16°

29°

EDITORIALE

La via crucis dei mendicanti

La via crucis dei mendicanti
Ricevi gratis le news
3

Scendo in strada di buon mattino e il primo incontro che faccio è uno straniero in bicicletta. Vestito dignitosamente ha quel sorriso triste che nasconde problemi. Si avvicina e con gentilezza mi chiede se lo posso aiutare. Gli allungo un euro. Mi ringrazia e se ne va con un'espressione euforica agitando la mano che stringe la per lui preziosa moneta. Sono felice di averlo fatto felice con così poco. Forse oggi riuscirà a mangiare qualcosa.
Con il passare delle ore incrocio altri come lui davanti al supermercato, in stazione, in centro. Il colore della pelle è diverso ma hanno tutti la stessa espressione. Lo sguardo non riesce a nascondere una disperazione umiliante e senza prospettive che li accomuna. Quelli che chiedono la carità si diceva una volta. Comunque gli ultimi. La loro è una via crucis quotidiana per sopravvivere confidando nella pietà (o nel senso di colpa) di chi sta meglio di loro.
Pochi giorni fa, però, il primo cittadino italiano si è ricordato degli ultimi. Il presidente della Repubblica Mattarella, recependo il parere del Consiglio di Stato, ha infatti accolto il ricorso straordinario proposto dall’associazione «Avvocato di strada» contro un’ordinanza firmata dal sindaco di Molinella, un piccolo Comune della Provincia di Bologna, emessa nel marzo 2015, che vietava l’accattonaggio.
Nel provvedimento adottato dal sindaco Pd, Dario Mantovani, si prevedevano multe dai 25 ai 500 euro per chi chiedeva l’elemosina ai passanti.
Per molti una decisione saggia e di civiltà. Chi vive in strada generalmente lo fa perché non ha nessun'altra possibilità. Spesso sono persone che hanno semplicemente perso il lavoro e che sono finite così perché prive di qualsiasi reddito. Se gli si fa una multa non li si toglie dalla misera condizione in cui sopravvivono, semplicemente si aggrava ancora di più la loro situazione.
Eppure, in tempi in cui domina l'ansia di regolamentare (e in molti casi sanzionare) comportamenti che possono anche lontanamente disturbare i cittadini, quello di multare i questuanti sembra andare assai di moda. A Trieste, lo scorso anno, è stato introdotto un nuovo regolamento di polizia urbana che prevede sanzioni non solo per chi chiede l'elemosina ma anche per chi l'elemosina la fa.
Come dire: volontariamente cerchi di aiutare un disperato e per questo ti appioppo una bella multa. Un verbale per troppa generosità, insomma, come se quei pochi centesimi depositati in una mano tesa costituissero chissà quale pericolo o andassero ad alimentare pericolosissimi racket.
Fortunatamente il buon cuore delle persone va oltre le regoline ottuse e insensate sottoscritte da qualche sindaco in cerca di facile consenso.
Qualche mese fa la Gazzetta ha fatto una prova sul campo. Un nostro collaboratore si è improvvisato mendicante piazzandosi per una mattina all'ingresso di un supermercato. In poche ore ha racimolato un discreto gruzzolo (poi donato in beneficenza) ma soprattutto la comprensione e le parole di incoraggiamento di tanti parmigiani.
Perché la gente comune la disperazione vera, quella fatta di fame e cartoni per ripararsi dal freddo, la riconosce immediatamente. E cerca solo di renderla un po' meno dura.
cbrugnoli@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Berta

    12 Aprile @ 12.07

    Effettivamente, la logica dice che ha ragione Filippo Bertozzi. Di questi pseudo mendicanti sono la maggioranza, oserei dire il 85% almeno, ad aver fatto della questua una professione. Remunerativa ed esentasse. È comodo e facile sedersi per terra con un cartone con scritto 'sono vedovo/a, malato/a con 4 figli a carico'. Ed è la solita politica dello struzzo ignorare, come si fa in quest'articolo, che esiste ANCHE (facciamo un 10%?) la mafia dell'accattonaggio non meno pericolosa di quella della prostituzione o degli ambulanti 'vucumprà''. Persone (rom ed emigrati, anche e molti ragazzini) reclutate e scaricate davanti a chiese, piazze e supermercati e poi obbligati a consegnare i proventi della truffa ai capoccia di turno. Resta max un 5% di casi veramente disperati. Ma i veri disperati sono quelli che fregano nella spazzatura senza rompere i co...ni a nessuno. Più che altro per dignità.

    Rispondi

    • 12 Aprile @ 14.59

      (dalla redazione) Molte percentuali e nessun dato a supporto. Resta l'irritazione per i mendicanti. Irritazione di cui prendiamo atto.

      Rispondi

  • Filippo

    11 Aprile @ 22.00

    Mi spiace far notare che il finale del suo editoriale è contraddittorio: se un vostro collaboratore s'e' finto mendicante, racimolando un discreto gruzzolo, la gente comune la disperazione vera non la riconosce per niente. E questo è il nocciolo della questione: fra i tanti che mendicano per pura disperazione, ce ne sono altrettanti che lo fanno a tempo perso, quando non fanno razzie in appartamenti, ad esempio. E questo è il motivo per cui molti non si fidano per niente e la beneficenza preferiscono farla attraverso altri canali: sbagliato multare chi fa l'elemosina, ma l'atto in se' va disincentivato ed in qualche modo bisognerebbe riuscire a togliere dalla strada chi la chiede.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Trovato a terra sulla pista da motocross: è gravissimo

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

5commenti

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Oggi chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

10commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

PARMA

Gervinho, che gol!

1commento

verdi off

Bianchi, rossi, verdi: variazioni (e sorrisi) a tema pic-nic al Parco Ducale Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

paura

Fuori da Buckingham Palace con un taser, arrestato

Firenze

Un sedicente artista rompe un quadro in testa a Marina Abramovic

SPORT

3a giornata

Roma ko a Bologna, crisi nera. E quel Parma lì, chi l'avrebbe detto Risultati, classifica

MotoGp

Ad Aragon vince Marquez davanti a Dovizioso. Rossi solo ottavo

SOCIETA'

verona

Sciame di calabroni durante una gara podistica, in sette all'ospedale

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

LA PROVA

Kia Sportage diventa «Mild Hybrid»

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse