19°

29°

COMMENTO

Sicurezza: la partita che il Pd (anche a Parma) non ha giocato

Sicurezza: la partita che il Pd non ha giocato
Ricevi gratis le news
12

Ad ogni furto in casa, ad ogni rapina in un negozio o in una farmacia, ma anche tra i pusher di via San Leonardo e quelli, ciclo muniti, di viale dei Mille: è lì che il Pd ha smarrito e disperso molti dei suoi voti. In quell'incapacità di affrontare un'emergenza che per troppo tempo non ha voluto nemmeno definire tale.

A Parma - ma non solo qui - la partita della sicurezza si è rivelata, come prevedibile, decisiva: boom della Lega, che della lotta alla (micro)criminalità e a un'immigrazione non controllata ha fatto i suoi cavalli di battaglia; crollo, forse atteso ma non certo in queste dimensioni, del Pd che invece ha minimizzato, specie a livello nazionale, il problema, fingendo a volte addirittura che non esistesse. Lasciando crescere a dismisura la percezione d'insicurezza - basata su fatti, su esperienze personali e negative e non su fantasie o su sentito dire - della gente comune. Che poi è quella che domenica ha fatto, pazientemente, la coda fuori dal seggio. Servivano proposte concrete, coraggiose, riforme legislative a volte forse anche lontane dai principi della base: non sono arrivate. Nell'Emilia non più rossa, dove il Pd non riesce a conquistare neppure Cavriago, il paese reggiano dove fa bella mostra di sè il busto di Lenin, Renzi e C hanno perso rispetto alle politiche di 5 (e non 50) anni fa l'11%. Una batosta clamorosa che dimostra lo scollamento del partito col Paese che vorrebbe rappresentare, la scarsa capacità dei dem di fare proprie le richieste e i bisogni degli elettori. Non si risponde infatti con la matematica e con la fredda logica dei numeri alla pancia della gente: inutile affermare, forti dei dati del Viminale, che calano i reati (omicidi e rapine su tutti) e gli sbarchi degli immigrati quando invece, a crescere a dismisura è l'insofferenza e la paura. Lega o Cinque Stelle (il governo prossimo e venturo è ancora un rebus) faranno meglio in questo senso di chi li ha preceduti? Vedremo. Questa, di certo, è ancora la fase dei dubbi. Ma una cosa è evidente: che il Pd è da anni che non entra in un bar, che non gira per un mercato, che non si ferma a fare due chiacchiere con un vicino di casa. L'avesse fatto, si fosse girato quando, invano, veniva chiamato, il conto da pagare oggi non sarebbe così salato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • matgabil

    08 Marzo @ 00.18

    Un leader come Renzi già segnato in partenza dai precedenti insuccessi e la riesumazione di vecchie cariatidi come D'Alema, Prodi, Fassino, Veltroni che effetto poteva avere se non quello di dare continuità al declino di una sinistra sempre meno adeguata ai tempi nostri. Rendiamoci conto che a Bologna si sono persino messi con Casini. ...incredibile.

    Rispondi

  • federicot

    07 Marzo @ 23.33

    federicot

    Pensavamo di avere toccato il fondo ... Adesso scaviamo. Voglio vedere Salvini affrontare il problema della sicurezza e dell' immigrazione. Avanti! Ricordo a tutti che una delle più nefaste leggi sull' immigrazione fu la Bossi fini....due dei centri sociali.

    Rispondi

    • filippo

      08 Marzo @ 23.24

      La legge Bossi fini regola la permanenza in Italia non la giustizia ....se non funziona la giustizia che c'entra?

      Rispondi

    • Roberto

      08 Marzo @ 10.47

      Sarebbe interessante, visto che si tira sempre in ballo, sapere cosa abbia di nefasto la legge bossi fini, il cui unico difetto secondo qualcuno, e' quello di avere regolamentato l'ingresso/soggiorno degli stranieri, forse e' meglio fare entrare tutti indiscriminatamente. Visto che poi la legge in questione e' stata promulgata nel 2002 quindi 16 anni fa', se e' cosi' sbagliata (dove??) non e' mai stata modificata ?? e' inutile tirare sempre in ballo questa storiella senza poi motivare il perche' non vada bene e non sia stata modificata. Ho esempio di un amico, italiano, che e' andato in Australia, dopo ottenimento visti etc. etc. e che visto che dopo sei mesi non aveva ancora trovato lavoro stabile, e' stato tranquillamente rispedito in Italia

      Rispondi

      • salamandra

        08 Marzo @ 13.35

        Io l'ho capita cosi ma spero qualcuno mi corregga. In presenza di un reato ci vuole un processo. Naturalmente fino alla fine del processo tutti i relativi gradi di giudizio) l'imputato ha diritto di rimanere in Italia. Quindi il reato di immigrazione illegale e' un bel autogol.

        Rispondi

        • Roberto

          08 Marzo @ 14.54

          Grazie, purtroppo non sono un avvocato ed il decreto Bossi Fini ha ripreso decretio precedenti, Turco/Napolitano, Martelli, e sono talmente tanti gli articoli e le modifiche che solo un esperto nel campo potrebbe avere le idee abbastanza chiare. Anche se ho visto che si puo' espellere per via amministrativa e senza processo con custodia presso i centri di espulsione. Ma se il problema e' quello ''dell'autogol'' , come tutte le leggi anche questa e' perfettibile per cui se c'e' la volonta si potrebbe anche fare una variazione nel senso di procedere senza le lungaggini di un processo,con consegeuenti costi (oltretutto) a carico dello stato Italiano.

          Rispondi

        • salamandra

          08 Marzo @ 20.13

          Il diritto ad un processo però non lo toccherei...

          Rispondi

  • rradamess

    07 Marzo @ 20.02

    Andare al bar, andare al mercato, due balle col primo che passa: tutta roba da beceri populisti. Non da acculturati piddini radical chic.

    Rispondi

  • Filippo

    07 Marzo @ 14.35

    Tutto vero. Però in pochissimi capiscono che: 1) coi numeri attuali, non è l'immigrazione in se' ad essere un problema, ma l'assoluta mancanza di vera organizzazione nella sua gestione (è dai tempi dell'operazione arcobaleno, quasi 30 anni fa, che si parla di emergenza: la Germania accoglie ogni anno 3 volte gli immigrati che accogliamo noi, senza particolari problemi; da noi ci sono città che fanno le barricate per non averli ed altre che ne accolgono oltre il ragionevole, a seconda dell'ideologia di chi le governa); 2) il vero problema è riuscire a cambiare le attuali leggi (e spesso le interpretazioni dei magistrati...) che non garantiscono alcuna certezza della pena per tutti quelli che commettono reati: bianchi, neri, rossi o gialli che siano. Vedremo se ne saranno capaci quelli che hanno vinto le elezioni sull'onda delle paure, anche legittime e giustificabili, della gente.

    Rispondi

  • filippo

    07 Marzo @ 11.22

    Quando si vsnno a prendere gli immigrati con le navi dove finiscono??? Senza lavoro di cosa campano?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Prosciugano il conto corrente di un pensionato di Zibello: cinque denunciati

truffa online

Prosciugano il conto corrente di un pensionato di Zibello: cinque denunciati

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

3commenti

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

1commento

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

1commento

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

2commenti

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

cagliari

In attesa del medico impegnato in una consulenza: "Tutta colpa di un negro"

INDIA

Panico in volo: passeggeri, sangue da naso e orecchie

SPORT

Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Video

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

SOCIETA'

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

sospetto

Test di medicina, picco su Google: "Qualcuno ha barato"

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse