13°

23°

EDITORIALE

Non abbandoniamo l'Oltretorrente

Oltretorrente
Ricevi gratis le news
12

Questa è una dichiarazione d'amore, non a un uomo, ma a un quartiere: all'Oltretorrente, 9mila abitanti e 2 milioni di metri quadri di fascino e degrado, l'arcobaleno delle case di via della Salute e la desolazione grigia delle saracinesche abbassate di via Bixio, lo charme parigino di piazzale Inzani e il fetore d'urina di certe mattinate in borgo Cocconi. Una dichiarazione d'amore per i cavallai migliori di Parma, per Ortensia, la sarta senegalese che mette l’Africa in vetrina negli scampoli di stoffa, per i fruttivendoli sotto casa, per i nostri anziani chini sulla borsa della spesa a rotelle. Per quei posti mitici che resistono da decenni: la Bottega del formaggio, l'enoteca Viani, l’oreficeria Valenti, la pasticceria Montali, Famija pramzana, Lucio Rossi che canta via Bixio e ci commuove. E per i giovani che ci provano proprio lì: de d’là da l’aqua. Viviana e la sua bottega d'artigianato, i ragazzi dei Due gatti, pizza e simpatia, Marco e la mamma Giuseppina, ruggenti fritti e ostinazione. Perché all’Oltretorrente servono amore e fierezza: è un quartiere in ginocchio, soffocato nell’immobilismo, abbandonato dai parmigiani, ce l’ha raccontato ieri sulla Gazzetta l’inchiesta di Mara Varoli. Allora, perché amarlo invece di mollarlo? Perché investire energie, soldi e fatiche? Serve a qualcosa? Non lo so, ma so che più di ogni altro racchiude il senso profondo della nostra identità, l’anima di Parma e simbolicamente di quella provincia italiana che pur nell’appiattimento della globalizzazione resta il nerbo del Paese. Si può lasciare andare un quartiere che si porta nella pancia i Paolotti, la chiesa dell’Annunziata, l'Ospedale vecchio, il Parco ducale, i nostri storici licei e l’Università? E Padre Lino, Picelli e Toscanini, ma anche i pusher e gli ubriachi. C’è tutto. La forza della nostra storia e la fragilità di una comunità che arranca sull’integrazione. Potrebbe diventare l’esempio, l’Oltretorrente, non della disfatta, ma della riscossa.
Però c’è una montagna da scalare. Lo dicono con asettica esattezza i dati dell’Ascom (inchiesta di ieri): 35 negozi sfitti solo in via Bixio e via D’Azeglio, il 30% in più tra il 2015 e il 2016. Un tracollo. Il 25 per cento degli abitanti stranieri, un quarto dei residenti. Pochi parcheggi (solo quello di via Kennedy, 72 posti, senza segnaletica) e un’enormità di locali etnici. Famiglie nucleari. Un’ordinanza antimovida che obbliga i locali del “triangolo rosso” a non dare alcol dopo le 23 (in via Farini e dintorni si beve fino all’una). Il supermarket Vivo chiuso, i cartelli “affittasi” sulle vetrine. Lo dice con dolore Michele Granelli, che c’aveva provato con “Non solo pasta”, gastronomia “pret a manger”, tortelli, anolini e punta al forno, la mamma in cucina, il papà al bancone: ha appena chiuso, “eravamo invisibili”.
Eppure in questo faticoso garbuglio s’intravede qualcosa di buono. Che è legato ai giovani, pietre angolari su cui costruire. Il Comune ci ha provato a singhiozzo con i bandi per le nuove attività: andrebbero rilanciati. Servirebbe sostegno alle riqualificazioni edilizie, il lancio di iniziative per il commercio (in strada, sui social etc), quei benedetti 2,8 milioni del bilancio 2017 per l’Ospedale vecchio, investimenti per il decoro. Servirebbero i parmigiani: un movimento dal basso, fatto di abitanti, uomini di cultura, istituzioni. Per riportare nella Parma vecchia la gente, vero antidoto al degrado, per tornarci tutti a passeggiare in Oltretorrente e poter finalmente dire, come canta Jovanotti innamorato, «questa notte questa città mi sembra bellissima»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    07 Febbraio @ 11.39

    Indiana

    Concordo con il commento di Berta:avete riempito l'Oltretorrente di stranieri! Gli stranieri perlopiù hanno portato degrado,droga,delinquenza varia. Ci sono stranieri dappertutto! Sulle panchine,che poi rompono,a pisciare e spacciare in giro,a fare un gran casino con i loro schiamazzi:chi vorrebbe più vivere in un luogo così? L'Oltretorrente era bellissimo,una grande famiglia. Poi la sinistra ci ha messo il sert,la moschea,la mensa per i poveri (in cui vanno gli immigrati che scacciano i nostri)......Ripulitecelo tutto com'era una volta,ridatelo ai parmigiani e non agli stranieri e vedrete come si rianimerà! Comodo riempirlo di immigrati,ridurlo uno schifo e poi chiedere aiuto ai parmigiani per risistemare le cose!

    Rispondi

  • Tiziana

    06 Febbraio @ 21.36

    Sempre per Federicot...quando c'è la fiera di San Giuseppe o la festa del vino o altri eventi Via Bixio e Via D'Azeglio sono piene! Perché la gente ci va??? Mi spiace tanto leggere i tuoi commenti...non so che età hai e se hai vissuto quelle vie quando erano popolate e piene di negozi. Fanno parte della nostra città e dobbiamo cercare di farle rivivere!

    Rispondi

    • federicot

      07 Febbraio @ 07.44

      federicot

      no non hai capito, forse mi sono espresso male io. Intanto io in via Bixio ci vado e frequento diverse botteghe citate. Ma ci vado SOLO Per quelle. Intendevo dire che in via Bixio al di là di eventi sporadici non vi è alcuna altra attrattiva. Manca cioè una continuità di passaggio di persone: una volta c'era l'anagrafe ad esempio, voleva dire tanta gente. E già che uno andava all'anagrafe passava davanti alle botteghe di via bixio. Sono sempre stato dell'idea che i bravi commercianti lavorano , comunque...a Montali e Viani non gli devi mica insegnare il mestiere quelli vendono anche sulla Luna. Però se vaai da Montali vai lì e basta non ci passi davanti per andare a fare qualcos'altro. Spero sia più chiaro il mio punto di vista. Sembra paradossale, ma gioverebbe molto una chiusura totale al traffico , bus compresi. Tavolini e mercanzie fuori in strada...cambierebbe moltissimo e si rivializzerebbe anche il tratto a esse totalmente morto

      Rispondi

  • Tiziana

    06 Febbraio @ 21.23

    Vorrei rispondere a "E" che scrive di avere avuto intenzione di aprire un negozio e ora, visti i tanti pareri negativi, sta cercando in altra zona. Io sono quasi 6 anni che ho un negozio in Via Bixio e ho avuto tante soddisfazioni e il lavoro grazie a Dio non manca. Non so che attività vorresti intraprendere ma pensaci perché se tratti buoni prodotti la gente viene in Via Bixio! Non condivido Federicot, per lui dovrebbero buttare una bomba in Via Bixio!!! Ci sono negozi che esistono da più di 20 anni e credimi lavorano! Certo i blocchi del traffico e l'accesso vietato da inizio Via Bixio penalizzano ma penso che la qualità e il credere in quello che fai sia molto importante! Bisogna farla rinascere questa zona perché è bellissima ma sicuramente ci vuole anche l'aiuto del Comune!

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    06 Febbraio @ 19.18

    la rivolta di atlante

    È DIVENTATO UN GHETTO.....DEMOLIRE IL PIÙ POSSIBILE E DARE SPAZIO ALLA CITTÀ.... ALTRO CHE RESTAURI .....DINAMITE.

    Rispondi

    • 06 Febbraio @ 19.21

      (dalla redazione) Vabbè, anche la dinamite.

      Rispondi

  • Angelo

    06 Febbraio @ 19.09

    @ Preg.ma,SIg.ra Ferrari; mi permetto di correggere una sua affermazione espressa nell'editoriale che condivido in gran parte. Il divieto di vendita di alcolici dopo le 23 non riguarda nessun "Triangolo Rosso" ma solo alcuni locali situati nella zona dell'Ospedale Vecchio e l'Ordinanza in oggetto è stata emessa per ragioni di sicurezza e tutele dell'incolumità pubblica come richiesto dal Sig.Questore. Ordinanza che ha passato i ricorsi al TAR e al Consiglio di Stato.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

8commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno