14°

COMMENTO

La Freccia di Ferragosto e Parma «interconnessa»

La Freccia di Ferragosto e Parma «interconnessa»

Il "Freccia Rossa"

Ricevi gratis le news
4

Il giorno di Ferragosto, quando tutta l’Italia chiude e quasi ogni servizio viene sospeso, a Parma invece è successo qualcosa che mai prima di allora si era verificato (e che ben difficilmente tornerà a verificarsi, quantomeno in tempi brevi): l’unico treno Frecciarossa che attualmente ferma in città, dopo la sosta in stazione, anziché proseguire fino a Bologna sulla linea ordinaria come fa normalmente, ha imboccato l’interconnessione e si è immesso sull’alta velocità.
C’è voluto un cantiere di lavori a Modena e la conseguente interruzione della linea storica per far accadere – anche se solo per un giorno – ciò che i parmigiani aspettano da anni: veder circolare una Freccia su quella ultramoderna bretella ferroviaria che avrebbe dovuto essere la garanzia che l’alta velocità non avrebbe tagliato fuori Parma (dopo la suicida rinuncia alla stazione in linea), ma che in realtà ha visto circolare finora solo l’«antico» trenino a gasolio per Suzzara, ovvero quanto di meno tecnologico viaggi oggi su rotaia. Quasi una beffa.
Quattro anni fa, in occasione dell’inaugurazione della nuova stazione ferroviaria, il sindaco ribadì il proprio impegno affinché più Frecce potessero fermarsi a Parma, salvo essere gelato in quella stessa occasione dal coriaceo rappresentante delle Ferrovie, che alla domanda se ci fossero speranze in tal senso, tagliò corto: «I servizi ci saranno quando il mercato li chiederà». Una frase che equivale a una sentenza di morte su ogni residua e illusoria speranza, o – se preferite – a un sonoro schiaffo alle ragionevoli aspettative di una comunità. E infatti da allora nulla si è mosso.

È vero che le Frecce sono treni cosiddetti «a mercato», cioè che si sostengono senza risorse pubbliche, ma esclusivamente con i ricavi che generano. Però almeno tre obiezioni sono legittime.

La prima. Non è irrealistico immaginare che un territorio come quello di Parma possa essere in grado di garantire un’utenza tale da rendere anche economicamente conveniente mettere qualche treno in più: forse è solo questione di lungimiranza (che evidentemente scarseggia).

La seconda. L’enorme investimento fatto a suo tempo dalla collettività per costruire l’interconnessione dovrà pur essere «ammortizzato» garantendo un qualche servizio che giustifichi quel fiume di soldi pubblici spesi per realizzarlo.

La terza. Visto che le Frecce sono treni «a mercato», perché non ipotizzare un intervento pubblico – magari da parte della Regione – per garantire la copertura quantomeno di una quota di quel costo? Una realtà importante e avanzata come la nostra non se lo merita?

Nel 2020 Parma sarà capitale italiana della cultura: quale migliore occasione per renderla una città più collegata – anzi, è proprio il caso di dirlo, più «interconnessa» – con il resto del Paese?

fbandini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Dado

    19 Agosto @ 17.00

    E che dire poi della "mediopadanità" di quella stazione posta a 140 km da Milano e a 60 da Bologna?!?

    Rispondi

  • Giovanni

    18 Agosto @ 18.37

    D'accordissimo con il Sig Martini. Ma per vincerla bisogna darsi da fare in maniera coriacea. Purtroppo infatti Parma è sempre stata volutamente messa da parte da Bologna, o meglio, dall'asse bologna-firenze,lobby potentissima che ha sempre lavorato affinché non ci fosse un vero sviluppo diffuso in Italia. Fin dai programmi deinfrastrutturali del dopoguerra dovevano essere tre i corridoi infrastrutturali in Italia: Adriatico, centrale e tirrenico. A prova di scemo, non ci voleva un genio. Eppure, dopo 60 l'unico corridoio completato è quello centrale. Chissà perché, vero Delrio, Bonaccini ecc ecc?.....Dopo 60 non si è ancora riusciti a fare la ravenna-venezia per chiudere il corridoio adriatico, e nemmeno la livorno-civitavecchia e la tibre per chiudere il corridoio tirrenico. E tutto per la mantenere il potere assoluto degli scambi, che deve avvenire fra bologna e firenze...E tanto chissenefrega se poi ci sono le autocisterne che esplodono e che tagliano in due il paese....

    Rispondi

    • Nicola Martini

      18 Agosto @ 19.46

      Salve Sig. Giovanni, temo che Lei abbia ragione sul sodalizio Bologna-Firenze. Io, che come modello di sviluppo prediligo le infrastrutture ferroviarie, ho notato quanto ad es. la Pontremolese sia rimasta schiacciata tra la realizzazione del corridoio Bo-FI ed il Terzo Valico, limitando la possibilità di Parma di essere retroporto naturale per La Spezia, nonostante la L. 17/'81 fosse volta proprio allo sviluppo delle ferrovie "infra-appenniniche" alternative alla tratta BO-FI. Essere contrari, invece, all'apertura di stazioni in linea in tutte le città è masochismo puro, dannoso per la mobilità e l'economia sia regionale che nazionale. Non toglierebbe nulla a Bologna ed eviterebbe il sottoutilizzo della linea AV. Piacenza, Parma e Modena possono garantire in media almeno 2.000 passeggeri AV al giorno, che non possono essere attratti dalla Mediopadana o da Bologna. Ora, solo in Emilia, almeno 1.500.000 di pax/anno sono tagliati fuori dall'uso del Tav e ciò è inaccettabile. Buona serata.

      Rispondi

  • Nicola Martini

    18 Agosto @ 17.50

    Le interconnessioni sono da progetto raccordi d'emergenza. Purtroppo le città prive di stazione in linea furono ingannate con l'assicurazione di non rimanere tagliate fuori dall'AV. Vado a memoria (e mi si corregga se sbaglio), ricordando che alle Amministrazioni di Parma fu ventilata l'ipotesi di una dozzina di coppie di Tav al giorno tramite l'interconnessione, via via nel tempo ridotte a 6. Chi conosce i sistemi di trasporto non si sarebbe fatto ingannare, in quanto sono poche le realtà servite dall'AV negli altri Paesi per il tramite delle interconnessioni, per svariati motivi che non sto ad elencare per questioni di spazio, tranne uno. La principale ragione che tiene lontani i treni veloci da Parma è la distanza tra le interconnessioni, che comporterebbe un aumento di almeno 20 minuti delle tempistiche di viaggio. Pare intuibile che con circostanze simili non sarebbe possibile ottenere un servizio AV propriamente detto, che per una città come Parma rientrerebbe in un range di 20-30 coppie di Tav al giorno. Purtroppo in Emilia si è scelto in maniera folle un sistema a fermata unica, puntando sul modello francese pre 2000, che si fonda su alti spunti in termini di velocità e stazioni distanti. Detto modello opera ottimamente in un Paese come la Francia dove la struttura demografica è tendenzialmente sparsa, eccettuate l'Ile de France e le Regioni mediterranee in cui la concentrazione di abitanti è molto elevata. Sulla dorsale principale Parigi-Marsiglia, al di là della realtà di Lione (area metropolitana 1.300.000 ab.), le città sono di dimensioni medio-piccole (70/150.000 ab.) ed attorniate da aree a vocazione principalmente rurale, pertanto scarsamente antropizzate. In tali circostanze la strutturazione di un sistema AV con stazioni distanti mediamente 70/80 km è comprensibile, in quanto per ottenere bacini d'utenza ottimali in un contesto provinciale (300/400.000 ab.) è necessario un raggio d'azione dalle fermate di 30/40 km, onde evitare il sottoutilizzo delle stazioni. Nelle realtà altamente antropizzate, però, anche in Francia le stazioni sono vicine anche soli 20 km (es. Marsiglia-Aix en Provence TGV), riuscendo a mantenere dati di frequentazioni importanti. Esempi di stazioni ravvicinate si trovano peraltro anche in Germania e altri Paesi UE. Il Giappone poi, che ha una struttura demografica simile alla nostra, ha fermate in media ogni 30 km. In Emilia bisogna darsi una svegliata e pretendere stazioni in linea in tutte le città capoluogo.

    Rispondi

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bastoncino della fortuna

giappone

10 mila uomini nudi si contendono il titolo del "più fortunato del mondo"

Morto Franco Rosi, 'fu' il Telegattone

TELEVISIONE

E' morto l'imitatore Franco Rosi, la voce del Telegattone Video

Calcio: Paolo Rossi duetta con 'Ridge' di Beautiful

strana coppia

Paolo Rossi duetta con "Ridge" di Beautiful in Toscana Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Al Tramezzo», cucina fresca, terra e mare di qualità

CHICHIBIO

«Al Tramezzo», cucina fresca, terra e mare di qualità

Lealtrenotizie

Malore in campo: 57enne salvato dai compagni con il defibrillatore

FIDENZA

Malore in campo: 57enne salvato dai compagni con il defibrillatore

CALCIO VIOLENTO

Follia in Terza categoria, naso rotto e dente spezzato a giocatore del Sala

Sulla linea 7

Minaccia il controllore: denunciato

1commento

ELEZIONI

Collecchio, Maristella Galli vince le primarie del centrosinistra

SALSO

Controlli nei bar, mezzo quintale di cibo sequestrato

Adesivo su un palo

Scritta antisemita davanti al Tardini

LOTTA SALVEZZA

Dietro vincono tutti. Ma a Parma è arrivato Schiappacasse...

VIA BENEDETTA

Discarica a cielo aperto sulla pista ciclabile

vigili del fuoco

Fienile in fiamme a Fontanellato: 300 balloni polverizzati

traffico

Viale Mentana, quel parcheggio accessibile solo ai più...spregiudicati - Le foto

serie C

In campo con solo 7 ragazzini, numeri con lo scotch e senza allenatore: il Pro Piacenza perde 20-0

1commento

esercizi commerciali

Pioggia di multe nei bar: 15 violazioni e un "conto" da quasi 10mila euro

2commenti

lago ballano

Comitiva di ciaspolatori in difficoltà per il ghiaccio: interviene il Soccorso alpino

anteprima gazzetta

Ladri e vandali in azione nella zona del duomo

fiere di parma

La chiusura di Tof con il ct della nazonale di ciclismo Davide Cassani

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

CALCIO

Il pagellone di Cagliari - Parma: votate

EDITORIALE

Silvio e Matteo amici-nemici. Il centrodestra si sgretola?

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

siena

Percosse e maltrattamenti ai bimbi del nido domiciliare: arrestata 52enne

NAPOLI

Blitz anticamorra a Napoli, 30 arresti

SPORT

Sport USA

All Star Game, vince il Team LeBron

Tennis

Cecchinato trionfa all'Atp500 di Baires. Sale al numero 17 nel ranking

SOCIETA'

Barcellona

Boateng esordisce al Camp Nou, i ladri fanno un furto da 300mila euro a casa sua

ARCHEOLOGIA

Pompei, dopo Leda affiora uno strepitoso affresco con Narciso Foto

MOTORI

MOTORI

Auto: dal 2020 sarà obbligatoria la frenata automatica d'emergenza

IL TEST

Al volante di Hyundai Kona, la coreana che ha studiato in California