14°

27°

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

Asia Argento

Asia Argento

Ricevi gratis le news
2

Incompresa, come recita il titolo del suo ultimo film da regista, lo è stata sin dall'inizio: già dalla nascita, quando la vollero chiamare Asia. Che uno zelante funzionario dell'anagrafe trasformò però in un nome non meno originale e ambizioso, Aria. A 9 anni già recitava: ma è stata anche cantante, scrittrice, modella. Si è coperta da capo a piedi di tatuaggi, ha baciato un rottweiler in un film di Abel Ferrara e ha fatto una figlia con un altro dissidente della normalità, il cantante Morgan: può non starvi simpatica, ma fatico a pensare che si meriti, a maggior ragione dopo quello che le è successo, tutto il fango che le sta piovendo addosso. Carrierista, troia, complice schifosa: sono solo alcuni dei «complimenti» che il popolo social (in particolare donne: e non è un dato da poco) le ha recapitato. E' vero: Asia Argento avrebbe potuto denunciare prima Harvey Weinstein, il produttore-orco che l'ha molestata vent'anni fa, sorte condivisa da decine di altre, notissime e meno, attrici. Non c'è dubbio. Ma viene da chiedersi, in questo sport tutto italiano di infamare la vittima piuttosto che il carnefice, se davvero esiste un timing, una scadenza, una data, per fare i conti con i propri traumi e i propri fantasmi. Se c'è un momento giusto per vincere la vergogna e la paura di confessare il sopruso, l'umiliazione, l'incubo. Asia ha raccontato di essersi sentita in colpa per non essere riuscita a scappare e per non avere avuto il coraggio di denunciare: ma a molti non è bastato. E giù insulti, spregio, rancore. Non proprio un grande incoraggiamento, un bell'esempio, per tutte le ragazze che ovunque, anche nella nostra città, sono vittime di abusi: chi avrà più voglia di denunciare se il rischio (ne sa qualcosa anche la mantovana stuprata in via Testi nell'allora sede della Rete anti fascista) è quello di avere in cambio non solidarietà o comprensione, ma la gogna?
Certo: se lei - o altre come lei - avessero alzato il velo prima sulle abitudini del signor Weinstein, avrebbero risparmiato non poche sofferenze ad altre donne. Ma è un peso, questo, una responsabiltà, che è ingiusto (oltre che assurdo) fare ricadere solo sulle spalle di chi quelle violenze le ha subite. Perché se non tutti, molti, moltissimi, sapevano: ma hanno preferito, per un motivo o per l'altro, tacere. Tra loro, anche molti uomini: Quentin Tarantino (che grazie alla Miramax di Weinstein girò il capolavoro «Pulp fiction»), ad esempio, che ora dichiara: «Sapevo abbastanza per fare di più di quello che ho fatto». Ma recita il mea culpa anche l'italiano Giovanni Veronesi, con cui Asia Argento si era confidata: «Me lo disse vent’anni fa ma era piccola e aveva paura. Io non sapevo che fare. Mi sembrava una cosa troppo lontana da me. Ma avrei dovuto denunciare io». Chissà se adesso lo ripete tra sè e sè anche una superstar come Brad Pitt: che al produttore dall'accappatoio facile disse sì di lasciare in pace l'allora fidanzata Gwyneth Paltrow, ma non denunciò mai pubblicamente il tycoon. Non ci fa una bella figura: e Holllywood nemmeno. Che ora finge stupore e grida allo scandalo: scatenando il grande - e insopportabile - festival dell'ipocrisia. Perché di Weinstein quel mondo dorato ne ha conosciuti a centinaia; basterebbe leggere un libro del '91, dove il titolo dice già tutto: «Il sofà del produttore». Su quel divano sono passate in tante, almeno secondo gli autori: Betty Grable, Jean Harlow, Ava Gardner. E un'attrice discretamente nota dirà: «Tutte l'hanno fatto». Si chiamava Marilyn Monroe. La prova che questa non è una brutta storia di sesso: ma un'orribile, infinita, vicenda che molto dice e altrettanto racconta sul potere.
fmolossi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oldsailor

    22 Ottobre @ 17.14

    Onestamente gentilissimo sig. Filiberto la sua sintesi dell'accaduto non mi fa ne caldo ne freddo. Ormai alle soglie dei 70 anni ne ho viste e sentite di tutto e di più, da rendermi cinico nei confronti altrui. Credo che tutte le "signore" che sono passate dal suo letto, sapevano benissimo cosa stava succedendo e hanno messo sulla bilancia pro e c contro; e hanno vinto i pro! Poi come in questo casa e tantissimi altri; basta dare una occhiata alle varie riviste di gossip, quasi tutte queste ormai "stagionate" Star che stanno scivolando nell'oblio ad un certo punto saltano fuori con rivelazioni scabrose sul loro passato da "educande"! Vedi questo attuale di asia, l'anno scorso Nina Moric che affermava di essere stata stuprata dal padre e così tantissime altre! Vede Filiberto, io sono fermamente convinto che se uno una cosa non la vuol fare, non la fa! Non credo che il "panzone2 abbia mai minacciato con una pistola le giovani verginelle; se ci sono andate a letto, era solo per il loro tornaconto! lasciamo quindi stare vittime e "carnefici" per favore. Se uno/una tiene alla propria dignità, lascia perdere qualunque compromesso. Personalmente non sono mai sceso a compromessi con la mia dignità; e ne ho pagato il prezzo in sede lavorativa e in altri luoghi, rinunciando a carriere remunerative! Tanti anni fa avevo una amica bellissima che faceva i turni in una nota fabbrica di Parma; un suo superiore le disse: se vuoi fare carriera e venire in ufficio, vieni a letto con me. Lei per risposta gli tirò un destro che gli frantumò i denti davanti e in più lo denunciò! Quella donna diventò poi mia moglie e all'epoca aveva 16 anni! Pertanto: chi e causa del suo mal, pianga se stesso!

    Rispondi

    • Filippo

      23 Ottobre @ 15.09

      filippo.cabassa.1970@gmail.com

      Che aggiungere di più? Bravo Oldsailor!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bellezze...mondiali (sugli spalti) Gallery

tifo e tifose

Bellezze...mondiali (sugli spalti) Gallery

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

Ballottaggi

Affluenza in calo a Salso: alle 19 ha votato il 37% Video

Anteprima gazzetta

Incidente nel Reggiano, grave un motociclista parmigiano Video

football americano

Panthers battuti dai Giants Bolzano nella semifinale scudetto

La sconfitta arriva al Tardini per 30-25

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

3commenti

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

1commento

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

cus parma

Triathlon Campus e Duathlon Francigeno Guarda chi c'era

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

2commenti

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

7commenti

calcio e tribunale

Caso whatsapp-Parma (e match Frosinone), il Palermo: "Siamo parte lesa"

10commenti

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

12 tg parma

Disabili e lavoro: a Parma numeri in crescita ma liste d'attesa ancora lunghe Video

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

belluno

Turista si lancia dalla cima di un monte con tuta alare e muore

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

SPORT

calcio

Giappone e Senegal, gol e spettacolo: finisce 2-2

RUSSIA 2018

Colombia travolgente: la Polonia è già fuori

SOCIETA'

cani

Sos per Tito, uno splendido esemplare di bracco ungherese

cina

Il bus si ribalta e i passeggeri volano fuori dal finestrino

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse