17°

31°

EDITORIALE

La crisi e l'alibi del voto regionale

Sergio Mattarella

Sergio Mattarella

Ricevi gratis le news
0

Nella lunga crisi di governo che stiamo attraversando, tutti i partiti cercano di guadagnare tempo. Il Capo dello Stato, invece, guardando all'interesse generale del Paese e alla necessità di avere presto un nuovo esecutivo, ha premura, come testimonia il mandato esplorativo di appena due giorni concesso alla Casellati.
A Mattarella molte delegazioni hanno spiegato che c'è bisogno di riflettere, di creare le condizioni per tessere una tela robusta e duratura. C'è del vero, in queste preoccupazioni. Tuttavia, oltre alle condivisibili cause che giustificano un prolungamento di consultazioni e riflessioni ce n'è una che non ha alcuna consistenza: l'approssimarsi delle elezioni regionali in Molise (domani) e Friuli-Venezia Giulia (il 29 aprile).
In occasioni come queste si possono sospendere le consultazioni per i due giorni (sabato e domenica) del silenzio elettorale, ma non di più. Invece, si vorrebbe attendere fino all'arrivo dei risultati friulani, come se qualche voto in più ad un partito potesse cambiare il destino del Paese. Non è una questione di numerosità dell'elettorato chiamato alle urne (in tutto 1,2 milioni di italiani).
Il problema è che il voto amministrativo e quello per il Parlamento nazionale sono cose molto diverse. Per dimostrare che l'attesa è solo strumentale (serve, cioè, a prendere tempo perché non si rimuovono veti e controveti quindi si prova a sbloccare la situazione con la forza dei numeri delle regionali) facciamo un raffronto fra le elezioni regionali di Lombardia e Lazio (2013 e 2018) e le politiche, svolte lo stesso giorno (24-25 febbraio '13, 4 marzo '18), così come fra politiche e regionali in Molise (anch'esse insieme alle politiche ‘13) e quelle in Friuli-Venezia Giulia (politiche: febbraio '13; regionali: aprile '13). I risultati sono impressionanti. In Lombardia, nel ‘13, Maroni e la sua coalizione hanno avuto alle regionali il 7% dei voti in più rispetto alle politiche (Ambrosoli – Pd - circa l'8% in meno, la candidata del M5s fra il 5 e il 6% in meno). Così nel ‘18: Fontana (Lega) +2,8% rispetto al centrodestra delle politiche, Gori (Pd) +3,8%, Violi (M5S) -4%. Nel Lazio (sempre in contemporanea politiche-regionali): ‘13 Zingaretti (Pd) +7,6% sulle politiche, Storace (CD) -1,4%, Barillari (M5s) -8%; ‘18: Zingaretti +4,1%, Parisi (CD) -4,2%, Lombardi (M5s) -6,2%. Molise ‘13: Di Laura Frattura (CS) +12,5% sulle politiche, Iorio (CD) -2,6%, Federico (M5s) -10,9%. Friuli ‘13: Serracchiani (Pd) +9,8%, Tondo (CD) -11%, Galluccio (M5s) -8%. Tutto ciò dimostra che - pur andando alle urne lo stesso giorno - il voto politico e quello amministrativo sono cose ben diverse, da valutare per il loro vero significato, non per quello che gli si vorrebbe attribuire. Sarebbe bene, dunque, lasciare in pace molisani e friulani e continuare a lavorare senza sosta, a Roma, per dar vita, senza scuse, ad un nuovo governo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I commercianti: «Miren venga incontro alla città»

CONCORSO

Accordo su Miss Italia: finale a Milano in diretta su La7

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia

PGN

Festa a Pontetaro: tutti sulla via Emilia Foto

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

LONDRA

Il battesimo reale del principe Louis: le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Vita "green": domani con la Gazzetta lo speciale "Ambiente"

INSERTO

Vita "green": domani con la Gazzetta lo speciale "Ambiente"

Lealtrenotizie

Chiuso il processo per il caso sms: le maxi-richieste della Procura, l'"estate di lacrime" di Calaiò

parma calcio

Chiuso il processo per il caso sms: le maxi-richieste della Procura, l'"estate di lacrime" di Calaiò Foto

16commenti

il caso

E' morto il 66enne che ha tentato di uccidere la moglie a Martorano

PARMA

Scontro auto-scooter a Fontanini: un ferito grave

VIOLENZA

Chiusa in casa per anni, picchiata e allontanata dai figli: fugge e fa bloccare il compagno

1commento

12 tg parma

Pusher arrestato in viale Vittoria: i residenti applaudono i carabinieri Video

3commenti

12 tg parma

Lunedì prossimo tavolo istituzionale in Comune sull'inceneritore Video

Paura

Adolescente scompare nel nulla. Ore di angoscia per i genitori

politica

Pd, Bonaccini alla segreteria nazionale e Pizzarotti candidato alla Regione? Video

6commenti

Salsomaggiore

In vacanza a Peschici, salva un anziano in mare

lavori

Nuovo ponte della Navetta: venerdì la posa della prima pietra

2commenti

PARMA

L'Università: "Ottimo avvio per le immatricolazioni"

La procedura di iscrizione on line resta aperta

PARMA

Quella 600 d'epoca che colleziona multe davanti al ristorante Foto

Parla il proprietario Andrea Bindani, appassionato di oggetti del passato

Sorbolo  

Suonano i campanelli di notte e scappano, minorenni "pizzicati" dalle telecamere Video

3commenti

turismo

Torrechiara, "Castello aperto "part-time" in piena stagione turistica"

agricoltura

Il pozzetto recuperato che aiuterà ad evitare la crisi idrica da Beneceto a Sorbolo Foto

1commento

Santa Maria del Taro

Addio a Elisa Bottini, scomparsa a soli 37 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le donne e quei maschi da educare

di Georgia Azzali

LA BACHECA

Ecco 20 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Concussione, peculato e mobbing: arrestato il vicecomandante dei vigili dell'Unione Val d'Enza

IMMIGRAZIONE

Open Arms accusa Italia e Libia: "Migranti lasciati morire"

SPORT

ritiro

Parma, calcio giocato per scacciare l'incubo della sentenza Il commento di Piovani

2commenti

CALCIO

Reggiana verso il fallimento: il titolo sportivo è nelle mani del sindaco

SOCIETA'

VINO

Alessandro Borghese condurrà i Lambrusco Awards 2018: gara fra 248 vini "pop"

IL DISCO

La favola di Natale dei Pogues

MOTORI

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita

Motori

Allarme Assogomma: sempre più lisci gli pneumatici degli italiani