16°

27°

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
1

Nel febbraio del 1992, e poi a cascata nei mesi e negli anni seguenti, le indagini della magistratura alzarono il velo sul sistema di finanziamento illegale che aveva contagiato praticamente tutti i partiti della Prima Repubblica. Quando videro scattare le manette, gli italiani non si stupirono. Che gran parte dei politici fossero corrotti, lo sapevano da un pezzo; e i politici stessi non facevano un granché per nasconderlo. Le tangenti per le casse dei partiti erano giustificate come una necessità; e perfino certi arricchimenti personali erano esibiti, ostentati con birbante spavalderia.
Quelle inchieste delle varie Procure italiane furono quindi benedette. La convinzione di essere impuniti e impunibili aveva tolto ogni remora ai protagonisti di un sistema che era giunto al capolinea. I magistrati diedero dunque il la; poi, furono gli elettori a incaricarsi di sbriciolare i vecchi partiti. Fu dunque, quella stagione detta all'inizio di "Mani Pulite", un momento positivo e probabilmente provvidenziale.
Quello che però sfuggì allora ai più (solo poche voci critiche si alzarono, e furono silenziate come collaborazioniste) fu l'effetto negativo che avrebbe prodotto negli anni la furia iconoclasta che si impadronì di gran parte del popolo italiano. Ci si convinse - anche perché faceva comodo convincersene - che "tutti" i politici sono corrotti; che "tutti" i poteri sono marci; che "tutte" le colpe di quel che va male in Italia è da attribuire alla classe dirigente, e solo a quella. Nelle fiaccolate pro-giudici, nei gruppi di lanciatori di monetine, in tanti articoli di giornali e ultimamente nella coscienza di un popolo scattò purtroppo un meccanismo di auto-assoluzione che impedì di cogliere la sostanza della questione: e cioè che se è vero che la classe dirigente ha le responsabilità maggiori, è anche vero che la situazione di un Paese non dipende solo da chi governa, ma anche dallo spirito di appartenenza, dal senso civico e perfino dall'onestà nelle piccole cose di ciascun governato.
È in quei giorni, in quel tempo in cui la morale si confuse con il moralismo, l'origine della grande, collettiva sfiducia degli italiani nei confronti della classe politica. La quale classe politica di colpe non solo ne aveva allora, ma ha continuato e continua ad averne anche ai giorni nostri. Però non è composta tutta da mascalzoni come una cupa propaganda vorrebbe far credere.
Ma purtroppo i contenuti di questa cupa propaganda sono diventati, se non l'opinione comune, l'opinione più comune. Si è creato un clima di sfiducia, peggio ancora di disfattismo, che vorrebbe indurci a credere che questo è un Paese finito. Ecco perché per ben due volte nell'arco di due settimane il Presidente della Repubblica ha rivolto un appello agli italiani affinché vadano alle urne il prossimo 4 marzo. Quello degli astensionisti è, ormai da tempo, il partito di maggioranza relativa: ora rischia di diventare quello di maggioranza assoluta. Sommato, magari, ai voti raccolti da chi si candida a guidare il Paese con un solo programma, quello di urlare che "gli altri" fanno schifo.
La sfiducia incondizionata e indistinta è una reazione di pancia che non permette di cogliere la realtà. Andare a votare, fosse pure per il meno peggio, è invece necessario per evitare non solo un errore, ma un suicidio.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • federicot

    21 Gennaio @ 17.17

    federicot

    Ecco bravo e in questo bel quadro , il 4 marzo mi sa indicare chi votare? Io non ne trovo manco uno degno e purtroppo questo è il meglio che sanno esprimere gli italiani. E' quello che ci meritiamo , TUTTI. Io a sto giro penso proprio che non ce la farò a votare, sono quasi 30 anni che voto e ho tutti i timbri sulla scheda ( una già fatta fuori) , ma stavolta proprio non si può fare. L'unica speranza è che, altri italiani si astengano, in massa per farmi sentire meno solo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Doppietta Ronaldinho, sposa entrambe le fidanzate

nozze

Ronaldinho, che doppietta: sposa entrambe le fidanzate Video

Il New York Times: "Weinstein sarà arrestato domani "

Harvey Weinstein in una foto d'archivio

Molestie

Il New York Times: "Weinstein sarà arrestato domani"

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco

PGN

Parma tattoo rock fest: ecco chi c'era all'Hotel San Marco Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Oggi nuovo esame di scienze: che voto ti darebbe Piero Angela?

GAZZAFUN

Esame di cultura nerd: scopri se Sheldon ti promuoverebbe!

Lealtrenotizie

Violenze alla materna, il giudice: «In classe un clima di terrore»

COLORNO

Violenze alla materna, il giudice: «In classe un clima di terrore»

COLORNO

Quel bimbo imboccato a forza fino a fargli rigurgitare tutto

parma

Presa la "banda del caveau": tradita (anche) dal tunnel scavato in via Cavour

Busseto

Straziante addio alla piccola Carla

SERIE A

Parma: il futuro in tre mosse

La storia

I coniugi Mussolini chiamano il figlio Benito, ma il tribunale dice no

Pronto soccorso

La vita in «trincea» di medici e infermieri

Ex Eridania

Allarme: tartarughe in agonia nelle vasche del parco

1commento

Fidenza

Senza tesserino niente acqua gratis

triplice "salto"

Domenica festA al Tardini per la promozione del Parma: il programma

BASSA

Bimbi maltrattati a Colorno, le indagini continuano: genitori dai carabinieri Video

2commenti

MAESTRE ARRESTATE

Una mamma: «Anche mio figlio maltrattato 4 anni fa» Video-choc

9commenti

meteo

Le piogge si fermano: arrivano l'anticiclone e il grande caldo

Tra domenica e lunedì aumenta instabilità, a partire dal Nord

Sviluppo sostenibile

Sabato, prove di isola pedonale tra via Garibaldi e strada Repubblica Video

1commento

ufficiale

Insulti per il rigore sbagliato contro il Parma: Gilardino lascia lo Spezia

1commento

Calcio e sorrisi

Parma in A: la colonna sonora della cavalcata cantata da giocatori e... Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un nuovo premier e tante incognite

di Domenico Cacopardo

EDITORIALE

Le gesta del trio Salvini, Di Maio, Berlusconi

di Vittorio Testa

4commenti

ITALIA/MONDO

carabinieri di cavriago

Auto di lusso a prezzi bassissimi: ma è una truffa. 5 arresti

il caso

Femminicidio, il paese di Tenno non è unito: il sindaco si dimette

SPORT

Foruma Uno

"Libere" a Montecarlo, attacco tedesco: "Ferrari irregolare"

Bufera

In ginocchio durante l'inno per protesta. Bufera Nfl

SOCIETA'

cultura

Il documentario sulle pastore alla volata finale del crowdfunding

Stati Uniti

Trump concede la grazia postuma al grande Jack Johnson

MOTORI

il test

Skoda Superb, la sicurezza non è più un optional

MOTORI

Ford Fiesta Active, 2 centimetri in più per sentirsi Suv