17°

29°

EDITORIALE

Crisi libica: l'Italia deve esporre la bandiera

Crisi libica: l'Italia  deve esporre la bandiera
Ricevi gratis le news
1

L’epilogo di questa estate burrascosa ci porta l’acuirsi della crisi libica, con le milizie filo-Haftar a Tripoli, prossime al «compound» nel quale è asserragliato il governo Serraj, voluto dall’Onu e sostenuto dall’Italia. La nostra interfaccia in terra d’Africa.
La recrudescenza della guerriglia ha padre e madre e zia, facili da individuare: Francia (con il Regno Unito, la zia) ed Egitto, indubitabilmente promotori dell’offensiva che mette in un angolo gli amici dell’Italia e dell’Eni. Gli Stati Uniti di Trump ci sono a parole. Solo parole.
I fatti mostrano il fallimento della politica italiana. Né il faraone Al-Sisi né l’alleato Macron recedono dai loro fini. In gioco ci sono il petrolio libico e gli assetti strategici del Nord-Africa. Non dimentichiamo che la Francia è titolare di un invidiabile e irraggiungibile pacchetto di relazioni europee e africane. Al-Sisi è al centro della strategia di contrasto delle pulsioni estremistico-terroristiche diffuse (e non dome) nell’Islam.
È inutile menar fendenti a destra e a manca, come se la politica internazionale fosse il gioco «della pentolaccia». In Europa, gli amici politici del governo italiano sono nel gruppo di Visegrád, di coloro che si oppongono a qualsiasi solidarietà nell’accoglienza dei migranti. Gli altri, soprattutto Parigi, non retrocedono di un passo (anche se la posizione dell’Unione sulla legge di stabilità contiene inattese e solide aperture: la sensazione è che nei ministeri chiave nessuno legga le carte e che quindi nessuno maneggi i dossier). Intanto, l’influenza francese nei gangli finanziari del bel Paese può crescere ulteriormente con l’esplosivo possibile accordo Société générale-Unicredit.
Perciò, oggi, è difficile iniziare un discorso costruttivo con i francesi sulla Libia. Gli ultimi eventi con l’avanzata delle milizie a Tripoli, con la possibile caduta della nostra ambasciata, l’occupazione dei ministeri e la fine del governo Serraj ci impongono una reazione. Se vogliamo contare al tavolo in cui si definirà il futuro della Libia, non possiamo essere timidi e rinunciatari. E di fronte al mondo arabo non possiamo apparire fedifraghi (abbandonando Serraj) o inaffidabili per timidezze antiche e nuove.
In questi casi, quando mancano gli strumenti della diplomazia, «si espone la bandiera». Si utilizza cioè lo strumento militare. Tanto è vero che ieri Palazzo Chigi ha fatto filtrare la notizia che è in preparazione una «task force» col compito di difendere l’ambasciata e il governo Serraj. Una decisione obbligata che presenta alcuni rischi soprattutto se non viene schierata una squadra navale. Abbiamo due portaerei moderne (Cavour e Garibaldi, una terza, Giulio Cesare, più potente, in costruzione) che possono alternarsi in prossimità di Tripoli. Con droni, elicotteri e aerei, con il battaglione San Marco e il Col Moschin, possono assicurare quella difesa avanzata (invulnerabile dai ribelli) di cui nello scacchiere abbiamo necessità.
Se la missione sarà sostenuta politicamente, essa costituirà il modo di arrestare le milizie e realizzare quella conferenza sul futuro della Libia da cui non possiamo essere esclusi. E non essere cancellati dallo scacchiere, un tempo riservato a noi e poi sottrattoci dalla guerra contro Gheddafi. Il gioco è grosso e dobbiamo giocarlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    04 Settembre @ 18.34

    Giorgio R.

    Concordo e direi che da Sharcosí e poi Macron la Francia per certe cose non cambia mai

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

4commenti

visita

Ferrero, il presidente "esplosivo" a Parma

incontro

Nando Dalla Chiesa: "Criminalità, mai abbassare la guardia" Video

trasporti

Campari (Lega) richiama Ferrovie: "Alta velocità, collegamenti con Parma carenti"

QUARTIERE TAMBURI

Fondazione Pizzarotti e Parole di Lulù onlus insieme per i bambini di Taranto

gazzareporter

Bici e pure la borsetta sotto il ponte

PARMA

Riporta il carrello dopo la spesa e la borsa sparisce dall'auto: denunciato un 29enne

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Luis Alberto-Immobile: la Lazio piega l'Apollon

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse