-0°

11°

EDITORIALE

Mattarella verso la scelta di un premier «politico»

Mattarella verso la scelta di un premier «politico»
Ricevi gratis le news
2

E’ la consapevolezza di essere chiamato a un compito difficile, a gestire una svolta politica epocale, che alimenta nel presidente della Repubblica una pazienza e una disponibilità all’ascolto spesso scambiate per eccessiva prudenza o addirittura per timorosa rinuncia a far valere le prerogative connesse al ruolo di garante delle istituzioni. Trentuno consultazioni in settantaquattro giorni: quello di Sergio Mattarella è un autentico record colloquiale al quale è stato costretto soprattutto dalla coppia Salvini-Di Maio le mosse dei quali hanno di fatto sovvertito abitudini e prassi di comportamento. Già se ne era avuta un’avvisaglia in febbraio, quando il leader cinque stelle aveva mandato al presidente l’elenco di quelli che sarebbero diventati ministri nel caso di vittoria alle elezioni del 4 marzo.
Che Mattarella avesse fatto sapere di non aver minimamente degnato di un’occhiata l’impropria missiva, non aveva certo disarmato Di Maio e successivamente Salvini, viste le tante irritualità che sono seguite a quella apripista. L’ultima, l’aver fatto avere al capo dello Stato la bozza del contratto sul quale stanno disputando e trattando le delegazioni di Lega e M5S. Anche stavolta il mite Mattarella si è limitato a far sapere di aver lasciata intonsa la telematica comunicazione recapitatagli dai dioscuri con il tono sbrigativo di chi si rivolga a un ufficio notarile per un rogito.
Contratto che in questi giorni sarà sottoposto al giudizio di militanti leghisti e iscritti cinque stelle.
Immaginiamo che il capo dello Stato approvi la bozza e questa venga poi bocciata da gazebi e Piattaforma Rousseau: sarebbe un pasticciaccio da crisi istituzionale. Altra novità: una sorta di super consiglio, composto dal premier e dai leader dei due partiti, per dirimere torti e ragioni in eventuali dissensi tra i ministri. Mattarella dovrebbe pertanto rassegnarsi a nominare un premier e un consiglio dei ministri semplici gestori del contratto e per di più sottoposti a un’istanza superiore nelle mani di due «commissari» politici.
E’ quindi più che comprensibile come al Quirinale siano giorni contrassegnati dall’irritazione di un capo dello Stato che al momento giusto esigerà un paio di cose irrinunciabili: un premier di caratura politica, Di Maio o Salvini. O Di Maio al vertice e Salvini a capo di un ministero di grande peso. O un premier di grande prestigio affiancato dai due leader vicepresidenti del Consiglio. Mattarella esige la conferma del ruolo «europeo» dell’Italia e vuole garanzie di tenuta politica: lo spauracchio è al Senato, dove Lega e M5S contano soltanto su una maggioranza risicata, sei voti appena. Lunedì sarà probabilmente il giorno fatale quando-garantiscono addetti ai lavori ben informati - chi ha scambiato la disponibilità del riservatissimo e canuto premier come debolezza e mansuetudine sacrificale si troverà davanti a un aut aut: o accettarne le scelte o lasciare il campo a un governo provvisorio che porti il Paese alle urne in ottobre.

vittorio.testa@comesermail.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Alberto

    19 Maggio @ 08.37

    Ribadisco il mio concetto: la responsabilità di questa situazione è di Mattarella. Se (con i "se" e i "ma" non si va da nessuna parte) il presidente della repubblica non avesse firmato questa legge elettorale , adesso non si troverebbe in tale situazione di imbarazzo politico/istituzionale. Forse sperava che il M5S non ottenesse il 33% dei voti , o forse sperava che il centro sinistra non fosse vittima della politica di destra , che anzichè difendere gli interessi dei lavoratori ha anteposto quelli delle banche , oppure non si aspettava che il popolo italiano si schierasse in difesa della legalità , giustizia , onestà ed equità. Eppure avrebbe dovuto e potuto prevederlo. C'erano chiari segnali. Mah , chissà come stanno realmente i fatti, siamo in Italia , dove vige la legge del più forte , non come nella giungla , ma peggio.

    Rispondi

  • Roberto

    18 Maggio @ 16.14

    Sara' paziente,e etc, etc, ma la cosa piu' naturale (e forse giusta) sarebbe stata quella di dare il primo incarico a Salvini, in quanto a capo della coalizione che ha ottenuto piu' voti, il fatto che poi abbia minacciato il 10/05. di fare lui un gobverno 'neitrale', ha portato alla logica conseguenza, che visto che non sarebbe stato accettati si e' avviata la trattativa fra Lega e M5S, che chiaramente, date le diversita' ha richiesto tempo per smussare gli angoli. A questo punto, come detto da Salvini, se si riesce entro lunedi', ok, altrimenti rimane ultima soluzione con le votazioni in autunno. Certo che un governo provvisio dovrebbe avere come limite solo il portare il paese alle nuove elezioni (magari che non succeda come gia' accaduto): Grazie

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello Vip: vince Walter Nudo

Walter Nudo

televisione

Grande Fratello Vip, eliminata Benedetta Mazza, vince Walter Nudo (15 anni dopo)

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

moda

Premio Nobel per la Pace, spunta una signora in rosso: Amal

Intervista a Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio

INTERVISTA

Twelve Conversations, a Traversetolo la "prima": ne parlano Emanuele Valla e Dario D'Ambrosio Ascolta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sfoglia di lamponi: Buonissimo e d'effetto e anche facile da fare

LA PEPPA

La ricetta  - Sfoglia di lamponi

Lealtrenotizie

Un 52enne di Montechiarugolo arrestato per maltrattamenti in famiglia

carabinieri

52enne di Montechiarugolo arrestato per maltrattamenti in famiglia (dopo 5 denunce)

Carabinieri di Colorno

La vicina "è insopportabile", minacce e dispetti: 57enne ai domiciliari Video

CASA DELLA SALUTE

Un pezzo di soffitto crolla sulla sala d'attesa

in mattinata

Incidente in tangenziale sud all'altezza di via Montanara: coda

bedonia

Ciclista ferito: intervento del soccorso alpino a Borio

economia

Intervista esclusiva a Vincenzo Boccia. "La manovra non funziona e la Tav è necessaria

LUTTO

È morto Renzo Fornari, fondatore della Scic

Rapina in banca

Oltre alla cassa derubato anche un cliente

sport

Glorie rossonere nuove e antiche: parate di stella al gala del Cus Le foto

Premiati i campioni 2018. Oltre al socio onorario Corrado Cavazzini, il premio Ambasciatore Cus Parma nel mondo a Zorzi

LUTTO

Addio a Ercole Marvisi, una vita per le scarpe

Fidenza

Indicazioni sbagliate: gli strani cartelli di Castione

NOCETO

La strage dei visoni. Molti dei mille liberati sono morti

Caritas

Sono 2000 le domande di cittadinanza

A Monticelli

Senza patente e ubriaca provoca un incidente

MISTERO

Esce dal lavoro e scompare a Reggiolo. Unico indizio: è passato da Traversetolo

Davide Ploia, 48 anni, vive nel Mantovano ed è scomparso da giovedì. Del caso si è occupato "Chi l'ha visto?"

via Emilia Est

Rapina in banca: minacciano l'impiegata con un cutter e scappano con poche centinaia di euro

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il tempo è poco ma non è finito

di Aldo Tagliaferro

EDITORIALE

Necessario un giro di vite verso i ciclisti indisciplinati

di Domenico Cacopardo

4commenti

ITALIA/MONDO

russia

L'iphone cade nella vasca da bagno, campionessa di arti marziali muore folgorata

italia/mondo

Corona aggredito durante reportage in boschetto della droga

SPORT

Football americano

Leggendaria giocata dei Dolphins a 7" dalla fine per la vittoria contro i Patriots Video

FIORENTINA

Due medici indagati per la morte di Davide Astori

SOCIETA'

italia/mondo

Turista stacca frammento laterizio al Colosseo, denunciato

PARMA

Quando i reggiani "rubarono" il pigiama di Guareschi... Dietro le quinte del Mondo Piccolo Video

MOTORI

SUV

Renault Kadjar: restyling dopo tre anni

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco