18°

28°

editoriale

Macron, la sfida della speranza

La sfida della speranza
Ricevi gratis le news
0

«Questa sera s’è aperta una nuova pagina della nostra lunga storia. Io voglio che sia quella della speranza e della fiducia ritrovate». Con queste parole, molto secche e neppure troppo retoriche data la situazione, Emmanuel Macron ha salutato la sua vittoria – più ampia di quello che pronosticavano i sondaggi – su Marine Le Pen.
«Espoir» e «confiance», «speranza» e «fiducia», due parole che sembravano scomparse dal lessico politico, sostituite dalle parole d’ordine della marea populista che sembrava sul punto di travolgere l’Europa e il mondo intero. «Rabbia», «collera», «sfiducia», infatti, sono moneta corrente nelle nostre analisi e nei nostri discorsi. Ma ieri sera la Francia ha scelto altrimenti. Come avevano scelto altrimenti gli Stati Uniti nel 2008, quando Barack Obama aveva sconvolto la politica americana con la sua travolgente campagna elettorale nel nome ancora una volta della «speranza», l’«hope» che era diventato il «leitmotiv» dei suoi discorsi e del suo messaggio. E anche allora Obama parlava a un paese con il morale sotto i tacchi, nel bel mezzo della peggiore crisi economico-finanziaria che il mondo ricordi. Ci vuole molto coraggio a ribaltare l’umore dominante di un’epoca, quello che chi ha studiato chiama «zeitgeist» e chi si occupa di marketing politico «sentiment». Bisogna essere cocciuti, avere il gusto della sfida e del pensare controcorrente. Essere, in poche parole, un leader. Quando poi Macron - nel suo primo discorso da presidente eletto - ha parlato di Europa ricordandone il «destino comune» ha portato in primo piano l’altro elemento eretico della sua campagna: il suo forte europeismo in un’epoca di euroscetticismo. Un altro pugno in faccia allo «zeitgeist». Ora, però, questa vittoria di un uomo solo deve essere consolidata dalla vittoria di un movimento che è chiamato a diventare il primo partito di Francia. «En Marche!», il movimento creato da Macron, si trova davanti alla sfida delle legislative di giugno. I sondaggi, per ora, sono positivi e il fatto che Marine Le Pen non abbia superato il 40% - che secondo i sondaggi era alla sua portata - è un altro elemento di ottimismo per i seguaci del leader centrista. Ma il sistema francese - che prevede il doppio turno in collegi piccoli - non è esattamente lineare e prevedibile perché bisogna vedere come funzionerà a livello locale il «barrage» contro il Front National. Servirà molto lavoro sul territorio e un’organizzazione molto ramificata. Una cosa difficile da mettere in piedi in poco tempo. In più sia Marine Le Pen che Jean-Luc Mélenchon - cioè il populismo visto da desta e da sinistra - hanno annunciato propositi bellicosi. La Le Pen ha detto di essere pronta a cambiare radicalmente il Front National, che, addirittura, cambierà nome. Insomma Macron ha appena vinto una tappa di montagna di quelle dove si creano le leggende. Ma non ha vinto il Tour. Per questo Macron - che ha vinto un ballottaggio con affluenza in calo e con un gran numero di schede bianche - si è rivolto agli scontenti, cioè agli elettori della Le Pen e di Mélenchon che a «fiducia» e «speranza» hanno preferito «rabbia» e «sfiducia». E’ questa la sfida che lo aspetta. Dalla sua parte ha il traino della vittoria a valanga e il fatto che Madame Le Pen ha perso parecchia della sua magia nella pessima performance televisiva di mercoledì scorso. E anche la retorica di Mélenchon - astuta, ma vecchia e francamente parolaia - d’un colpo è sembrata antiquariato politico di fronte all’asciuttezza di Macron. Poi ci sono i partiti tradizionali che sono rimasti annichiliti dal risultato delle presidenziali, ma che hanno ancora molte potenzialità a livello locale. Quello che aspetta Macron, quindi, è un vero e proprio salto mortale. Un numero al trapezio senza rete, ma che con l’entusiasmo di ieri sera, è forse possibile.
pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

5commenti

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

2commenti

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

5commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

2commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

5commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

4commenti

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

1commento

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

1commento

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

21commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design