10°

24°

IL COMMENTO

Se la giustizia ti lascia un senso di ingiustizia

tribunale
Ricevi gratis le news
2

A me, tra le tante, di storie ne è rimasta impressa una: quella della madre che per strada incontrava gli assassini del figlio. Paese piccolo, bastardo posto: poche strade, sempre le stesse. Lei, la vittima, libera al massimo di piangere: loro, gli aguzzini, liberi e basta. Anche di riderle in faccia. Dura lex, sed lex: non fa un grinza.

Provate a chiederlo ad Assunta, però cosa ne pensa: lei che ha seppellito per sempre la sorella Antonia, madre di tre figli. «Quando ho saputo che l’uomo che ha ucciso mia sorella è stato scarcerato per decorrenza dei termini, ho pensato fosse uno scherzo». E invece no: era tutto vero. Tempo scaduto, tanti saluti: il killer è pregato di accomodarsi fuori. «Mia sorella? L'hanno uccisa due volte». Chi alza la mano per dirle che ha torto? Parlatene con i genitori di Paula, la giovane romena portata in Italia e costretta a prostituirsi. Quando osa dire basta la massacrano in quattro o cinque a colpi di martello, forcone, calci e pugni. Ma Paula è forte, respira ancora: allora la bruciano viva. Chiediamo a sua madre, a suo padre, ai pochi amici, se è normale, accettabile - o almeno possibile - che i suoi assassini vengano scarcerati. Perché è questo, per quanto vi possa sembrare incredibile, quello che è successo: decorrenza dei termini, questo dice il codice. E il giudice, ligio, applica alla lettera.

Non siete convinti? Sentite Tiziana: è la figlia del benzinaio di Chiuso, periferia di Lecco. Quello che una sera sulla sua strada trova due ragazzi in motorino.
Questa è una rapina - urlano - e sembra quasi uno scherzo: ma il colpo parte davvero. Il benzinaio cade a terra con un proiettile nel cuore: il suo killer, invece, va in carcere. Due anni. E poi esce. Sì, avete indovinato: per decorrenza dei termini. A volte è la legge, altre chi è chiamato (e, sia chiaro, non è compito facile) ad applicarla. Perché ad esempio a Nunzio in carcere l'avevano messo davvero: aveva alzato le mani su Vincenza, l'aveva minacciata, tormentata. Ma un giudice, uno tra i tanti, disse che non aveva una personalità allarmante. Un'opinione sufficiente per farlo uscire. E dargli la possibilità di chiarirsi con la ex: a colpi di pistola. Non è in fondo sempre questa la storia? Aziz ad Albenga aveva cercato di strangolare la moglie. Arrestato, ha patteggiato due anni: poco, per tenerlo in cella. E così, una volta fuori è andato a finire il lavoro: stavolta con un coltello da cucina.
Le parole sono pietre, diceva il mio professore di diritto: non ci piove. C'è una legge, un codice, una procedura: magari, piuttosto, a volte quello che manca è la giustizia. O qualcosa che ci assomigli, una blanda controfigura che riesca almeno a fare tacere i troppi «io l'avevo detto». In un Paese dove la certezza della pena resta un miraggio, il sogno chissà perché proibito della brava gente, occorre più che mai mettere dei paletti, dei semafori rossi. E pretendere dal legislatore un intervento più efficace, regole più limpide e difficili da aggirare, termini che decorrano - per carità, perché è questo che fanno i termini -, ma senza scontrarsi tragicamente col buon senso. Altrimenti saremo condannati a rivedere sempre lo stesso, brutto, film. Senza sapere cosa rispondere, a Stefania, la ragazza che picchiata selvaggiamente in via D'Azeglio dal suo ex, ora che lui, per decorrenza dei termini, è ritornato in libertà, chiama in «Gazzetta» per dire: «Ho paura». I magistrati fanno il loro dovere, gli avvocati il loro lavoro, la legge il suo corso. Ma forse ad Assunta, Tiziana, Stefania e a tutte le altre interessa solo che qualcuno faccia l'unica cosa che conta: quella giusta.
fmolossi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    25 Settembre @ 11.33

    Filiberto, io aspetto il giorno, che, però, non arriverà mai, in cui, finalmente, i magistrati del tipo da te citato e quelli che compiono errori infami contro degli innocenti, vengano severamente puniti per quanto hanno perpetrato. E niente isolamento, li lascino in mezzo agli altri carcerati. La scritta "La legge è uguale per tutti", costituisce la più miserabile ipocrisia nel settore della giustizia. Platon Karataev, in "Guerra e pace", sentenziava: "Dove c'è un tribunale, qui vive l'iniquità".

    Rispondi

  • Berta

    25 Settembre @ 10.14

    La giustizia, quella giusta, fra non molto dovremo farcela con le nostre mani. L'attuale società (in)civile ci trasformerà tutti, di questo passo, in tanti (ex)borghesi piccoli piccoli. Quanti di noi, confessiamolo, se ci toccassero di persona delle disgrazie simili, non ci sentiremmo identificati nel protagonista del romanzo di Cerami?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

2commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

genova

Toti: "Il ponte si può costruire in 12-15 mesi: non accetteremo ritardi"

vezzano sul crostolo

Pizzaiolo coltiva marijuana in un bosco, preso con la "fototrappola"

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno