13°

26°

EDITORIALE

Mattarella verso la scelta di un premier «politico»

Mattarella verso la scelta di un premier «politico»
Ricevi gratis le news
2

E’ la consapevolezza di essere chiamato a un compito difficile, a gestire una svolta politica epocale, che alimenta nel presidente della Repubblica una pazienza e una disponibilità all’ascolto spesso scambiate per eccessiva prudenza o addirittura per timorosa rinuncia a far valere le prerogative connesse al ruolo di garante delle istituzioni. Trentuno consultazioni in settantaquattro giorni: quello di Sergio Mattarella è un autentico record colloquiale al quale è stato costretto soprattutto dalla coppia Salvini-Di Maio le mosse dei quali hanno di fatto sovvertito abitudini e prassi di comportamento. Già se ne era avuta un’avvisaglia in febbraio, quando il leader cinque stelle aveva mandato al presidente l’elenco di quelli che sarebbero diventati ministri nel caso di vittoria alle elezioni del 4 marzo.
Che Mattarella avesse fatto sapere di non aver minimamente degnato di un’occhiata l’impropria missiva, non aveva certo disarmato Di Maio e successivamente Salvini, viste le tante irritualità che sono seguite a quella apripista. L’ultima, l’aver fatto avere al capo dello Stato la bozza del contratto sul quale stanno disputando e trattando le delegazioni di Lega e M5S. Anche stavolta il mite Mattarella si è limitato a far sapere di aver lasciata intonsa la telematica comunicazione recapitatagli dai dioscuri con il tono sbrigativo di chi si rivolga a un ufficio notarile per un rogito.
Contratto che in questi giorni sarà sottoposto al giudizio di militanti leghisti e iscritti cinque stelle.
Immaginiamo che il capo dello Stato approvi la bozza e questa venga poi bocciata da gazebi e Piattaforma Rousseau: sarebbe un pasticciaccio da crisi istituzionale. Altra novità: una sorta di super consiglio, composto dal premier e dai leader dei due partiti, per dirimere torti e ragioni in eventuali dissensi tra i ministri. Mattarella dovrebbe pertanto rassegnarsi a nominare un premier e un consiglio dei ministri semplici gestori del contratto e per di più sottoposti a un’istanza superiore nelle mani di due «commissari» politici.
E’ quindi più che comprensibile come al Quirinale siano giorni contrassegnati dall’irritazione di un capo dello Stato che al momento giusto esigerà un paio di cose irrinunciabili: un premier di caratura politica, Di Maio o Salvini. O Di Maio al vertice e Salvini a capo di un ministero di grande peso. O un premier di grande prestigio affiancato dai due leader vicepresidenti del Consiglio. Mattarella esige la conferma del ruolo «europeo» dell’Italia e vuole garanzie di tenuta politica: lo spauracchio è al Senato, dove Lega e M5S contano soltanto su una maggioranza risicata, sei voti appena. Lunedì sarà probabilmente il giorno fatale quando-garantiscono addetti ai lavori ben informati - chi ha scambiato la disponibilità del riservatissimo e canuto premier come debolezza e mansuetudine sacrificale si troverà davanti a un aut aut: o accettarne le scelte o lasciare il campo a un governo provvisorio che porti il Paese alle urne in ottobre.

vittorio.testa@comesermail.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alberto

    19 Maggio @ 08.37

    Ribadisco il mio concetto: la responsabilità di questa situazione è di Mattarella. Se (con i "se" e i "ma" non si va da nessuna parte) il presidente della repubblica non avesse firmato questa legge elettorale , adesso non si troverebbe in tale situazione di imbarazzo politico/istituzionale. Forse sperava che il M5S non ottenesse il 33% dei voti , o forse sperava che il centro sinistra non fosse vittima della politica di destra , che anzichè difendere gli interessi dei lavoratori ha anteposto quelli delle banche , oppure non si aspettava che il popolo italiano si schierasse in difesa della legalità , giustizia , onestà ed equità. Eppure avrebbe dovuto e potuto prevederlo. C'erano chiari segnali. Mah , chissà come stanno realmente i fatti, siamo in Italia , dove vige la legge del più forte , non come nella giungla , ma peggio.

    Rispondi

  • Roberto

    18 Maggio @ 16.14

    Sara' paziente,e etc, etc, ma la cosa piu' naturale (e forse giusta) sarebbe stata quella di dare il primo incarico a Salvini, in quanto a capo della coalizione che ha ottenuto piu' voti, il fatto che poi abbia minacciato il 10/05. di fare lui un gobverno 'neitrale', ha portato alla logica conseguenza, che visto che non sarebbe stato accettati si e' avviata la trattativa fra Lega e M5S, che chiaramente, date le diversita' ha richiesto tempo per smussare gli angoli. A questo punto, come detto da Salvini, se si riesce entro lunedi', ok, altrimenti rimane ultima soluzione con le votazioni in autunno. Certo che un governo provvisio dovrebbe avere come limite solo il portare il paese alle nuove elezioni (magari che non succeda come gia' accaduto): Grazie

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Melania in Texas, ma scoppia il caso della giacca

USA

Melania in Texas, ma scoppia il caso della giacca

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

FESTE PGN

Dogana opening party al Best: ecco chi c'era Foto

Chiara Francini

Chiara Francini

30 GIUGNO

"Mia madre non lo deve sapere": Chiara Francini presenta il suo libro a Parma

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La top 5 per il fine settimana (all'insegna dei tortelli)

WEEKEND

La top 5 per il fine settimana (all'insegna dei tortelli)

Lealtrenotizie

Molesta e tenta di violentare una 14enne a Parma. Arrestato 41enne a Monza

carabinieri

Molesta e tenta di violentare una 14enne a Parma. Arrestato 41enne a Monza

REGGIO EMILIA

80mila euro di coca arrivano via posta, i Nas di Parma arrestano un trafficante

Parma

Gdf: in un anno e mezzo scoperti 64 evasori fiscali totali per 55 milioni di euro Il bilancio dell'attività

Viale Vittoria

«Se compri la droga ti fotografo»: (Sono già spariti) i cartelli sugli alberi - Gallery

11commenti

BLITZ

Confiscati beni per oltre 2 milioni a un imprenditore a Gela

L'uomo aveva trasferito l'attività a Parma

L'evento dell'anno

Ennio Morricone incanta Parma e la Cittadella Gallery - Video

2commenti

L'INTERVISTA

Malmesi: «Faremo la A»

3commenti

bufera

Caso whatsapp-Parma, lo Spezia: "La nostra condotta ispirata a rigore e rispetto"

Il presidente Upi

Annalisa Sassi: «Legame col territorio sempre più forte» - Videointevista

NOCETO

Matilde, la youtuber che insegna ad amare i libri

METEO

Maltempo: forti temporali (e calo delle temperature) in arrivo al Nord

TIZZANO

Restituito al proprietario il Ciao rubato 31 anni fa

Dramma

Superchi, il dolore dell'amico medico: «Se n'è andato un combattente»

operazione nostalgia

Le leggende del Parma in campo (domani) al Tardini

COLLECCHIO

Adriano, modello per Dolce & Gabbana

AUTOSTRADE

Incidente mortale in Autocisa: operaio travolto e ucciso da un camion

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Contro il Parma il più assurdo dei processi

di Michele Brambilla

SONDAGGIO

Estate, tempo di musica e tormentoni: vota la tua hit Anni '80 preferita

ITALIA/MONDO

correggio

Prima prega poi ruba il messale della chiesa: filmato e denunciato 70enne del paese

il caso

Salvini: "Dieci vaccini obbligatori sono inutili". L'immunologo: "Salvano milioni di vite"

SPORT

RUSSIA 2018

Il Brasile soffre ma vince: 2-0 al Costa Rica

mondiali

Caos Argentina, il ct Sampaoli: "Colpa mia". I giocatori: "Cacciatelo ora"

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Sea&No», la pescheria gastronomica di qualità

MODENA

L'Osteria Francescana di Massimo Bottura è ancora il ristorante migliore del mondo

2commenti

MOTORI

RESTYLING

La nuova Jeep Renegade in 5 mosse

ANTEPRIMA

Ecco la nuova S60, la prima Volvo costruita negli Usa