10°

27°

editoriale

Festival Verdi, i retroscena del successo

Un coro senza stonature
Ricevi gratis le news
1

Chiariamo subito: è un atto di giustizia al compositore più rappresentato al mondo. Atto di giustizia doppio: il «sì» di ieri dei 189 senatori al Ddl che finanzierà stabilmente il Festival Verdi è anche un omaggio di “categoria” all'uomo che fu deputato al primo parlamento nazionale, Senatore dal 1874 e portatore sano «di senso civico e genuine passioni politiche e sociali» in tutte le sue opere. Il Maestro consegna l'estremo dono alla sua terra: un milione di euro l'anno sono un volàno importante. Senza se e senza ma. Si tratta di un dono meritato che, inseguito da almeno tre lustri, giunge quando il territorio dimostra di avere fatto sua la lezione del sacrificio nella collaborazione. Andando per punti, partiamo dalla convergenza di intenti tra Parma e Busseto, conquista recente. E' rimasta nei casi di “scuola” la frattura in occasione del festival per il primo centenario della nascita di Verdi, nel 1913, quando Cleofonte Campanini predispose un cast stellare al Teatro Regio e Busseto fece da sé, chiamando la «bacchetta d'oro» di Arturo Toscanini. «Arlìe» superate appieno solo nell'ultimo decennio (ora il testo del Ddl parla di Festival Verdi di Parma e Busseto). Poi la trasversalità dell'impegno politico. Il Festival Verdi, in tempi moderni, è un'utopia (nel senso letterale del greco “non luogo”) del sindaco Elvio Ubaldi che nel 2001, centenario della morte del Cigno, animò un luogo che esisteva solo sulla carta (il Verdi Festival) ma che, passata la sbornia dei finanziamenti, faticò per restare a galla. Adesso che è Festival Verdi trova il sigillo della legittimazione mentre la città è guidata dall'ex 5 Stelle Federico Pizzarotti, per impegno del senatore Pd Giorgio Pagliari, che con Ubaldi ebbe sempre una relazione di rispettosa antitesi.
Terzo punto, la continuità di intenti di chi, in questi 15 anni, ha guidato il tempio del melodramma. Da Gianpiero Rubiconi, scomparso lo scorso anno, che per primo assecondò il progetto dell'amico Ubaldi, a Mauro Meli che inventò la formula del Festival ottobrino, com'è ora. Finiti gli anni dei finanziamenti “importanti” di Arcus, ci fu Carlo Fontana che salvò il Regio dalla bancarotta, fino all'attuale direttore generale Anna Maria Meo che, con il supporto creativo di Barbara Minghetti, ha saputo confezionare un cartellone degno di rispetto, presentandolo in tempi utili per la vendita dei biglietti all'estero.
Infine, ma certo non per importanza, la volontà delle istituzioni e dei centri del potere economico-produttivo di fare quadrato: il Festival è sostenuto non solo dall'ovvio triangolo Comune di Parma - Comune di Busseto - Regione Emilia Romagna, ma anche dal sistema bancario e delle fondazioni (Cariparma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monteparma), dall'Unione degli Industriali in generale (e, nella fattispecie, da singole importanti realtà), da Ascom, Camera di Commercio con «Parma, io ci sto!» e Reggio Parma Festival.
Ecco i quattro motivi per cui il governo centrale non poteva continuare a ignorare il Festival Verdi, in un passato assai recente bollato come «manifestazione localistica».
Certo, non siamo così ingenui da non sapere che la politica ha i suoi machiavellismi ed è evidente che nell'approvazione praticamente all'unanimità di ieri contano anche le buone relazioni romane del senatore Pagliari. E che, forse l'uscita dai 5 Stelle del primo cittadino, abbia alleggerito la coscienza ai Grillini nazionali nel votare un disegno di legge targato Pd. Ma questo non ci interessa. Quel che conta è il fine che giustifica i mezzi, per citare un Machiavelli troppo spesso frainteso. E per il territorio è un grande risultato.
Prima di brindare, occorre attendere il «sì» definitivo della Camera (da oggi il “pallino” passa nelle mani degli onorevoli parmigiani Patrizia Maestri e Giuseppe Romanini). Poi si potrà libare «ne' lieti calici». Con un'avvertenza: non perdiamo la bussola che ci ha fatti arrivare fin qui.

mpedrabissi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    22 Ottobre @ 08.54

    mandra_sala@libero.it

    Un grazie a Pagliari che ha saputo fare qualcosa di importante e di duraturo per Parma. Questa è una soluzine: una azione STRUTTURALE. Ogni anno ci saranno fondi. Il andavo di Parma si è dimostrato incapace negli anni di soluzioni strutturali, solo pagliativi temporanei e costosissimi. Non ha nemmeno imparato da chi sà fare le cose....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

libri

Jeffery Deaver, il maestro del thriller americano  torna a Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

genova

Toti: "Il ponte si può costruire in 12-15 mesi: non accetteremo ritardi"

vezzano sul crostolo

Pizzaiolo coltiva marijuana in un bosco, preso con la "fototrappola"

1commento

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

l'indiscrezione

Versace in vendita a un gruppo americano?

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street