15°

25°

editoriale

(Bimbo scartato dalla squadra di calcio) "Calcio malato"

Calcio malato
Ricevi gratis le news
10
 

Scartato. Con poche righe dattiloscritte, in gelido burocratese. Senza nemmeno una firma, se non un impersonale “La Direzione sportiva”. Un ragazzino di dieci anni è stato silurato dalla sua società di calcio, la Juventus club. Per comunicargli che «non rientra più nei quadri tecnici della società» non hanno trovato di meglio che scrivergli una lettera.

Sarebbe bello trovare le parole per dire a questo bambino di non abbattersi, di tenere duro, di trovare un’altra squadra per continuare a giocare a pallone. Di continuare a pensare, come tanti di noi, che il calcio è il più bel gioco del mondo. Ma non è facile. E’ più facile riflettere su questa triste storia e concludere che è un sintomo di un mondo – quello del calcio – malato. Non ci sono solo le risse in campo e le scazzottate tra genitori (la Juventus club ne sa qualcosa). Ci sono anche allenatori – non parliamo di Mourinho o Guardiola, se serve dirlo – che mandano via un bambino di dieci anni, perché è meno bravino dei suoi compagni, o magari perché è cinque centimetri più basso, o un po’ più gracilino.

Sarebbe bello che i dirigenti della Juventus club chiedessero umilmente scusa e non si limitassero a dire di aver sbagliato a indirizzare la lettera al bambino e non ai genitori. Non si può dire a un bambino che adora giocare a pallone che «non rientra più nei quadri tecnici della società». Non si può farlo con una lettera come quella che hanno scritto e spedito. Sono cose perfino ovvie: ma non per tutti, evidentemente. La cosa più grave è un’altra: è fare selezione per una squadra di bambini di quell’età. A dieci anni un bambino deve giocare e allenatori e dirigenti di una società hanno il dovere di farlo giocare, farlo divertire. C’è un’età per tutto: quella dell’agonismo spinto, del giocare per vincere e dell’allestire le squadre con i giocatori più forti non è certo compatibile con bambini di dieci anni.

Senza scomodare de Coubertin e senza cadere nella retorica, questa storia non ha senso. Pare che la selezione spinta, anche nelle scuole calcio, sia una pratica diffusa. Male, malissimo: è tanto sbagliato quanto diseducativo. Non è casuale che la Federcalcio non contempli risultati e classifiche prima dei Giovanissimi (14-15 anni). E, francamente, non è molto convincente il comportamento della stessa Federcalcio: non basta parlare di «mancanza di tatto», servono rimedi per provare a guarire questo calcio.

Fosse vivo Enzo Jannacci, il grande Enzo Jannacci, garantito che aggiornerebbe “Vengo anch’io. No, tu no”, la più bella canzone della storia contro l’emarginazione, contro l’esclusione.

crinaldi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Enzo

    24 Luglio @ 13.55

    Il malato ha un nome e comincia per J. Comodo dare la colpa al calcio...

    Rispondi

  • Daniele

    23 Luglio @ 21.40

    Siamo sicuri che sia solo il calcio ad essere malato e non il mondo nella sua interezza?!?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    23 Luglio @ 18.49

    La prestigiosa Rivista Italiana di Geopolitica "Limes" dedica il numero 5 del 2016 al "Potere del Calcio" .

    Rispondi

    • Carlo

      23 Luglio @ 20.09

      Bene, grazie, la compero.

      Rispondi

  • Davide

    23 Luglio @ 14.52

    Tutti maestri di vita...

    Rispondi

  • Valter

    23 Luglio @ 14.18

    Juventus: un nome, un'arroganza.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bellezze...mondiali (sugli spalti) Gallery

tifo e tifose

Bellezze...mondiali (sugli spalti) Gallery

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Salsomaggiore: Fritelli vince per 100 voti

Fritelli esulta alla notizia della vittoria

Ballottaggi

Salsomaggiore: Fritelli vince per 100 voti

Chiusi i seggi a Salso. Affluenza in calo: ha votato il 49,6% dei salsesi

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

Anteprima gazzetta

Incidente nel Reggiano, grave un motociclista parmigiano Video

football americano

Panthers battuti dai Giants Bolzano nella semifinale scudetto

La sconfitta arriva al Tardini per 30-25

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

3commenti

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

1commento

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

cus parma

Triathlon Campus e Duathlon Francigeno Guarda chi c'era

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

2commenti

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

7commenti

calcio e tribunale

Caso whatsapp-Parma (e match Frosinone), il Palermo: "Siamo parte lesa"

10commenti

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

12 tg parma

Disabili e lavoro: a Parma numeri in crescita ma liste d'attesa ancora lunghe Video

1commento

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

belluno

Turista si lancia dalla cima di un monte con tuta alare e muore

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

SPORT

calcio

Giappone e Senegal, gol e spettacolo: finisce 2-2

RUSSIA 2018

Colombia travolgente: la Polonia è già fuori

SOCIETA'

cani

Sos per Tito, uno splendido esemplare di bracco ungherese

cina

Il bus si ribalta e i passeggeri volano fuori dal finestrino

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse