19°

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

Austria, il populismoalla prova del governo
Ricevi gratis le news
1

Sebastian Kurz, il giovanissimo leader della Övp, i popolari austriaci, ha vinto le elezioni e si appresta, a 31 anni, a diventare il più giovane primo ministro d'Europa. E' perfino più giovane di Renzi e di Macron. Questo per ora è l'unico dato certo delle elezioni di domenica. Non ci sono, infatti, nemmeno i dati finali della tornata elettorale, visto che lo scrutinio del voto per posta sarà ultimato solo giovedì. Non si sa se i socialdemocratici (Spö) saranno - come dicono le proiezioni - il secondo partito o se finiranno dietro alla destra dei liberali (Fpö) come sono ora, se si tiene conto solo del voto non inviato per posta. Non che cambi molto, in realtà, se non dal punto di vista psicologico, visto che i due partiti sono separati da circa un punto percentuale.

Quello che è probabile è che Kurz si allei con Heinz-Christian Strache - il leader dei liberali che in gioventù aveva simpatie neonaziste - per dare vita al prossimo governo. La campagna elettorale, infatti, è stata troppo dura per riproporre la Große Koalition, la grande coalizione, con i socialdemocratici. C'è, per la verità, anche la possibilità di una coalizione tra socialdemocratici e liberali, ma, pur se possibile nei numeri, è abbastanza remota, anche se non così incongrua come appare leggendo i commenti dei giornali italiani, visto che tra il 1983 e il 1986 questa alleanza governò il Paese. Ma si trattava di un Partito della libertà decisamente più moderato dell'attuale.

Anche l'alleanza tra popolari e liberali non è inedita: tra il 2000 e il 2005, l'epoca di Jörg Haider, infatti, a Vienna il governo fu l'espressione di questa alleanza fortemente osteggiata dall'Unione europea che arrivò, anche se per breve tempo, a imporre sanzioni contro l'Austria. Non si tratta quindi di una novità e questa volta non dovrebbe neppure provocare - a livello europeo - lo scandalo che provocò l'ingresso di Haider nella maggioranza di governo.

Allora, viene da chiedersi, perché questa volta l'avanzata della Fpö e la sua possibile entrata nel governo fa così paura? Per avere la risposta, però, dobbiamo guardare alla mutazione antropologica dei popolari di Kurz. Il giovane leader, infatti, ha spostato molto a destra il partito, dopo aver «rottamato» - in questo caso l'espressione renziana è giustificata - la vecchia guardia popolare. In questo modo è riuscito, con un abile gioco di prestigio, a far dimenticare che la Övp è stata una delle colonne del sistema politico austriaco.

Proponendosi come una «Fpö light», ma cavalcando gli stessi temi - dall'immigrazione senza controllo alla islamizzazione strisciante dell'Occidente - Kurz è stato capace di intercettare il voto di protesta, svuotando, in parte, il serbatoio da cui pescavano gli stessi liberali. Solo che ora si trova con l'asse del partito spostato molto a destra. Tanto a destra che ormai, nell'alleanza con Strache, la Övp non si può più proporre come un elemento stabilizzante e graniticamente filo-europeo. La freddezza dimostrata ieri da Angela Merkel rispetto al giovane Kurz significa anche questo.

Ora bisognerà vedere se la massiccia dose di populismo inoculata da Kurz nel suo partito verrà espulsa nella pratica di governo. Ma non sarà né semplice, né indolore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • simone

    18 Ottobre @ 14.21

    Io credo che l'avanzata delle destre sia la conseguenza del fallimento dei partiti tradizionali socialdemocratici. Il tema dei migranti è dirimente. Il valore etico della solidarietà appare apprezzabile nella maggior parte della gente, ma non necessariamente superiore - prioritario al bisogno di sicurezza. Questa cosa il PD non la ha capita negli ultimi 4 anni e alle elezioni pagherà (spero) il conto. Ulteriore fallimento delle sinistre europee è la assoluta incapacità di arginare il fenomeno delle crescenti disuguaglianze sociali. Per quel che riguarda l'Italia sono state fatte sanatorie per i soldi spesso di dubbia provenienza depositati all'estero. Chi ha aderito alla voluntary disclousure ha pagato una miseria per sanare la propria posizione. Un operaio delle fonderie bresciane paga invece mediamente il 27% di IRPEF sul suo stipendio. Una cosa imbarazzante per chi dice di difendere i più deboli....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno