10°

EDITORIALE

Perché la Russia è nel mirino dei terroristi

San Pietroburgo, attentato sul metrò: forse è stato un kamikaze

La terribile scena dell'attentato

Ricevi gratis le news
2

Ancora una volta è stata colpita la metropolitana, uno dei simboli di quello che era il potere sovietico. Questa volta, però, l'attentato, e che di attentato si tratti ormai non esistono dubbi, è stato compiuto a San Pietroburgo e non a Mosca come era successo il 29 marzo del 2010, sette anni fa, quando due donne kamikaze si erano fatte esplodere uccidendo 40 persone. Qualche anno prima - il 6 febbraio 2004 - un altro attentato nella metropolitana di Mosca fece 41 vittime.

Quello del 2010 non è stato l'ultimo attentato nel cuore del territorio russo perché - lasciando da parte la zona del Caucaso, periferia dell'impero dove si combatte da anni, anzi da secoli, una guerra a bassa intensità tra la Russia e gli integralisti e nazionalisti ceceni - bisogna ricordare almeno l'attentato suicida all'aeroporto di Mosca-Domededovo che fece 27 morti il 24 gennaio 2011 e l'aereo russo esploso il 31 ottobre 2015 sul Sinai, probabilmente a causa di un ordigno scoppiato in volo: le vittime furono 224.

Come si vede una lunghissima scia di sangue che dimostra la durezza del conflitto che oppone la Russia all'integralismo islamico nelle due varianti, quella autoctona di marca cecena e quella esterna, cioè quella ora egemonizzata dall'Isis e prima da Al Qaida. Sempre che abbia senso questo tipo di distinzione tenendo conto che una parte non piccola dei «foreign fighter» che ingrossano le file dell'Isis in Iraq e in Siria provengono dalle repubbliche ex-sovietiche a maggioranza musulmana.

L'attentato di San Pietroburgo sembra meno professionale come fattura: secondo i primi rilievi è stato usato un esplosivo artigianale arricchito di chiodi e pezzi di metallo per fare più vittime. Nulla di comparabile a quello ad alto potenziale usato nei precedenti attentati, ma anche piuttosto in linea con le «ricette» per la preparazione delle bombe diffuse dall'Isis. E, anche non tenendo conto della foto del presunto attentatore - pelle olivastra e lunga barba nera - che sembra una caricatura dell'integralista islamico, è probabile che la matrice della carneficina sia da ricercare in ambienti jihadisti.

Infatti il conflitto tra la Russia e l'integralismo musulmano non è meno profondo di quello che oppone i jihadisti ai paesi occidentali e ha importanti motivazioni geopolitiche. Sostanzialmente risale alla politica zarista: è lì che nasce il conflitto ceceno e più in generale l'instabilità del Caucaso. La Russia, infatti, ha sempre giocato un ruolo importante nell'oriente musulmano: il «grande gioco» raccontato da Rudyard Kipling, per esempio, era tra agenti più o meno segreti di Londra e di Mosca che si contendevano l'egemonia nei territorio dell'Afghanistan e del Pakistan attuale. Ora come ora la Russia è forse il Paese più esposto nella lotta contro l'Isis in Siria e, oltretutto, è forse l'alleato più solido dell'Iran, cioè dell'arcinemico integralista sciita degli integralisti sunniti dell'Isis e di Al Qaeda. Quest'ultima alleanza è anche quella che rende difficile la collaborazione tra Russia e paesi occidentali in funzione antiterroristica. Infatti gli Stati Uniti hanno un'alleanza molto forte con le monarchie sunnite del Golfo Persico e considerano l'Iran un nemico storico. In questa contraddizione i jihadisti prosperano.

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • falco

    05 Aprile @ 07.56

    semplice.... l'indottrinamento culturale e sociale degli usa dal dopoguerra ad oggi attraverso i media, films, telefilms ecc.. ha inculcato nelle menti della gente che loro sono i buoni e i russi i cattivi. Di conseguenza si amano gli usa ma non la russia. Quindi non ci si sente preoccupati e coinvolti quando accadono stessi tragici fatti in russia. Ma se accadono negli usa o in altri paesi allora ci sentiamo presi in causa come se appartenessimo alla stessa squadra del cuore! Peccato però che la realtà sia praticamente contraria, i buoni sono i cattivi e viceversa. Non cè stato alcun giornalista di quotidiano o di telegiornale che abbia minimamente pronunciato la fatidica frase "siamo tutti ....". No, giammai, quella è la russia comunista, un covo di mangiabambini perchè muoiono di fame a causa del comunismo imposto dal quale cercano da sempre di liberarsi ecc ecc ecc e libri e libri e libri e media e media e media e menzogne e menzogne e revisionismo storico....

    Rispondi

  • Indiana

    04 Aprile @ 19.30

    Indiana

    Siamo tutti sotto attacco terroristico,non dimentichiamolo. Ma come mai per le vittime russe non ci sono state le varie fiaccolate,manifestazioni,je suis, ecc.? Ci sono forse vittime di serie a e vittime di serie n?

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Pronti per l’ultima stagione del Trono di spade? Ecco come prepararsi all’evento tra mappe interattive e le location della serie di culto_got

HI-TECH

Trono di spade: come prepararsi all’evento fra mappe interattive e le location della serie

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

I ladri fanno esplodere il bancomat della Cassa Padana nella notte

Viarolo

Cercano di far esplodere il bancomat della Cassa Padana ma il colpo fallisce

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro: disagi al traffico ma nessun ferito Foto

IL MATCH DELLA FOLLIA

Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

1commento

Tribunale

Collecchio, condannato per stalking

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

1commento

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

AUTOSTRADA

A1, scontro fra due camion: fino a 9 chilometri di coda tra Fidenza e Piacenza questa mattina

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

TRIBUNALE

San Giovanni, entra in sagrestia e tenta di rapinare due monaci: condannato

GAZZAREPORTER

"Il cielo di un giovedì mattina" Foto

JUNIORES

Insulti razzisti e rissa sugli spalti: 75 euro di multa per Marzolara e Fontanellato e fino a 6 turni di squalifica

1commento

Triste record

41enne parmigiana arrestata tre volte in dieci giorni

pablo

Polizia allertata dai consiglieri di quartiere: e i pusher scappano abbandonando le dosi

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

ITINERARI VINTAGE

Il viaggio e l'avventura: l'età dell'autostop

di Italo Abelli

ITALIA/MONDO

USA

Voleva attaccare la Casa Bianca, arrestato un uomo

MISTERO

Sequestrato un 45enne nel Bresciano: ricerche in corso

SPORT

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

IL VIAGGIO

Citroën: la C5 Aircross scalda i motori andando... al Polo Nord

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross