17°

27°

EDITORIALE

Guerra agli spacciatori. Ma anche al consumo

 Guerra agli spacciatori. Ma anche al consumo
Ricevi gratis le news
2

L'abbiamo detto: non lasciamoli soli. Facciamo fronte comune contro lo spaccio diffuso. Sosteniamo i gruppi di cittadini che organizzano biciclettate contro i pusher, rilanciamo l'appello di coloro che mettono a rischio la propria incolumità per riprendersi le strade e i borghi. Anche la Gazzetta di Parma è scesa in campo con loro per la sicurezza della città. Ma basta? E' sufficiente insistere sui pusher e sullo spaccio? L'azione riesce ad essere efficace? No, non basta. Bisogna fare qualcos'altro. C'è un livello della questione più complesso e forse più difficile da stanare. L'altra faccia della medaglia: il consumo di droga.
Pusher e consumatori. Se ci sono decine e decine di spacciatori, la ragione è semplice: ci sono migliaia e migliaia di consumatori. E' vero, lo spaccio è arrogante e non si nasconde più: anni fa lo scambio di droga avveniva negli angoli bui, oggi i pusher stanno nelle strade illuminate. E questo è intollerabile per la gente normale, che esasperata chiede più controlli e se li fa anche da sola. Perché questa palese provocazione? La domanda di droga è cresciuta a dismisura, il consumo sta assumendo sempre più l'abito della normalità. Ieri sul Corriere della Sera lo psichiatra Fulvio Scaparro ha scritto un editoriale sui recenti casi di bambini intossicati: «Droghe, se il rischio non è light». Per dire che la droga ha fatto ingresso nelle case, nelle famiglie. Abbiamo fatto la battaglia - giustissima - contro le sigarette, contro l'abuso di alcol e di farmaci. Ma non c'è nulla di light, di leggero, nella droga: «La cannabis, che conoscevamo negli anni '70 del secolo scorso, oggi non esiste quasi più. A quel tempo il contenuto dei prodotti psicoattivi della cannabis era del 3-5 %, mentre in alcuni estratti oggi si arriva fino al 30%». «Le droghe mutano velocemente ed è difficile tenerne il passo e comprenderne gli effetti». Allora la battaglia contro il consumo è quella davvero decisiva. Il terzo livello, dopo lo spaccio e la gente in strada. Ma è anche la più difficile.
Che fare? Si è detto: educazione in famiglia, nelle scuole, campagne sui mezzi di comunicazione. Va benissimo. E' indispensabile creare un clima culturale che stigmatizza il consumo di droga. Chi va a comprarsi la dose, deve sapere che compie un atto che la comunità non vede di buon occhio. Va sì cancellata con un colpo di spugna la sfacciataggine del pusher, ma anche quella del consumatore, entrambi complici nell'atto di scambio. Allora viene da azzardare una provocazione: perché non trovare una forma di sanzione anche per il consumatore? Alcuni Comuni l'hanno fatto con la prostituzione: a Firenze, ad esempio, i clienti delle prostitute rischiano procedimenti penali e multe. Una soluzione radicale, certo: ma anche lo spaccio che invade le nostre strade richiede un'azione forte. Sulla sicurezza urbana esiste il decreto del ministro Minniti che attribuisce più poteri a sindaci e questori. Parla di decoro, di vivibilità delle città, di riqualificazione delle aree degradate. Il nostro sindaco ha più volte dichiarato che il consumo è l'altra faccia dello spaccio. Ha ragione. Non lasciamo soli i cittadini che pedalano in strada. Troviamo il modo di sanzionare anche chi compra droga e foraggia i pusher. E' una provocazione, ripetiamo. Ma che almeno si faccia una campagna come quella che si è fatta per le sigarette.
amferrari@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oskar Wine

    08 Dicembre @ 13.51

    Il consumo c'è sempre stato e ci sarà sempre l'unica azione che si può fare è ridurne il danno con una politica di informazione e non di demonizzazione e attraverso la legalizzazione, permettendo così il pieno controllo sulla qualità della droga ( il vero problema oggi) e la sua diffusione con la seguente tutela della salute e della sicurezza di chi usa, abusa e di tutta la comunità circostante.

    Rispondi

  • Gianluca

    08 Dicembre @ 08.21

    Il consumo giornaliero di cocaina è la rovina di migliaia di parmigiani e dei loro famigliari. E' qualcosa di ributtante. Persone che non si direbbe mai, trasformate in zombie senza alcun altro scopo nella vita se non procurarsi la dose della felicità. Inseguono il paradiso e vivono l'inferno, dei coglioni.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali

HI-TECH

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali Video

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

Lealtrenotizie

Un disperso nella zona di Albareto: soccorritori al lavoro

Il Soccorso alpino: foto d'archivio

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

2commenti

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

2commenti

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

PARMA-CAGLIARI

Oggi ci vorrà un Parma da battaglia

Segui gli aggiornamenti in tempo reale dalle 15

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

8commenti

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

cosenza

Parroco vende oro della Madonna delle Grazie "per sanare i debiti della parrocchia"

SPORT

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"