19°

EDITORIALE

La paura della gente e l'aria da Ku Klux Klan

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
9

Il prefetto di Parma ha chiamato «delinquenti» coloro che nella notte fra giovedì e venerdì hanno distrutto con il fuoco l'ex caseificio che avrebbe presto ospitato otto richiedenti asilo. Che si tratti di «delinquenti» non c'è dubbio. Ma siamo certi che il prefetto, per primo, sa che non siamo di fronte a un attacco della malavita comune. Non ci stupiremmo se scoprissimo che chi ha appiccato il fuoco all'edificio, distruggendo e rendendo inagibili quelle stanze da poco ristrutturate, ha una fedina penale immacolata e magari un lavoro onesto. Non ci stupiremmo se scoprissimo che si tratta di «bravi cittadini» i quali - più per paura che per razzismo - trasformano l'amore per la propria terra in odio per lo straniero. Di sicuro, chi ha dato le fiamme all'ex caseificio non si sente solo, ma protetto da un fetido clima di consenso. Tira una brutta, bruttissima aria in Italia e, spiace dirlo, soprattutto nella nostra provincia. A Calestano un sindaco minaccia le dimissioni perché non vuole l'arrivo di nove donne straniere; a San Michele Tiorre una signora che aveva dato la propria disponibilità ad accogliere alcuni profughi ha denunciato di essere stata accerchiata e minacciata da un folto gruppo di concittadini; altre decise prese di posizione contro gli immigrati ci sono state a Busseto, Fontevivo, Traversetolo, Mulazzano Monte. Mai però si era arrivati a incendiare un centro profughi: né nella nostra provincia né - se la memoria non c'inganna - in tutta Italia. Ecco perché parliamo di escalation dell'odio. Sia chiaro: non mettiamo sullo stesso piano un sindaco che dice «no» agli immigrati con i delinquenti che incendiano un edificio. Ma che tiri una brutta aria lo testimonia il fatto, ad esempio, che ieri tutti i primi messaggi arrivati al nostro sito per commentare l'incendio di Lesignano erano di plauso per i piromani: «Delinquente è il sindaco che ha accettato di ospitarli, non chi ha dato fuoco alla casa», hanno scritto. Tira una brutta aria e il primo errore sarebbe quello di non sentirla, di sottovalutarla, di sminuirla. Il secondo, e forse più grave errore, sarebbe quello di continuare la politica di immigrazione così come si è fatto adesso, senza valutarne la sostenibilità, e senza punire ed espellere quegli immigrati che vengono qui per delinquere. Bisogna capire perché la gente ha paura. Ma poi, comunque, bisogna mettere in galera chi vuol portare da noi il Ku Klux Klan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    06 Novembre @ 09.19

    La gente, di sinistra, centro e destra, laica o religiosa, è stufa di vedersi arrivare gente giovane e robusta, foraggiata dallo Stato, ossia noi tutti. Ospiti di comode strutture, non muovono una paglia tutto il giorno, giocano a pallone, a ping-pong, con i tablets gratuiti, bighellonano per il paese, fanno spesso un baccano infernale.

    Rispondi

  • rradamess

    05 Novembre @ 15.06

    Da mettere in galera sono i grandi della minuscola e miope europa, che hanno decretato nla morte di Gheddafi provocando disordine in Libia e un' ingiustificata invasione in Italia. Quelli sono i grossi delinquenti!

    Rispondi

  • Francesco

    05 Novembre @ 14.30

    brundofrancesco@libero.it

    Il color della pelle non c'entra, che fa la differenza è il comportamento civile e conviviale tra le persone, siamo tutti stanchi di droga violenze e stupri sempre da parte dei soliti, e finchè ci sono i " giustificatori " di professione, sarà sempre più tesa la sitiazione tra le parti, credo che il cambiamento sia necessario, altrimenti la gente comincerà a farsi giustizia da sola, cominciando dai politici che ci hanno messo in questa condizione, dopo l'ennesimo stupro da parte di due giovani di Roma e giustificati dal loro entourage, finirà cosi, che si aspetta, la pensione ?

    Rispondi

  • Bruno

    05 Novembre @ 13.07

    Editoriale ineccepibile purtroppo però credo che ormai si sia superato il punto di non ritorno, politici interessati e media compiacenti hanno soffiato talmente tanto sul fuoco della xenofobia che poi non ci si deve stupire se i "bravi cittadini" reagiscono così. Quello che più mi fa paura è che questi comportamenti da KKK sono ormai giustificati o addirittura approvati da tante persone, così come ormai è considerato normale menare un cameriere cingalese alla fine della sua giornata di lavoro o massacrare di botte un africano che aveva reagito agli insulti e difeso la moglie perché tanto sono solo "negri di merda".

    Rispondi

  • nerosso

    04 Novembre @ 22.00

    Assolutamente d'accordo! Il razzismo non c'entra ... ci si riempie la bocca di questa parola per passare per democratici e umanitari ....e si fa finta di non vedere la realtà....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno