12°

24°

EDITORIALE

Perché la Russia è nel mirino dei terroristi

San Pietroburgo, attentato sul metrò: forse è stato un kamikaze

La terribile scena dell'attentato

Ricevi gratis le news
2

Ancora una volta è stata colpita la metropolitana, uno dei simboli di quello che era il potere sovietico. Questa volta, però, l'attentato, e che di attentato si tratti ormai non esistono dubbi, è stato compiuto a San Pietroburgo e non a Mosca come era successo il 29 marzo del 2010, sette anni fa, quando due donne kamikaze si erano fatte esplodere uccidendo 40 persone. Qualche anno prima - il 6 febbraio 2004 - un altro attentato nella metropolitana di Mosca fece 41 vittime.

Quello del 2010 non è stato l'ultimo attentato nel cuore del territorio russo perché - lasciando da parte la zona del Caucaso, periferia dell'impero dove si combatte da anni, anzi da secoli, una guerra a bassa intensità tra la Russia e gli integralisti e nazionalisti ceceni - bisogna ricordare almeno l'attentato suicida all'aeroporto di Mosca-Domededovo che fece 27 morti il 24 gennaio 2011 e l'aereo russo esploso il 31 ottobre 2015 sul Sinai, probabilmente a causa di un ordigno scoppiato in volo: le vittime furono 224.

Come si vede una lunghissima scia di sangue che dimostra la durezza del conflitto che oppone la Russia all'integralismo islamico nelle due varianti, quella autoctona di marca cecena e quella esterna, cioè quella ora egemonizzata dall'Isis e prima da Al Qaida. Sempre che abbia senso questo tipo di distinzione tenendo conto che una parte non piccola dei «foreign fighter» che ingrossano le file dell'Isis in Iraq e in Siria provengono dalle repubbliche ex-sovietiche a maggioranza musulmana.

L'attentato di San Pietroburgo sembra meno professionale come fattura: secondo i primi rilievi è stato usato un esplosivo artigianale arricchito di chiodi e pezzi di metallo per fare più vittime. Nulla di comparabile a quello ad alto potenziale usato nei precedenti attentati, ma anche piuttosto in linea con le «ricette» per la preparazione delle bombe diffuse dall'Isis. E, anche non tenendo conto della foto del presunto attentatore - pelle olivastra e lunga barba nera - che sembra una caricatura dell'integralista islamico, è probabile che la matrice della carneficina sia da ricercare in ambienti jihadisti.

Infatti il conflitto tra la Russia e l'integralismo musulmano non è meno profondo di quello che oppone i jihadisti ai paesi occidentali e ha importanti motivazioni geopolitiche. Sostanzialmente risale alla politica zarista: è lì che nasce il conflitto ceceno e più in generale l'instabilità del Caucaso. La Russia, infatti, ha sempre giocato un ruolo importante nell'oriente musulmano: il «grande gioco» raccontato da Rudyard Kipling, per esempio, era tra agenti più o meno segreti di Londra e di Mosca che si contendevano l'egemonia nei territorio dell'Afghanistan e del Pakistan attuale. Ora come ora la Russia è forse il Paese più esposto nella lotta contro l'Isis in Siria e, oltretutto, è forse l'alleato più solido dell'Iran, cioè dell'arcinemico integralista sciita degli integralisti sunniti dell'Isis e di Al Qaeda. Quest'ultima alleanza è anche quella che rende difficile la collaborazione tra Russia e paesi occidentali in funzione antiterroristica. Infatti gli Stati Uniti hanno un'alleanza molto forte con le monarchie sunnite del Golfo Persico e considerano l'Iran un nemico storico. In questa contraddizione i jihadisti prosperano.

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • falco

    05 Aprile @ 07.56

    semplice.... l'indottrinamento culturale e sociale degli usa dal dopoguerra ad oggi attraverso i media, films, telefilms ecc.. ha inculcato nelle menti della gente che loro sono i buoni e i russi i cattivi. Di conseguenza si amano gli usa ma non la russia. Quindi non ci si sente preoccupati e coinvolti quando accadono stessi tragici fatti in russia. Ma se accadono negli usa o in altri paesi allora ci sentiamo presi in causa come se appartenessimo alla stessa squadra del cuore! Peccato però che la realtà sia praticamente contraria, i buoni sono i cattivi e viceversa. Non cè stato alcun giornalista di quotidiano o di telegiornale che abbia minimamente pronunciato la fatidica frase "siamo tutti ....". No, giammai, quella è la russia comunista, un covo di mangiabambini perchè muoiono di fame a causa del comunismo imposto dal quale cercano da sempre di liberarsi ecc ecc ecc e libri e libri e libri e media e media e media e menzogne e menzogne e revisionismo storico....

    Rispondi

  • Indiana

    04 Aprile @ 19.30

    Indiana

    Siamo tutti sotto attacco terroristico,non dimentichiamolo. Ma come mai per le vittime russe non ci sono state le varie fiaccolate,manifestazioni,je suis, ecc.? Ci sono forse vittime di serie a e vittime di serie n?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Melania in Texas, ma scoppia il caso della giacca

USA

Melania in Texas, ma scoppia il caso della giacca

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ritorna bambino: dai cartoni ai super eroi il meglio dei nostri quiz

GAZZAFUN

Cartoni che passione! Scegli il miglior cartone animato degli anni '80 e '90

Lealtrenotizie

Molesta e tenta di violentare una 14enne a Parma. Arrestato 41enne a Monza

carabinieri

Molesta e tenta di violentare una 14enne a Parma. Arrestato 41enne a Monza

nel pomeriggio

Incidente a Pontetaro sulla tangenziale cispadana: due feriti Gallery

anteprima gazzetta

Il mistero dei cartelli contro i clienti dei pusher di viale Vittoria scomparsi nella notte Video

Parma

Gdf: in un anno e mezzo scoperti 64 evasori fiscali totali per 55 milioni di euro Il bilancio dell'attività

REGGIO EMILIA

80mila euro di coca arrivano via posta, i Nas di Parma arrestano un trafficante

Viale Vittoria

«Se compri la droga ti fotografo»: (Sono già spariti) i cartelli sugli alberi - Gallery

14commenti

BLITZ

Confiscati beni per oltre 2 milioni a un imprenditore a Gela

L'uomo aveva trasferito l'attività a Parma

L'evento dell'anno

Ennio Morricone incanta Parma e la Cittadella Gallery - Video

2commenti

12 tg parma

Amministrative: a Salsomaggiore si sceglie fra Fritelli e Volpicelli Video

L'INTERVISTA

Malmesi: «Faremo la A»

4commenti

bufera

Caso whatsapp-Parma, lo Spezia: "La nostra condotta ispirata a rigore e rispetto"

Il presidente Upi

Annalisa Sassi: «Legame col territorio sempre più forte» - Videointevista

NOCETO

Matilde, la youtuber che insegna ad amare i libri

METEO

Maltempo: forti temporali (e calo delle temperature) in arrivo al Nord

TIZZANO

Restituito al proprietario il Ciao rubato 31 anni fa

1commento

Dramma

Superchi, il dolore dell'amico medico: «Se n'è andato un combattente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

ITALIA/MONDO

RAVENNA

Donna uccisa a bastonate: ergastolo al marito

ROMA

Incidente, morti lo chef stellato Narducci e la sua assistente

SPORT

12 tv parma

Domani alle 17 al Tardini in campo le leggende del calcio Video

RUSSIA 2018

La Svizzera piega la Serbia in rimonta: 2-1

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

2commenti

MOTORI

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa