14°

26°

EDITORIALE

E Peppone finì al bando proprio nella sua Bassa

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
5

N ella Bassa, diceva Guareschi, il sole batte come un martello sulla testa della gente, così capita che a volte si accendano passioni e che ci si metta a litigare come dei matti per questioni bizzarre. Siamo però all'inizio di ottobre, il sole - quando c'è - è leggero, e quindi si fatica a capire il clima surriscaldato della politica di Soragna. Questa settimana il consiglio comunale ha votato un'inedita (davvero non s'era mai visto né udito nulla del genere, in tutta Italia) mozione con la quale si mette al bando l'ideologia comunista. Le sinistre, anche quelle del capoluogo, protestano, e c'è da giurare che presto la faccenda finirà sui media nazionali.
La consigliera (leghista) che ha presentato la mozione dice di averlo fatto provocatoriamente, come protesta contro la legge Fiano, la quale punisce chi ostenti la propria fede fascista, anche con saluti romani o immagini che richiamano al Ventennio. «Il comunismo», dice in sostanza la consigliera, «è un'ideologia totalitaria quanto il nazifascismo, anzi pure più nefasta, se facciamo il conto delle vittime». Su questo non si può darle torto. È vero che il comunismo nasce con una buona intenzione (dare a ciascuno secondo il proprio bisogno) ma si sa che la strada che porta all'inferno è lastricata di buone intenzione. E il comunismo, in tutto il mondo, è davvero stato un inferno. Ovunque è andato al potere, c'è andato con le armi, mai con il voto democratico; e quel potere l'ha esercitato e mantenuto con metodi polizieschi (ricordate il magnifico film «Le vite degli altri»?), con la tortura, i carri armati, i campi di concentramento. Unione Sovietica, Cina, Vietnam, Cambogia, Cuba: tutti i modelli di socialismo reale sono miseramente (in qualche caso tragicamente) falliti.
Tuttavia, la mozione approvata dal consiglio comunale di Soragna impegna il sindaco «ad avanzare presso il governo la richiesta di perseguire penalmente con pene severe chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito comunista...». Ora, a parte il fatto che il governo non c'entra nulla (semmai, è il Parlamento) e a parte il fatto che non sappiamo quanto potere di persuasione possa avere a Roma il buon sindaco di Soragna, par di capire che ce la si prende non con l'ideologia, ma con il partito. E qui le cose cambiano un po', perché il Pci ha sempre rispettato le regole della democrazia. Certo, si potrebbe dire che fu lo stesso Stalin, dopo Jalta, ad ammonire i comunisti italiani di scordarsi la "seconda ondata", perché l'Italia era stata assegnata al blocco occidentale e bisognava rispettare i patti. Non fosse andata così, è probabile che un'insurrezione ci sarebbe stata: anche dalle parti di Soragna, in qualche cantina, ci saranno ancora le armi dei nonni partigiani. Ma la storia non si fa con i "se". La realtà è che il Pci non ha chiamato alla rivolta ma ha accettato la democrazia, e l'unica dittatura che l'Italia ha vissuto è quella fascista. Logico quindi che nel dopoguerra il legislatore (e l'opinione pubblica) abbiano avuto una sensibilità particolare sul pericolo di un ritorno del fascismo, e non su quello di un avvento del comunismo.
Ma forse sarebbe ora che tutti prendessero atto che il Novecento è finito da un pezzo, e che le idee sbagliate - rosse o nere che siano - si combattono con altre idee, non mettendo al bando i busti del Duce, né quelli di Baffone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Dario

    04 Ottobre @ 07.27

    rdsdario@gmail.com

    Il PCI non ha mai accettato la democrazia, l'ha subita gioco forza. Non dimentichiamo che i brigatisti e tutte le correnti terroristiche di sinistra erano considerati "compagni che sbgaliavano però avevano ragione" .... tipico irragionevole ragionamento dei kompagni. Riguardo la decisione di mettere al bando il counismo e tutto quello che lo ricorda ERA ORA !!!

    Rispondi

  • Django

    03 Ottobre @ 19.15

    djang0@libero.it

    Cito le parole del direttore "[Il comunismo] Ovunque è andato al potere, c'è andato con le armi, mai con il voto democratico". Cito Wikipedia "Salvador Allende (...) primo Presidente marxista democraticamente eletto nelle Americhe". Dimenticanza?

    Rispondi

    • 03 Ottobre @ 20.03

      (Dalla redazione) Non le è sfuggito, penso, che Allende fu uno dei fondatori del partito socialista cileno e per tutta la vita rimase socialista, pur essendo marxista ed essendo a capo di una coalizione di sinistra.

      Rispondi

  • gigiprimo

    02 Ottobre @ 19.19

    vignolipierluigi@alice.it

    Ma la falce e martello e la bandiera con quel simbolo non appartiene al partito! Comunque non c'è problem, anche senza quei simboli ci può essere 'dittatura '! E l'Italia c'è prossima, vedi varie imposiziono di legge, Non ultima quella vaccinale, senza dare una spiegazione valida come aumento del rischio re spiegazione dello stesso!

    Rispondi

  • olderthanpilotta

    01 Ottobre @ 16.44

    Chapeau, Direttore. Il problema, purtroppo, è che le idee latitano. Almeno nella politica italiana. O meglio: latitano le idee buone, quelle bislacche proliferano.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa per la prima volta senza parrucca

social network

La prima volta di Nadia Toffa senza parrucca: selfie con la mamma

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa

FESTE

Swinging Ballroom Closing Party: ecco chi c'era alla festa Foto

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

manifestazione

Quanta Parma a Vinitaly (Guarda chi c'era)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Operazione antidroga a Parma: cinque arresti

polizia

Operazione antidroga a Parma: cinque arresti

VIA SIDOLI

Scende dall'autobus: 83enne assalita e rapinata

FURTI

Notte di raid nelle assicurazioni: cosa cercavano i ladri?

2commenti

Addio

Giancarlo Bonassi, l'antesignano delle guide turistiche

L'agenda

"Nel segno del giglio" e non solo: un sabato tra dischi in vinile, libri e musica

Tribunale

Picchia e perseguita la fidanzata: condannato a due anni

SALSO

Elezioni, spunta una nuova lista civica: Salso Futura

Busseto

Rapina alla Banca popolare di Lodi, due condannati

Cooperativa Molinetto

Un viaggio in Islanda per coronare un sogno

Intervista

Franconi Lee: «Tosca al Regio come un thriller di Hitchcock»

via zanardelli

Il pensionato e l'officina in nero: sequestro e multa da 10mila euro Video

8commenti

carabinieri

Colpì il giardiniere a badilate: arrestato commerciante di Langhirano

1commento

FATTO DEL GIORNO

Strattonano un'anziana, la fanno cadere e la rapinano alla fermata del bus

2commenti

PARMA

Un logo per la Barilla, concorso al Toschi: ecco le studentesse premiate Foto

Un concorso per premiare i dipendenti con 25 anni di anzianità in azienda

polizia

Aggressione nella notte in via D'Azeglio

1commento

segnalazione

San Leonardo, bossoli di arma da fuoco sul marciapiede

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

"Il terzo giorno": la mostra in 8 pagine speciali

ITALIA/MONDO

MUSICA

Il produttore e dj svedese Avicii è stato trovato morto in Oman: aveva 28 anni Foto

Genova

Cinque Terre, misteriosa macchia bianca in mare

SPORT

impresa

Scialpinismo: record italiano alla Patrouille des glaciers

MOTOGP

Austin: Iannone il più veloce. Quarto Rossi

SOCIETA'

GAZZAFUN

“La morta in Tär" e le belle storie in dialetto: rispondi al nostro quiz

usa

"Carrie" tifa per l'amica "Miranda" governatrice di New York

MOTORI

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia