici miei ci ha lasciato una lezione, è questa: imparare a non prenderci troppo sul serio. Quando il suo figliolo, un ragazzo fin troppo irreprensibile, gli dà dell'imbecille, il Perozzi dice: «Io restai a chiedermi se l'imbecille ero io, che pigliavo tutta la vita come un gioco, o se invece era lui, che la pigliava come una condanna ai lavori forzati». Certo c'è una terza ipotesi, che il Perozzi contempla («O se l'eravamo tutti e due»). Ma perfino il Vangelo ci invita a non affannarci troppo per il domani perché il domani avrà già le sue inquietudini e a ciascun giorno basta la sua pena. È l'augurio che faccio a tutti per quest'anno appena cominciato: che riusciamo a saperlo vivere con levità.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • silviococconi

    05 Gennaio @ 10.13

    Vede, Caro Direttore, un conto è la leggerezza (che potrebbe essere anche la "Grande Bellezza" di Sorrentino, tanto per citare un altro "cult"), un altro è vivere nella totale inconsapevolezza dei problemi come l'80% delle persone d'oggi, che sono solo arrabbiate, ma non pensano alle vere e razionali risoluzioni dei problemi, bensì a quelle emotive; basti vedere il "boom" d'incassi di quel "filmetto" da TV e dal relativo successo cinematografico di quell'attoretto di periferia di Checco Zalone, classico prodotto del ventennio berlusconiano in cui anche lì si cercava di promuovere la leggerezza ... A questo ci ha portato la leggerezza inconsapevole e non pensata dei problemi e dell'impegno per una loro risoluzione !

    Rispondi

  • Biffo

    04 Gennaio @ 12.09

    Io non sono del tutto d'accordo con il Direttore; un conto è la leggerezza, un altro l'immaturità personale, etica e psicologica, che scarica, però, mancanze affettive e privazioni genitoriali e coniugali sulla propria famiglia. I protagonisti dei tre film, di cui il migliore è senz'altro il primo sono, per me, degli eterni bamboccioni, che trascurano doveri lavorativi, professionali e familiari, per andarsene in giro a sottoporre il prossimo, che lavora duramente, a scherzi di cattivo gusto. Chi, di loro, ha mogli e figli, non se li fila per nlente, vengono messi in secondo piano, per privilegiare modalità di vita assolutamente sorpassate ed inadeguate, per gente di 50 anni ed oltre. Faranno anche ridere, ma il loro modo di tentare, inutilmente, di esorcizzare la vecchiaia e la morte, mi lascia perplesso. Penso che lo si possa fare in alti modi, senza dare fastidio od offendere il prossimo. Se tutti coloro che tentano di dimenticare la loro età e quanto ne consegue, facessero come loro, staremmo freschi!

    Rispondi

  • Cucco

    04 Gennaio @ 01.10

    Imparo a conoscere il nuovo direttore della Gazzetta di Parma un po' tutti i giorni dai suoi editoriali e devo ametterlo: mi piace molto e oggi ho voluto scriverlo. Sicuramente per colpa mia, non me ne voglia Molossi, ma ora, per me, il giornale non è solo cronaca locale e pagina dei morti è prima di tutto "l'editoriale". Una penna così a Parma non me la sarei mai immaginata. Grazie, Gazzetta.

    Rispondi

  • Remo

    03 Gennaio @ 21.11

    cit:"quant' è bella giovinezza che si' fugge tuttavia, chi vuol esser lieto sia, del diman non v'è certezza!" (Lorenzo de' Medici)

    Rispondi

  • federicot

    03 Gennaio @ 20.03

    federicot

    Beh forse è il caso che cominciamo a pensarci davvero al domani, perchè ai tempi del Vangelo mica si pensava che il mondo finiva dopodomani ad opera degli stessi uomini. Qua se non ci diamo una mossa siamo spacciati. Certo meglio morire con leggerezza che morire male. Ma forse c'è una terza via....salvare noi e i nostri figli, nipoti eccetera. Aggiungo che forse è il caso che almeno qualcuno si occupi davvero di politica e che la gente non confonda la politica ( sparita ormai da 20 anni o più) con i loro squallidi interpreti. Bel pezzo direttore, bravo! Mi ha fatto riflettere, c'è da fare l'esatto contrario di quel che scrive.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

3commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

1commento

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

2commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

vezzano sul crostolo

Pizzaiolo coltiva marijuana in un bosco, preso con la "fototrappola"

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno