14°

26°

EDITORIALE

L'autonomia regionale e quel ponte chiuso

Domani il ponte di Ragazzola sarà aperto
Ricevi gratis le news
0

Ci sono arrivati per strade diverse, ma alla fine si sono ritrovati seduti allo stesso tavolo. Stefano Bonaccini e Roberto Maroni, il governatore dell’Emilia Romagna e quello della Lombardia, fianco a fianco a trattare con il governo per il riconoscimento di una maggiore autonomia alle loro regioni. Il governatore lombardo, da buon leghista, aveva scelto la strada del referendum consultivo fra i cittadini, che si è svolto il 22 ottobre sia in Lombardia che in Veneto. Poi il suo collega veneto Luca Zaia, anche lui leghista ma un po’ più ortodosso e soprattutto più vicino al leader Salvini, ha scelto una strada diversa. Forte di un migliore risultato referendario, il governatore veneto ha chiesto che alla propria Regione venga riconosciuto lo status di «Regione a statuto speciale», con tanto di modifica della carta costituzionale. Una strada complicata non condivisa dalla Lombardia. E così Maroni si è ritrovato insieme a Bonaccini.Il governatore emiliano aveva deciso di non imbarcarsi in costosi referendum consultivi e la richiesta di maggiore autonomia l’aveva fatta approvare prima dalla propria giunta e poi dall’assemblea regionale.
Da qualunque parte ci si sia arrivati, ora è importante che il negoziato dia i suoi frutti rapidamente. E diventi al più presto realtà la maggiore autonomia chiesta da Lombardia ed Emilia Romagna, che significa soprattutto gestione diretta delle risorse fiscali raccolte sul territorio. Nonostante le Regioni non sempre abbiano dato grandi prove di efficienza nel recente passato, è evidente che serve un nuovo regionalismo. Conviene a tutti non mandare a rotoli questa occasione storica, per far sì che due territori indubbiamente virtuosi possano essere amministrati direttamente con risorse proprie e senza aspettare i trasferimenti da Roma per quanto riguarda una serie di servizi importanti: dalla sanità all’istruzione, dall’ambiente ai rapporti con l’Europa, dal governo del territorio alla protezione civile. Conviene a Maroni, anche in chiave di lotta interna alla Lega: riuscirebbe a incassare un risultato concreto ben prima del suo omologo veneto. Conviene a Bonaccini che dimostrerebbe che la scelta della trattativa senza referendum era quella giusta. E converrebbe anche al governo e allo stato centrale visto che un risultato positivo del negoziato ridimensionerebbe pesantemente le pretese leghiste di Zaia e del Veneto. Dunque tutto fatto? Tutto a posto? Non proprio, visto che il rischio di un cortocircuito della trattativa provocato dalla prossima campagna elettorale è tutt’altro che remoto.
Intanto, però, prima che il confronto con il governo si chiuda, Bonaccini e Maroni hanno un’occasione per dimostrare che le loro Regioni sono all’altezza dei nuovi compiti e poteri che chiedono. Per dimostrare che maggiore autonomia non significa creare nuove rivalità e nuovi confini, di cui nessuno sente il bisogno. Ed è la questione del ponte sul Po, lungo l’Asolana fra Colorno e Casalmaggiore, che collega la Bassa parmense e quella cremonese, l’Emilia e la Lombardia. Il ponte è chiuso da quasi tre mesi. E, se riaprirà a «scartamento ridotto», senza traffico pesante, non succederà prima di un anno, nonostante siano state previste le risorse necessarie nel decreto fiscale. E' vero che il tema dei trasporti non è adesso sul tavolo. Ma, al di là delle competenze spezzettate fra Stato, Regioni e Province, al di là della burocrazia che intasa il settore delle opere pubbliche, insieme, i due governatori possono provare a dare un segnale chiaro e forte perché siano avviate soluzioni rapide ed efficaci. Non si può più aspettare.
spileri@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La Moric torna al Gf ed è una furia: "Bulli da tastiera, marci dentro"

Grande Fratello

La Moric torna al Gf ed è una furia: "Bulli da tastiera, marci dentro"

Luca Carboni

Luca Carboni

MUSICA

Carboni, lo "Sputnik Tour" fa tappa anche a Parma

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

musica

Ricovero urgente per Gallo, il bassista di Vasco

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Oggi nuovo esame di scienze: che voto ti darebbe Piero Angela?

GAZZAFUN

Esame di cultura nerd: scopri se Sheldon ti promuoverebbe!

Lealtrenotizie

Una mamma: «Anche mio figlio maltrattato 4 anni fa»

MAESTRE ARRESTATE

Una mamma: «Anche mio figlio maltrattato 4 anni fa»

COLORNO

Maltrattamenti all'asilo, il sindaco Canova: «Il paese è sotto choc»

BEDONIA

Si perde sul Monte Penna: anziano trovato dopo una notte di ricerche

Sanità

Visite Ausl "bucate", in arrivo sanzioni

Gattatico

L'amicizia era virtuale, l'incubo reale: denunciati in 5

SONDAGGIO

Parma (ritorna) in A, ma qual è la più grande "goduta" della storia? Vota

INSERTO

Parma in A, storie, emozioni, ricordi, sondaggio: oggi uno speciale di 28 pagine

NOCETO

Vecciatica, la casa di tutti i nocetani

La storia

Dalla Borgogna a Parma in bici per abbracciare la sorella

Fidenza

«Via lo striscione su Regeni»: Forza Italia scatena la polemica

2commenti

colorno

Maestre arrestate per maltrattamenti: denuncia partita da una mamma Il video-choc

Le due hanno 47 e 59 anni, e da anni insegnavano nella scuola materna Belloni

11commenti

dolore

Busseto in lacrime per la scomparsa della piccola Carla Video

Giornalismo

Giorgio Torelli, una carriera lunga 70 anni

COLLECCHIO

Conigli morti per avvelenamento? Chiuso l'intero parco Nevicati

Già partita una denuncia contro ignoti

8commenti

calcio

Gilardino insultato (rigore sbagliato) vorrebbe lasciare lo Spezia

2commenti

soldi

A Parma cresce la spesa per luce e gas Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Gli acculturati: i nuovi nemici da combattere

LA BACHECA

Ecco 20 nuove offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

TORINO

Treno contro un tir: due morti e 25 feriti, camionista indagato per disastro Foto

governo

Mattarella dà l'incarico a Conte che accetta con riserva. Arrivato e ripartito dal Quirinale in taxi, con scorta

3commenti

SPORT

Atletica

Tortu a 10.03 sui cento metri: è a due centesimi dal record di Mennea

football americano

Nfl: squadra multata se un giocatore s'inginocchia durante l'inno

SOCIETA'

ARTE

Scoperto un nuovo Mantegna a Bergamo

SCUOLA

Anni di piombo: la lezione all'Astra con il Bertolucci e le ricerche del Toschi su Moro

MOTORI

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv

ANTEPRIMA

Nuova Audi A6, la tradizione continua. E il mild-hybrid è di serie