14°

EDITORIALE

Perché la Russia è nel mirino dei terroristi

San Pietroburgo, attentato sul metrò: forse è stato un kamikaze

La terribile scena dell'attentato

Ricevi gratis le news
2

Ancora una volta è stata colpita la metropolitana, uno dei simboli di quello che era il potere sovietico. Questa volta, però, l'attentato, e che di attentato si tratti ormai non esistono dubbi, è stato compiuto a San Pietroburgo e non a Mosca come era successo il 29 marzo del 2010, sette anni fa, quando due donne kamikaze si erano fatte esplodere uccidendo 40 persone. Qualche anno prima - il 6 febbraio 2004 - un altro attentato nella metropolitana di Mosca fece 41 vittime.

Quello del 2010 non è stato l'ultimo attentato nel cuore del territorio russo perché - lasciando da parte la zona del Caucaso, periferia dell'impero dove si combatte da anni, anzi da secoli, una guerra a bassa intensità tra la Russia e gli integralisti e nazionalisti ceceni - bisogna ricordare almeno l'attentato suicida all'aeroporto di Mosca-Domededovo che fece 27 morti il 24 gennaio 2011 e l'aereo russo esploso il 31 ottobre 2015 sul Sinai, probabilmente a causa di un ordigno scoppiato in volo: le vittime furono 224.

Come si vede una lunghissima scia di sangue che dimostra la durezza del conflitto che oppone la Russia all'integralismo islamico nelle due varianti, quella autoctona di marca cecena e quella esterna, cioè quella ora egemonizzata dall'Isis e prima da Al Qaida. Sempre che abbia senso questo tipo di distinzione tenendo conto che una parte non piccola dei «foreign fighter» che ingrossano le file dell'Isis in Iraq e in Siria provengono dalle repubbliche ex-sovietiche a maggioranza musulmana.

L'attentato di San Pietroburgo sembra meno professionale come fattura: secondo i primi rilievi è stato usato un esplosivo artigianale arricchito di chiodi e pezzi di metallo per fare più vittime. Nulla di comparabile a quello ad alto potenziale usato nei precedenti attentati, ma anche piuttosto in linea con le «ricette» per la preparazione delle bombe diffuse dall'Isis. E, anche non tenendo conto della foto del presunto attentatore - pelle olivastra e lunga barba nera - che sembra una caricatura dell'integralista islamico, è probabile che la matrice della carneficina sia da ricercare in ambienti jihadisti.

Infatti il conflitto tra la Russia e l'integralismo musulmano non è meno profondo di quello che oppone i jihadisti ai paesi occidentali e ha importanti motivazioni geopolitiche. Sostanzialmente risale alla politica zarista: è lì che nasce il conflitto ceceno e più in generale l'instabilità del Caucaso. La Russia, infatti, ha sempre giocato un ruolo importante nell'oriente musulmano: il «grande gioco» raccontato da Rudyard Kipling, per esempio, era tra agenti più o meno segreti di Londra e di Mosca che si contendevano l'egemonia nei territorio dell'Afghanistan e del Pakistan attuale. Ora come ora la Russia è forse il Paese più esposto nella lotta contro l'Isis in Siria e, oltretutto, è forse l'alleato più solido dell'Iran, cioè dell'arcinemico integralista sciita degli integralisti sunniti dell'Isis e di Al Qaeda. Quest'ultima alleanza è anche quella che rende difficile la collaborazione tra Russia e paesi occidentali in funzione antiterroristica. Infatti gli Stati Uniti hanno un'alleanza molto forte con le monarchie sunnite del Golfo Persico e considerano l'Iran un nemico storico. In questa contraddizione i jihadisti prosperano.

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • falco

    05 Aprile @ 07.56

    semplice.... l'indottrinamento culturale e sociale degli usa dal dopoguerra ad oggi attraverso i media, films, telefilms ecc.. ha inculcato nelle menti della gente che loro sono i buoni e i russi i cattivi. Di conseguenza si amano gli usa ma non la russia. Quindi non ci si sente preoccupati e coinvolti quando accadono stessi tragici fatti in russia. Ma se accadono negli usa o in altri paesi allora ci sentiamo presi in causa come se appartenessimo alla stessa squadra del cuore! Peccato però che la realtà sia praticamente contraria, i buoni sono i cattivi e viceversa. Non cè stato alcun giornalista di quotidiano o di telegiornale che abbia minimamente pronunciato la fatidica frase "siamo tutti ....". No, giammai, quella è la russia comunista, un covo di mangiabambini perchè muoiono di fame a causa del comunismo imposto dal quale cercano da sempre di liberarsi ecc ecc ecc e libri e libri e libri e media e media e media e menzogne e menzogne e revisionismo storico....

    Rispondi

  • Indiana

    04 Aprile @ 19.30

    Indiana

    Siamo tutti sotto attacco terroristico,non dimentichiamolo. Ma come mai per le vittime russe non ci sono state le varie fiaccolate,manifestazioni,je suis, ecc.? Ci sono forse vittime di serie a e vittime di serie n?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Maneskin

Maneskin

MUSICA

Primo tour in Europa per i Maneskin. Ecco le date all'estero e in Italia

1commento

Grande Fratello

REALITY SHOW

Grande Fratello: sempre più baci appassionati fra Giulia e Francesco Video

Birrifici in fiera a Sorbolo: ecco chi c'era - Foto

FESTE PGN

Birrifici in fiera a Sorbolo: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cucina di casa alla parmigiana con fantasia

CHICHIBIO

Trattoria Vigolante: cucina di casa alla parmigiana con fantasia

Lealtrenotizie

Laurea ad honorem a don Luigi Ciotti e apertura dell’anno accademico

Università

(Il 23 novembre) Apertura dell'anno accademico e laurea ad honorem a don Luigi Ciotti

Parma

Centinaia di studenti in piazza contro razzismo e discriminazioni Video Foto

Parma

Nasce lo "spazzino di quartiere": 20 operatori in tutta la città. Video di "Io parlo parmigiano"

Lo spazzino sarà riconoscibile da una pettorina speciale con poesie su Parma

4commenti

televisione

Al via "Hairmaster", il talent dei parrucchieri: la star è il "parmigiano" Rossano Ferretti

qualità della vita

Anche secondo Ey Parma nella top 10 delle città più smart d'Italia

PARMA

Biciclette recuperate dalla polizia: qualcuno le riconosce? Foto

"I legittimi proprietari - dice la polizia - potranno presentarsi presso quest'Ufficio per ottenerne la restituzione muniti della relativa denuncia di furto"

1commento

Parma

Rubano una borsa, poi aggrediscono alcuni ragazzi a bottigliate: denunciati Video

SMOG

A Parma 30mila auto inquinanti

16commenti

Storia

I Ris di Parma risolvono l'ennesimo giallo. Questa volta...con la macchina del tempo

Pico della Mirandola fu avvelenato con l'arsenico

Colorno

Al funerale le ultime parole di Panciroli

VIA EMILIA

Lavori sul cavalcavia, ancora code e tamponamenti

Ponte sul Po

Ricorso al Tar, cittadini e amministratori preoccupati. Ecco cosa succederà

1commento

BUSSETO

Alessandra Barabaschi, successo nel nome di Stradivari

12Tg Parma

Scatta l'obbligo delle gomme invernali: resterà fino al 15 aprile Video

Ecco in quali strade è attivo l'obbligo nel Parmense

GAZZAREPORTER

Via Torelli: "Con l'arrivo dei lampioni a led, marciapiede e ciclabile al buio"

10commenti

FAMIJA PRAMZANA

Una rassegna di selezioni d'opera in Sant'Evasio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Povertà educativa, quei bimbi senza ali

di Anna Maria Ferrari

COMUNE

Oggetti smarriti, i ritrovamenti di ottobre

ITALIA/MONDO

fede

"Non abbandonarci alle tentazioni", cambia il Padre Nostro (e il Gloria a Dio) Il nuovo testo

GOVERNO

Manovra: tassa sulle bevande zuccherate per rivedere l'Irap

SPORT

gossip

Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez vicini alle nozze Foto

CALCIO

Lizhang verso l'acquisizione del Tondela in Portogallo Video

SOCIETA'

ECCELLENZA

Il tartufo record del 2018 finisce a un ristorante italiano a Dubai

MOSTRA

Le foto di Furoncoli raccontano il Sessantotto a Parma

MOTORI

PRIMO TEST

Nuova BMW X5: gli highlights  fotogallery

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni