15°

24°

EDITORIALE

Guerra agli spacciatori. Ma anche al consumo

 Guerra agli spacciatori. Ma anche al consumo
Ricevi gratis le news
2

L'abbiamo detto: non lasciamoli soli. Facciamo fronte comune contro lo spaccio diffuso. Sosteniamo i gruppi di cittadini che organizzano biciclettate contro i pusher, rilanciamo l'appello di coloro che mettono a rischio la propria incolumità per riprendersi le strade e i borghi. Anche la Gazzetta di Parma è scesa in campo con loro per la sicurezza della città. Ma basta? E' sufficiente insistere sui pusher e sullo spaccio? L'azione riesce ad essere efficace? No, non basta. Bisogna fare qualcos'altro. C'è un livello della questione più complesso e forse più difficile da stanare. L'altra faccia della medaglia: il consumo di droga.
Pusher e consumatori. Se ci sono decine e decine di spacciatori, la ragione è semplice: ci sono migliaia e migliaia di consumatori. E' vero, lo spaccio è arrogante e non si nasconde più: anni fa lo scambio di droga avveniva negli angoli bui, oggi i pusher stanno nelle strade illuminate. E questo è intollerabile per la gente normale, che esasperata chiede più controlli e se li fa anche da sola. Perché questa palese provocazione? La domanda di droga è cresciuta a dismisura, il consumo sta assumendo sempre più l'abito della normalità. Ieri sul Corriere della Sera lo psichiatra Fulvio Scaparro ha scritto un editoriale sui recenti casi di bambini intossicati: «Droghe, se il rischio non è light». Per dire che la droga ha fatto ingresso nelle case, nelle famiglie. Abbiamo fatto la battaglia - giustissima - contro le sigarette, contro l'abuso di alcol e di farmaci. Ma non c'è nulla di light, di leggero, nella droga: «La cannabis, che conoscevamo negli anni '70 del secolo scorso, oggi non esiste quasi più. A quel tempo il contenuto dei prodotti psicoattivi della cannabis era del 3-5 %, mentre in alcuni estratti oggi si arriva fino al 30%». «Le droghe mutano velocemente ed è difficile tenerne il passo e comprenderne gli effetti». Allora la battaglia contro il consumo è quella davvero decisiva. Il terzo livello, dopo lo spaccio e la gente in strada. Ma è anche la più difficile.
Che fare? Si è detto: educazione in famiglia, nelle scuole, campagne sui mezzi di comunicazione. Va benissimo. E' indispensabile creare un clima culturale che stigmatizza il consumo di droga. Chi va a comprarsi la dose, deve sapere che compie un atto che la comunità non vede di buon occhio. Va sì cancellata con un colpo di spugna la sfacciataggine del pusher, ma anche quella del consumatore, entrambi complici nell'atto di scambio. Allora viene da azzardare una provocazione: perché non trovare una forma di sanzione anche per il consumatore? Alcuni Comuni l'hanno fatto con la prostituzione: a Firenze, ad esempio, i clienti delle prostitute rischiano procedimenti penali e multe. Una soluzione radicale, certo: ma anche lo spaccio che invade le nostre strade richiede un'azione forte. Sulla sicurezza urbana esiste il decreto del ministro Minniti che attribuisce più poteri a sindaci e questori. Parla di decoro, di vivibilità delle città, di riqualificazione delle aree degradate. Il nostro sindaco ha più volte dichiarato che il consumo è l'altra faccia dello spaccio. Ha ragione. Non lasciamo soli i cittadini che pedalano in strada. Troviamo il modo di sanzionare anche chi compra droga e foraggia i pusher. E' una provocazione, ripetiamo. Ma che almeno si faccia una campagna come quella che si è fatta per le sigarette.
amferrari@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oskar Wine

    08 Dicembre @ 13.51

    Il consumo c'è sempre stato e ci sarà sempre l'unica azione che si può fare è ridurne il danno con una politica di informazione e non di demonizzazione e attraverso la legalizzazione, permettendo così il pieno controllo sulla qualità della droga ( il vero problema oggi) e la sua diffusione con la seguente tutela della salute e della sicurezza di chi usa, abusa e di tutta la comunità circostante.

    Rispondi

  • Gianluca

    08 Dicembre @ 08.21

    Il consumo giornaliero di cocaina è la rovina di migliaia di parmigiani e dei loro famigliari. E' qualcosa di ributtante. Persone che non si direbbe mai, trasformate in zombie senza alcun altro scopo nella vita se non procurarsi la dose della felicità. Inseguono il paradiso e vivono l'inferno, dei coglioni.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

 Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

2commenti

Schianto in Ferrari da 500mila euro appena uscita dalla concessionaria

Cina

Distrugge Ferrari appena uscita dalla concessionaria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Salsomaggiore: Fritelli vince per 100 voti

Fritelli esulta alla notizia della vittoria

Salsomaggiore

Fritelli rieletto sindaco dopo un lungo testa a testa: "Ora parliamo insieme della città" Video

Affluenza in calo: ha votato il 49,6% dei salsesi

2commenti

CARABINIERI

Furti nelle case e sulle auto in tutto il Parmense e a Piacenza: 4 in manette

Uno dei furti aveva fruttato un bottino di 20mila euro

LUTTO

Busseto e Polesine piangono Elisabetta Ferrari: aveva 51 anni

INCIDENTE

Si schianta contro un suv: motociclista in Rianimazione

Carabinieri

In manette il «ras» dei pusher nordafricani

3commenti

Lavoro

Donne in divisa, quattro storie di coraggio

CALCIO

Parma: attesa per domani la firma del primo acquisto Stulac Video

PARMA

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

GAZZAREPORTER

Rifiuti vicino alla chiesa di San Quintino

CAVRIAGO

Bloccano il bonifico per non pagare il Parmigiano: 3 denunciati. Hanno colpito anche a Parma?

I carabinieri indagano per capire se vi siano stati altri raggiri fra Parma, Reggio e Modena

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

2commenti

Strumento

Da Parma un «naso elettronico» per scovare le bombe

1commento

PARMA

Concerto gratuito di Annalisa all'Euro Torri

POLITICA

Selfie con Fritelli per il sindaco di Sorbolo: "Si riparte dai giovani e bravi amministratori"

Post su Facebook di Nicola Cesari

2commenti

Nuoto

Ghiretti, pioggia di medaglie a Palermo

STORIE DI EX

Veron: «Il Parma merita la A»

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

ECONOMIA

L'inserto del lunedì: il turismo vale il 12% del Pil italiano

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Tromba d'aria a Rimini: impressionante video

politica

Ballottaggi: crollo del Pd, trionfo del centrodestra. Avellino e Imola ai 5 Stelle, Di Maio: "Straordinario"

SPORT

CALCIO

Alicia Piazza gela i tifosi: "Non iscriviamo la Reggiana al campionato"

football americano

Panthers battuti dai Giants Bolzano nella semifinale scudetto

SOCIETA'

Economia

Stipendi: appena il 5% delle donne al top

cani

Sos per Tito, uno splendido esemplare di bracco ungherese

MOTORI

MOTORI

Il bolide elettrico ID R di Volkswagen batte il record al Pikes Peak

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza