14°

EDITORIALE

Crisi libica: l'Italia deve esporre la bandiera

Crisi libica: l'Italia  deve esporre la bandiera
Ricevi gratis le news
1

L’epilogo di questa estate burrascosa ci porta l’acuirsi della crisi libica, con le milizie filo-Haftar a Tripoli, prossime al «compound» nel quale è asserragliato il governo Serraj, voluto dall’Onu e sostenuto dall’Italia. La nostra interfaccia in terra d’Africa.
La recrudescenza della guerriglia ha padre e madre e zia, facili da individuare: Francia (con il Regno Unito, la zia) ed Egitto, indubitabilmente promotori dell’offensiva che mette in un angolo gli amici dell’Italia e dell’Eni. Gli Stati Uniti di Trump ci sono a parole. Solo parole.
I fatti mostrano il fallimento della politica italiana. Né il faraone Al-Sisi né l’alleato Macron recedono dai loro fini. In gioco ci sono il petrolio libico e gli assetti strategici del Nord-Africa. Non dimentichiamo che la Francia è titolare di un invidiabile e irraggiungibile pacchetto di relazioni europee e africane. Al-Sisi è al centro della strategia di contrasto delle pulsioni estremistico-terroristiche diffuse (e non dome) nell’Islam.
È inutile menar fendenti a destra e a manca, come se la politica internazionale fosse il gioco «della pentolaccia». In Europa, gli amici politici del governo italiano sono nel gruppo di Visegrád, di coloro che si oppongono a qualsiasi solidarietà nell’accoglienza dei migranti. Gli altri, soprattutto Parigi, non retrocedono di un passo (anche se la posizione dell’Unione sulla legge di stabilità contiene inattese e solide aperture: la sensazione è che nei ministeri chiave nessuno legga le carte e che quindi nessuno maneggi i dossier). Intanto, l’influenza francese nei gangli finanziari del bel Paese può crescere ulteriormente con l’esplosivo possibile accordo Société générale-Unicredit.
Perciò, oggi, è difficile iniziare un discorso costruttivo con i francesi sulla Libia. Gli ultimi eventi con l’avanzata delle milizie a Tripoli, con la possibile caduta della nostra ambasciata, l’occupazione dei ministeri e la fine del governo Serraj ci impongono una reazione. Se vogliamo contare al tavolo in cui si definirà il futuro della Libia, non possiamo essere timidi e rinunciatari. E di fronte al mondo arabo non possiamo apparire fedifraghi (abbandonando Serraj) o inaffidabili per timidezze antiche e nuove.
In questi casi, quando mancano gli strumenti della diplomazia, «si espone la bandiera». Si utilizza cioè lo strumento militare. Tanto è vero che ieri Palazzo Chigi ha fatto filtrare la notizia che è in preparazione una «task force» col compito di difendere l’ambasciata e il governo Serraj. Una decisione obbligata che presenta alcuni rischi soprattutto se non viene schierata una squadra navale. Abbiamo due portaerei moderne (Cavour e Garibaldi, una terza, Giulio Cesare, più potente, in costruzione) che possono alternarsi in prossimità di Tripoli. Con droni, elicotteri e aerei, con il battaglione San Marco e il Col Moschin, possono assicurare quella difesa avanzata (invulnerabile dai ribelli) di cui nello scacchiere abbiamo necessità.
Se la missione sarà sostenuta politicamente, essa costituirà il modo di arrestare le milizie e realizzare quella conferenza sul futuro della Libia da cui non possiamo essere esclusi. E non essere cancellati dallo scacchiere, un tempo riservato a noi e poi sottrattoci dalla guerra contro Gheddafi. Il gioco è grosso e dobbiamo giocarlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    04 Settembre @ 18.34

    Giorgio R.

    Concordo e direi che da Sharcosí e poi Macron la Francia per certe cose non cambia mai

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fornelli sfortunati per Sandra, seconda sconfitta alla Prova del cuoco

TELEVISIONE

Fornelli sfortunati per Sandra, seconda sconfitta alla Prova del cuoco

I Soliti ignoti: Mauro Coruzzi e il fidentino Luca fra i personaggi da indovinare

RAI1

I Soliti ignoti: Mauro Coruzzi e il fidentino Luca fra i personaggi da indovinare Foto

Uto Ughi: «Io e il violino, un amore iniziato a 5 anni»

Intervista

Uto Ughi: «Io e il violino, un amore iniziato a 5 anni»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Quota 100», per la riscossione del Tfr non è cambiato nulla

L'ESPERTO

«Quota 100», per la riscossione del Tfr non è cambiato nulla

di Paolo Zani

Lealtrenotizie

Burioni ospite a Parma: "I danni da vaccini non esistono, sono fake news"

incontro

Burioni e i vaccini, pienone all'Università: "I danni non esistono, sono fake news" Video

natura

La superluna incanta (anche) Parma - Gallery 1 - Gallery 2- Invia i tuoi scatti

politica

Pizzarotti bacchetta (ancora) il M5s: "Attivisti chiamati al voto quando fa più comodo Video

anteprima gazzetta

Pensioni, quota 100: a Parma (ora) sono 2.600 Video

12Tg Parma

Tonnellate di rifiuti non autorizzati, sequestrata area a Sorbolo Video

2commenti

compiano

E' un 37enne il pedone investito e ucciso da un'auto a Sugremaro Video

CONDOMINI

Condannato l'amministratore Alberto Occhi. E spunta un altro maxi buco

5commenti

truffa

Come comportarsi quando il conto del condominio viene svuotato

traffico

Attivo definitivamente il varco ZTL2 tra borgo Giacomo Tommasini e via Nazario Sauro

1commento

Inchiesta

Lotta alla droga, che cosa fa la Polizia municipale?

13commenti

gazzareporter

"Invasione o allevamento?" Il video di un lettore dal prato delle nutrie

1commento

il caso

Bollette non pagate? Pioggia di raccomandate a Berceto. Ed è scontro con Montagna 2000

Interviene Confconsumatori: "Già inviata lettera". La replica della società

ABUSO D'UFFICIO

Assunzioni nelle partecipate, Piermarioli e Vento rinviati a giudizio

Polizia stradale

"Truck and bus", (con i controlli) la sicurezza sulle strade diventa europea

Beduzzo

Bocconi killer, cane salvato dal padrone

gazzareporter

Via Digione: campane di vetro o...carrozziere? - Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Via anche Honda, l'auto trema. E non solo per la Brexit

di Aldo Tagliaferro

EDITORIALE

Per Salvini i Cinque stelle si dimenticano il giustizialismo

di Vittorio Testa

1commento

ITALIA/MONDO

moda

Addio al "Kaiser" della moda - Lagerfeld e le sue muse, le foto

cassino

Omicidio di Serena Mollicone, gli investigatori: "Uccisa da Mottola"

SPORT

il caso

"Frasi sessiste", le scuse non bastano: la Rai sospende Collovati

12Tg Parma

Parma, oggi la ripresa. Malmesi: "obiettivo sempre stato la salvezza" Video

SOCIETA'

inchiesta

Truffa sui diamanti, maxi sequestro. Tra i clienti raggirati Vasco Rossi e la Panicucci

economia

Giorgia, family banker: da Compiano al set di Armando Testa

MOTORI

MOTORI

Nuova Ford Focus ST

ANTEPRIMA

DS3 Crossback: il Suv di lusso si fa compatto