10°

EDITORIALE

«Nome terzo» Il rebus per Lega e M5S

«Nome terzo» Il rebus per Lega e M5S
Ricevi gratis le news
0

Nella storia politica italiana i momenti di forte discontinuità rispetto al passato sono stati rari. Per questo, quando si analizzano gli avvenimenti di questi giorni, la memoria torna al 1994, quando si insediò quell'«oggetto misterioso» che fu il primo governo Berlusconi. Per la prima volta gli ex missini (in viaggio verso An), i leghisti e il nuovissimo partito "azzurro" del Cavaliere entravano nella cosiddetta "stanza dei bottoni" (termine coniato da Nenni negli anni Sessanta ai tempi del centrosinistra, salvo poi accorgersi che i bottoni del potere non ci sono, o non sono poi tanto efficaci). Anche allora si parlava di garanzie da dare ai nostri alleati europei e occidentali. C'erano poi perplessità sui ministri: Previti, avvocato di Berlusconi, finì dalla Giustizia alla Difesa per intervento del Quirinale. Anche la figura del presidente del Consiglio era vista con un certo sospetto, in Italia (fra gli oppositori) e all'estero. In effetti, quel governo (che durò sette mesi) fu la prova generale del decennio berlusconiano, ma insegnò molto a tutti i protagonisti politici. Oggi le due forze che vanno al governo non sono proprio come quelle del 1994: per il M5S è un debutto, per la Lega no, anche se il Carroccio di Salvini è ormai un partito nazionale, per certi versi lontano da quello di Bossi (il "senatur" era un tattico: sapeva - al di là delle asperità verbali - che talvolta è opportuno smussare gli angoli; le qualità del suo successore vanno invece messe alla prova).

Al Quirinale non c'è più un Presidente "interventista" come Scalfaro, ma un paziente tessitore quale Mattarella (il quale, tuttavia, ogni tanto - come nel discorso di giovedì sull'Europa - ricorda ai suoi interlocutori che c'è un arbitro, in campo); non c'è, inoltre, un leader incontrastato di una coalizione maggioritaria, ma ci sono i dioscuri (Salvini e Di Maio) di un'alleanza che dovrà essere "digerita" dai rispettivi elettorati; infine - data la scarsa praticabilità di una "staffetta" a Palazzo Chigi che potrebbe non essere rispettata, come insegna la storia - il nome del presidente del Consiglio - che nel '94 era scontato - oggi è uno degli scogli della trattativa.
Qui si arriva ad uno dei punti centrali delle negoziazioni in corso. Chi andrà a Palazzo Chigi dovrà essere un "terzo" gradito da M5S e Lega, ma non un "re travicello", perchè sarebbe un pessimo biglietto da visita per l'opinione pubblica e per i nostri partner internazionali. Però non può essere neanche una personalità di spicco, che alla lunga rischi di "mettere in ombra" Salvini e Di Maio.
Non è un nodo facile da sciogliere, nel poco tempo che resta prima di chiudere questa lunga crisi di governo.

Twitter: @LucaTentoni1

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Sanremo, la Rai smentisce aumenti del compenso per Claudio Baglioni

TELEVISIONE

Sanremo, la Rai smentisce aumenti del compenso per Claudio Baglioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Per ore code a Terre di Canossa

AUTOSTRADA

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Per ore code a Terre di Canossa

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

via della Repubblica

Benedizione degli animali in Sant'Antonio: tradizione che si ripete (con successo) Foto

PARMA

Controlli antidroga: sequestrato mezzo chilo di hashish al parco Falcone e Borsellino Video

Viarolo

Cercano di far esplodere il bancomat della Cassa Padana ma il colpo fallisce Video

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

PARMA

Il pusher fugge e fa resistenza con violenza: un cittadino aiuta i carabinieri ad arrestarlo Video

La cronaca del 12TgParma

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

20 GENNAIO

Torna la domenica ecologica: limitazioni al traffico all'interno delle tangenziali Mappa

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

2commenti

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

2commenti

Tribunale

Perseguita un uomo con messaggi anonimi: collecchiese condannato per stalking

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro: disagi al traffico ma nessun ferito Foto

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

TRIBUNALE

San Giovanni, entra in sagrestia e tenta di rapinare due monaci: condannato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come cambia la nostra vita in mezzo agli umanoidi

di Patrizia Ginepri

PGN

La nuova moda dell'uomo e la trasmissione «Prendi Nota»

di Mara Varoli

ITALIA/MONDO

calcio

Tifoso morto: arrestato il capo storico dei "Viking" Inter, Nino Ciccarelli Chi è

ANCONA

Untore hiv a processo per "omicidio", il pm chiede 18 anni

SPORT

calcio

Anche Mayweather alla festa nello spogliatoio della Juve per la Supercoppa

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

salute

Nel corpo umano ci sono 5.000 specie di batteri, pronto un catalogo

la storia

Il piccolo migrante annegato con la pagella cucita addosso (reso noto da una vignetta)

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai