17°

27°

EDITORIALE

Piccola grande storia di un uomo in fuga

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
5

Di tutte le notizie della settimana, ne vogliamo commentare una che non ha certo meritato le prime pagine dei giornali: non ovviamente di quelli nazionali, ma neppure del nostro, pur essendo una storia che si è consumata qui in provincia, fra Roccabianca, Diolo e Parma. Una piccola storia degna solo di qualche riga a pagina 23: eppure, una piccola storia che avrebbe potuto essere un romanzo di Simenon, o un racconto di Pirandello. Una piccola storia nella quale credo ognuno di noi possa ritrovare qualcosa di se stesso.
Il protagonista è un uomo di cinquant'anni che un venerdì mattina scompare da un distributore di benzina della Bassa per riapparire un giorno e mezzo dopo, la notte di sabato, al pronto soccorso dell'ospedale del capoluogo. Non malato, non ferito, ma semplicemente svuotato dopo aver camminato per decine e decine di chilometri, senza meta. «Mi è scattato qualcosa dentro, ero stanco - ha raccontato alla cronista della Gazzetta Simona Valesi quando è finalmente tornato a casa -. Ero preso da tanti pensieri, preoccupato per il lavoro. Quando vedi tutto nero non capisci più cosa stai facendo. E io non reggevo più tutto questo. Allora così, senza pensarci, sono andato lontano a piedi per sfogarmi e restare da solo».
Credo che in queste parole ciascuno di noi possa rivivere una tentazione, un desiderio, direi quasi un bisogno. Viviamo spesso (sempre?) presi da mille cose da fare, da preoccupazioni, da impegni segnati in agenda. La quasi totalità di questi pensieri riguarda il nostro rapporto con gli altri: i familiari innanzitutto, poi gli amici, i colleghi, le persone con cui abbiamo a che fare per lavoro. Certo era solo una provocazione quella di Jean-Paul Sartre, il quale diceva che «l'inferno sono gli altri»; ma è innegabile che a volte ci prenda il desiderio (ma ripeto: pure il bisogno, l'esigenza) di «restare soli», appunto; e la necessità di camminare e camminare fino allo sfinimento, ma senza una meta, perché la nostra esistenza sta diventando, per come ci siamo ridotti a vivere, un'ossessione di mete, di obiettivi da raggiungere. Forse, il nostro mondo occidentale contemporaneo dovrebbe farsi qualche domanda su quale possa essere davvero una meta che valga la fatica di un cammino.
E tuttavia il fuggitivo della Bassa ci lascia pure un secondo, grande insegnamento. Sempre al ritorno a casa, ha spiegato: «Solamente dopo mi sono reso conto di quello che avevo fatto, di quanto tutti si sono preoccupati per me e ringrazio tutti di cuore per avermi aiutato». Sparire non si può, perché «gli altri» ci possono preoccupare ma non sono l'inferno: sono la nostra stessa ragione di vita. Nessuno è nato per bastare a se stesso. In uno dei più famosi film della storia del cinema americano, «La vita è meravigliosa» di Frank Capra del 1946, un angelo salva dal suicidio George Bailey (il protagonista, interpretato da James Stewart). Bailey dice che avrebbe preferito non essere mai nato e allora Clarence, l'angelo, gli mostra tutte le cose buone che ha fatto nella vita, e come sarebbe stato il suo paese («gli altri») senza di lui, senza tutte quelle cose buone. «Strano, vero? - dice l'angelo - La vita di un uomo è legata a tante altre vite. E quando quest'uomo non esiste, lascia un vuoto». Ecco perché anche questa piccola storia del nostro Mondo piccolo può avere un significato universale.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • BRUNO C.

    10 Maggio @ 17.31

    BELLISSIME PAROLE DENSE DI SIGNIFICATO

    Rispondi

  • Biffo

    08 Maggio @ 10.32

    Direttore, pur convinto delle ottime intenzioni del Suo scritto e delle Sue riflessioni sul caso in questione, nel mio piccolo, anzi, minimo, etico e sociale, non mi trovo d'accordo sul fatto che le vicende di questo 50enne possano costituire un elemento esemplare di riflessione e di conseguente giustificazione dl suo gesto. Se tutti coloro che, giunti oltre il mezzo del cammin di nostra vita, lo imitassero, perché delusi, preoccupati, oberati dal carico dei problemi esistenziali, vedremmo in giro, per le nostre strade, file interminabili di camminatori. Arrivato a 72 anni, ho incontrato numerosi e gravi problemi, anch'io, nella mia vita, personali e familiari di salute od altro, ma non mi sono mai mosso di casa. Non ne comprendo il costrutto e le finalità. Del resto, credo che anche Lei abbia incontrato ostacoli ed avversità; ma si è mai messo in cammino verso l'Ignoto, lasciando i Suoi famigliari nell'angoscia?

    Rispondi

  • salamandra

    08 Maggio @ 08.56

    Bella riflessione (dal titolo però pensavo si parlasse di Igor :D)

    Rispondi

  • spartaco

    07 Maggio @ 15.35

    Bravo Direttore! Davvero una bella riflessione.

    Rispondi

    • Pasquale

      07 Maggio @ 22.01

      Mi associo!!!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali

HI-TECH

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali Video

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Foto d'archivio

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

2commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

2commenti

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

PARMA-CAGLIARI

Oggi ci vorrà un Parma da battaglia

Segui gli aggiornamenti in tempo reale dalle 15

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

8commenti

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Vigile del fuoco precipita da 7 metri e muore ad Ancona Video

cosenza

Parroco vende oro della Madonna delle Grazie "per sanare i debiti della parrocchia"

SPORT

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"