17°

27°

Editoriale

Le culture di morte e quella della pietà

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
1
 

Stiamo assistendo a un'affannosa rincorsa al “pazzo”. Chi era l'attentatore di Nizza? Un pazzo, pieno di problemi personali. E quello che ha attaccato a colpi di accetta i passeggeri di un treno in Baviera? Un folle anche lui. L'attentatore di Monaco poi non parliamone: una vittima di bullismo che non si è più ripresa dalle inevitabili turbe psichiche. Perfino dei killer di Dacca, che hanno massacrato chi non sapeva il Corano (nove italiani tra le vittime) si è cercato, pur arrampicandosi sui vetri, un movente psichiatrico.

Dire che gli attentatori sono tutti pazzi è molto consolatorio. Si cerca di convincere (e di convincersi) che non abbiamo di fronte nemici strutturati e organizzati, ma solo pazzi isolati, che ci sono sempre stati, in ogni epoca e in ogni civiltà, e che sempre ci saranno. Consolatorio perché ci illude di non essere in guerra. Consolatorio ma ingannevole.

Certo, chi compie attentati di questo tipo è uno squilibrato. È ovvio. Ma uno squilibrato di cui si servono i veri attori di questa «terza guerra mondiale a pezzi», come l'ha chiamata papa Francesco. Le grandi culture della morte del nostro tempo, siano esse il fondamentalismo islamico (la prevalente) o il neonazismo xenofobo, danno ai loro killer, più che un supporto logistico, un nutrimento ideologico: più che le mani armano le menti e le coscienze. Il Califfato, per attaccare l'Europa, si serve sì di cellule armate e organizzate come quella che colpì Parigi nel novembre scorso, ma anche e soprattutto di cosiddetti “lupi solitari”, i quali poi solitari non sono, perché “moralmente” sostenuti da tutto un mondo che ha dichiarato la guerra santa. Così, chi non può colpire con il mitra colpisce con un camion o un'auto lanciata a piena velocità sulla folla, come accade da tempo in Israele. La follia è la molla che spinge all'azione, spesso suicida: ma di queste follie si servono registi precisi. Gli assassini non sono “lupi solitari”, ma marionette cui vengono tirati i fili.

Di fronte a questa cultura della morte, noi che cosa possiamo opporre? Diciamo sempre che l'Occidente è stanco, sfibrato, che non crede più in nulla, e in queste affermazioni c'è molto di vero. Però mi ha colpito osservare, ormai da tempo, come il nostro popolo manifesta il dolore dopo ogni attentato. Da Parigi a Nizza a Monaco mi colpiscono quei fiori, quelle candele, quelle fotografie dei poveri morti, quelle preghiere. Credo che in questa manifestazione del lutto ci sia il superamento definitivo del Novecento. Di fronte a un orrore, il nostro popolo di oggi non risponde più con la passione per le ideologie, ma con la compassione per l'uomo; per un altro che non si conosce ma che si percepisce simile a noi, uguale a noi. È la pietà: l'origine della nostra civiltà, fondata sulla constatazione del fatto che siamo tutti fratelli, e che ogni essere umano vale: a prescindere da dove è nato, dalla sua condizione sociale, dal suo credo e perfino dai suoi errori. Questa è la nostra superiorità (non esito a usare questo termine) su culture che dividono l'umanità in fedeli e infedeli, oppure in connazionali e stranieri. Possiamo vincere solo se ritroviamo l'orgoglio di questa nostra diversità e la forza per difenderla. Quel che ci attende non sarà indolore, perché la libertà ha un prezzo.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    24 Luglio @ 20.08

    Indiana

    Carissimo direttore,con la pietà e con le fiaccolate non si resuscitano i morti né si evitano altre stragi. Qui non resta che prendere atto che la società multietnica é un fallimento e che ci siamo portati il nemico in casa grazie alla pietà per gli altri. Ora cerchiamo di averne anche per il nostro popolo e di reagire contro questi mostri o sarà la fine per il nostro mondo.Ma tranquillo:c'è chi ha già trovato tutti quei cosi chiamati pokemon!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Sicurezza, stamane incontro al Viminale tra Pizzarotti, Casa e il sottosegretario Molteni

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

1commento

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

38 anni dopo

Strage di Bologna: ultimo sopralluogo sulle macerie, poi l’analisi dei frammenti a Parma

CORCAGNANO

Piazza Indipendenza off limits, scattano le proteste

ROCCABIANCA

Profughi, soluzione alternativa a via Verdi

1commento

Fidenza

La carica dei 300 scolaretti dalla Collodi all'ex Agraria

CONSIGLIO COMUNALE

Un semaforo pedonale in viale Fratti

Sarà all’altezza del polo pediatrico

1commento

Teatro

Cevoli: «Il mio Rossini? Un mattacchione»

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

tar

(Chiusura) Open shop di via Bixio, Comune condannato al risarcimento

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: uno è morto

REGGIO EMILIA

Bidello di un asilo accusato di violenza su un bimbo di 4 anni

SPORT

USA

Giovane promessa del golf trovata morta sul campo in Iowa

SERIE A

La Spal stende l'Atalanta con la doppietta dell'ex Petagna

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

NAPOLI

Il set di Gomorra al centro di una protesta degli inquilini

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design