14°

26°

EDITORIALE

Ma chi si credono (e ci crediamo) di essere?

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
10

Due mesi fa, all'indomani delle elezioni, avevamo scritto che – in mancanza di vincitori chiari – i leader dei partiti avrebbero dovuto rinunciare ciascuno a qualcosa di sé in favore del bene comune, cioè di un governo che affrontasse i (non pochi) problemi dell'Italia. Non avevamo fatto i conti con quel vocabolo attorno al quale ruota tutto: sé.
Il vero ostacolo insormontabile si è rivelato proprio quello: nessuno rinuncia a qualcosa di sé. L'io, anzi l'Io, è il totem sacro che impedisce qualsiasi forma di collaborazione, di accordo, addirittura di relazione con l'altro. Troppi protagonisti di questo squallido stallo politico hanno dimostrato di avere una formidabile concezione di sé. «Renzi ha un ego smisurato», ha detto il trentunenne Di Maio; il quale, a sua volta, ha posto come condizione irrinunciabile il fatto che «il premier devo essere io». E lo stesso si potrebbe dire per tanti altri leader di partito. Io, io, io.
Ma lungi da noi accodarci alla retorica del «colpa dei politici». La verità purtroppo è che la sovrastima del proprio Io è una condizione molto diffusa, che ci colpisce tutti. Ciascuno di noi pensa, ritiene, pretende di avere sempre ragione e mai torto, tanti diritti e nessun dovere. Si vive di disaccordi non solo a Roma, ma nella vita di ogni giorno di ciascuno di noi: noi che abbiamo dimenticato, da un pezzo, il fatto che non ci siamo neppure fatti da soli.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianluca

    09 Maggio @ 12.41

    Caro Direttore, non esiste un io più grande di quello di Berlusconi. E del suo amichetto del Nazareno. Il grande problema del nostro paese è la corruzione, che umilia il merito. Poi i giovani se ne vanno e non tornano più. Sarebbe meglio se il mondo cambiasse verso una direzione più pulita.

    Rispondi

  • Ivo

    07 Maggio @ 11.37

    Mi dispiace per Lei direttore , ma non ha capito niente dei 5 stelle , e della correttezza di un certo Di Maio , spesso da lei confuso , con il suo amato Renzie ! Ieri la prova . Ai 5 stelle non interessa la POLTRONA , ma il bene dell italia , programma , leggi serie ( conflitto d interessi mai discusso dal suo partito ?) . So già che non verrà pubblicata questa mia chiarezza , ma tengo a farlo sapere

    Rispondi

    • 07 Maggio @ 15.25

      (dalla redazione) Per "chiarezza". Il direttore non è mai stato iscritto al Pd e non è neppure un sostenitore di Renzi. Si sforza, come sempre, di fare analisi politiche che possono essere condivise o meno. Quello che non può essere tollerato, invece, è l'insulto gratuito. Provi ad argomentare meglio quello che non va nell'editoriale senza tirare in ballo le presunte idee politiche di chi l'ha scritto.

      Rispondi

      • federicot

        09 Maggio @ 07.22

        federicot

        Sarà anche come dice lei direttore, ma a me il risultato di questi eghi smisurati non dispiace: intanto non abbiamo il solito governo di corrotti fatti di compromessi squallidi e spartizione del potere. Intanto per la prima volta grazie all'ego smisurato Berlusconi è stato ridotto a una marionetta. Intanto nemmeno l'altro superego Renzi non governa. Si, abbiamo bisogno di un governo, ma non di un governo qualsiasi come avvenuto negli ultimo 20 anni…

        Rispondi

        • Roberto

          09 Maggio @ 12.34

          Federicot, mi sorprendi, sono obbligato per la seconda volta a darti ragione, complimenti

          Rispondi

      • Alberto

        07 Maggio @ 21.09

        Capisco che certe affermazioni possano dare fastidio , però vede signor direttore , dal suo modo di esprimersi si denota un certo senso di fastidio quando si parla del M5S e dei "grillini". Non più tardi di ieri è successo un fatto nuovo che forse nemmeno lei si aspettava: Di Maio ha fatto un passo indietro, adesso l'unico che dovrebbe togliersi di torno è rimasto l'ex cavaliere..

        Rispondi

        • giorgiop

          08 Maggio @ 16.48

          giorgiop

          accusare Brambilla di faziosità solo perchè non si pecorizza davanti ad un carneade come Di Maio, significa esprimere la vera fotografia del popolo cosiddetto grillino: creduloni conclamati al serivzio di un semplice robot non autosufficente comandato a distanza da un giullare scaduto e da un softwarista politicamente nullo ma molto attento agli affari suoi. Accreditare il robot in questione di correttezza, lungimiranza e soprattutto di indifferenza verso la poltrona abbisogna di una revisione totale, come quella che viene fatta alle vetture del secolo scorso. Andiamo pure alle elezioni col caldo; la composizione del loro elettorato potrebbe premiarli in quanto non assenteisti ma dovranno fare i conti con quel dodici per cento di voti ottenuti col miraggio del reddito per nullafacenti mai dato e mai proponibile. Quanto a chi deve togliersai di torno, Berlusconi potrebbe avere numerosi compagni di nome e di fatto insieme a lui ma, come al solito, solo lui fa paura ancora.

          Rispondi

        • Roberto

          09 Maggio @ 16.27

          Scusa, ma non sono molto d'accordo e non sono grillino (Lega) per ora Di Maio non ha ancora dimostrato di essere disonesto, mentre quello a cui dici di non togliersi di torno (Berlusconi), a parte le condanne gia' passate in giudicato con tutte le varie prescrizioni etc.etc. non e' che e' solo lui che fa paura, ma forse e' anche quello che ha avuto/ha piu' problemi con giustizia (nonostante leggi ad HOC) Penso non si andra' alle elezioni con il caldo (vedi ultimi sviluppi), io no accuso il Dott. Brambilla di faziosita' per non essersi chinato ai M5S , ma a volte si ha impressione non sia proprio neutrale.

          Rispondi

  • Giovanni

    07 Maggio @ 11.11

    Direttore, sono d'accordo con lei anzi potrei dire che lei è d'accordo con me, è una della ragioni per le quali non vado più a votare, anzi....al seggio non mi presento proprio. Perchè dovrei votare partiti o movimenti governati da persone che hanno problemi psicologici di egotismo ? Ha ragione non è colpa dei politici siamo noi Italiani che li eleggiamo.

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    06 Maggio @ 15.40

    la rivolta di atlante

    IL GIOCO DI SQUADRA È SOLO NELLO SPORT E NON SEMPRE..... SOLO UN UMANO CIVILIZZATO CAPISCE CHE IL BENESSERE MONDIALE È UN PROBLEMA DI NATURA FILOSOFICA IN CUI IL MONDO È UNA SCATOLA E TUTTI GLI UOMINI POSSONO ESSERE TOPI FEROCI O FORMICHE COSTRUTTIVE. QUANTA ENERGIA SPRECATA IN GUERRE E CONFLITTI INUTILI.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Traversetolo: calici e musica sul tramonto

FESTE PGN

Traversetolo: calici e musica sul tramonto Foto

Morto Vinnie Paul, batterista e co-fondatore Pantera

musica

E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon  Gallery

newcastle

Giallo, trovata morta nella sua casa l'ex miss Gran Bretagna Sophie Gradon Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Cantieri

Opere incompiute: le date del taglio del nastro

Ballottaggi

Urne aperte a Salso: alle 12 ha votato il 18,36%

pericolo

Voragine in via Volturno, via Musini La foto

appuntamenti

Dopo la rugiada, una domenica di eventi nel Parmense Agenda

Turismo

Pochi wc pubblici. Botta e risposta fra Comune e Confesercenti

3commenti

calcio e tribunale

Caso whatsapp-Parma (e match Frosinone), il Palermo: "Siamo parte lesa"

evento

Il dj set di Digitalism, ha chiuso il Cittadella Music festival Gallery

1commento

Rapina

Incappucciato aggredisce una donna per rubarle l'auto: arrestato

FIDENZA

Sicurezza, in arrivo 84 «occhi intelligenti»

Fontanellato

Morto il direttore della banda

BENECETO

L'abbraccio della maestra e dell'ex allieva

Il ministro Centinaio

«Il caso sms? Finirà in nulla»

1commento

Violenza

La gelosia come ossessione: in carcere il partner-aguzzino

CALCIO

Asprilla, Veron, Apolloni e gli altri: la giornata "Parma Legends" al Tardini Foto

La partita è finita 5-2

12Tg Parma

Ladri scatenati a Felino: settimana di furti in paese

SORBOLO

Si sente male in casa, salvato da sindaco e carabinieri Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come potranno motivare una condanna?

di Michele Brambilla

LA PEPPA

Fusilli estivi, pasta fredda protagonista

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Urla in casa, arrivano i carabinieri e sequestrano marijuana

Superenalotto

Esce il 6: vinti oltre 51 milioni di euro

SPORT

Calcio

Mondiali: la Germania in 10 soffre ma piega la Svezia (2-1)

FORMULA UNO

Mercedes davanti a tutti: non è solo questione di gomme

SOCIETA'

cultura

E' morta Chichita, la moglie di Italo Calvino

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

MOTORI

MOTORI

Hyundai i20: restyling di sostanza

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse