18°

28°

EDITORIALE

Le promesse elettorali e il debito pubblico

Le promesse elettorali e il debito pubblico
Ricevi gratis le news
0

A meno di un mese dal voto le promesse elettorali abbondano. Meno imposte sul reddito, aumento delle pensioni, abolizione di canone Rai, bollo auto e tasse universitarie, istituzione del salario minimo orario, introduzione di bonus e incentivi vari. E poi il reddito minimo garantito, chiamato universale, di cittadinanza o di dignità, in base a chi lo propone.

Promesse con nomi diversi che tuttavia - se fossero mantenute (e si tratta di un grosso se) - avrebbero la medesima conseguenza: un impatto negativo sul debito pubblico.

Ma nessuno sembra curarsi del debito. Nonostante abbia raggiunto - anche senza promesse elettorali - quasi duemila e trecento miliardi di euro, l’equivalente di circa 40 mila euro a testa compresi neonati e centenari. Numeri che dovrebbero suscitare qualche preoccupazione. Per diverse ragioni.

La prima è che il pagamento degli interessi sottrae preziose risorse alla crescita. Nel 2016 la spesa per interessi è stata di oltre 66 miliardi, nel periodo 2007-2016 di 760 (in media quasi il 5% di pil all’anno), negli ultimi 20 anni di 1.700. E’ un flusso enorme. Destinarne anche una frazione a investimenti pubblici darebbe ossigeno all’economia.

Vi è poi un effetto “spiazzamento” sugli investimenti del settore privato, che si trova a competere con quello pubblico per attrarre il risparmio.

Tra gennaio 2018 e dicembre 2022 - sostanzialmente la prossima legislatura - scadranno 47 miliardi di euro di bot, 734 di btp, 85 di cct e 32 di ctz, per un totale di circa 900 miliardi. Rifinanziarli sottrarrà risorse agli investimenti privati.
Molto importante è poi il rapporto tra debito pubblico e prodotto interno lordo: un indicatore che misura lo stato di salute di un paese. Un termometro che in Italia mostra una temperatura piuttosto alta, attorno al 132%. A questi livelli, nel caso di shock economici sfavorevoli la gestione del debito potrebbe divenire insostenibile. Sia per la difficoltà di rifinanziamento che per l’esplosione della spesa per interessi.
In questi anni la politica monetaria della Banca Centrale Europea è stata per l’Italia una medicina provvidenziale. Il Quantitave Easing ha diminuito il rischio di crisi di fiducia nel debito sovrano, tenuti bassi i tassi d’interesse e favorito il ritorno alla crescita. Creando l’illusione che il debito non fosse un problema. Ma da gennaio 2018 il QE è stato dimezzato (da 60 a 30 miliardi al mese) e il programma potrebbe terminare entro fine anno. Nel 2018 la quota di liquidità che la BCE indirizzerà ai titoli del debito italiano dovrebbe essere di solo 60 miliardi, contro i 117 del 2017.
La cura Draghi volge al termine. Purtroppo l’Italia non ne ha approfittato e il termometro del debito mostra ancora temperature elevate. Che sono ignorate in campagna elettorale. L’economia italiana è abituata alla febbre alta. Ma se dovesse tornare a serpeggiare il rischio di polmonite, potremmo essere i primi a prenderla.
www.magnanimarco.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

57 annunci di lavoro

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Dopo il borseggio sul bus

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat

lutto

Scomparso Mino Bruschi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

calcio

Riecco Ciciretti

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

MOBILITA'

Pista ciclabile pericolosa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

5commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

2commenti

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

ITALIA/MONDO

A21

Incidente a Piacenza: un morto e tre feriti gravissimi. Due bimbi portati al Maggiore

ROMA

Auto investe pedoni vicino a San Pietro: 4 polacchi feriti

SPORT

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

SOCIETA'

nuoto

Federica Pellegrini: "Credo ancora all'amore ma con meno paranoie"

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design