EDITORIALE

Crisi libica: l'Italia deve esporre la bandiera

Crisi libica: l'Italia  deve esporre la bandiera
Ricevi gratis le news
1

L’epilogo di questa estate burrascosa ci porta l’acuirsi della crisi libica, con le milizie filo-Haftar a Tripoli, prossime al «compound» nel quale è asserragliato il governo Serraj, voluto dall’Onu e sostenuto dall’Italia. La nostra interfaccia in terra d’Africa.
La recrudescenza della guerriglia ha padre e madre e zia, facili da individuare: Francia (con il Regno Unito, la zia) ed Egitto, indubitabilmente promotori dell’offensiva che mette in un angolo gli amici dell’Italia e dell’Eni. Gli Stati Uniti di Trump ci sono a parole. Solo parole.
I fatti mostrano il fallimento della politica italiana. Né il faraone Al-Sisi né l’alleato Macron recedono dai loro fini. In gioco ci sono il petrolio libico e gli assetti strategici del Nord-Africa. Non dimentichiamo che la Francia è titolare di un invidiabile e irraggiungibile pacchetto di relazioni europee e africane. Al-Sisi è al centro della strategia di contrasto delle pulsioni estremistico-terroristiche diffuse (e non dome) nell’Islam.
È inutile menar fendenti a destra e a manca, come se la politica internazionale fosse il gioco «della pentolaccia». In Europa, gli amici politici del governo italiano sono nel gruppo di Visegrád, di coloro che si oppongono a qualsiasi solidarietà nell’accoglienza dei migranti. Gli altri, soprattutto Parigi, non retrocedono di un passo (anche se la posizione dell’Unione sulla legge di stabilità contiene inattese e solide aperture: la sensazione è che nei ministeri chiave nessuno legga le carte e che quindi nessuno maneggi i dossier). Intanto, l’influenza francese nei gangli finanziari del bel Paese può crescere ulteriormente con l’esplosivo possibile accordo Société générale-Unicredit.
Perciò, oggi, è difficile iniziare un discorso costruttivo con i francesi sulla Libia. Gli ultimi eventi con l’avanzata delle milizie a Tripoli, con la possibile caduta della nostra ambasciata, l’occupazione dei ministeri e la fine del governo Serraj ci impongono una reazione. Se vogliamo contare al tavolo in cui si definirà il futuro della Libia, non possiamo essere timidi e rinunciatari. E di fronte al mondo arabo non possiamo apparire fedifraghi (abbandonando Serraj) o inaffidabili per timidezze antiche e nuove.
In questi casi, quando mancano gli strumenti della diplomazia, «si espone la bandiera». Si utilizza cioè lo strumento militare. Tanto è vero che ieri Palazzo Chigi ha fatto filtrare la notizia che è in preparazione una «task force» col compito di difendere l’ambasciata e il governo Serraj. Una decisione obbligata che presenta alcuni rischi soprattutto se non viene schierata una squadra navale. Abbiamo due portaerei moderne (Cavour e Garibaldi, una terza, Giulio Cesare, più potente, in costruzione) che possono alternarsi in prossimità di Tripoli. Con droni, elicotteri e aerei, con il battaglione San Marco e il Col Moschin, possono assicurare quella difesa avanzata (invulnerabile dai ribelli) di cui nello scacchiere abbiamo necessità.
Se la missione sarà sostenuta politicamente, essa costituirà il modo di arrestare le milizie e realizzare quella conferenza sul futuro della Libia da cui non possiamo essere esclusi. E non essere cancellati dallo scacchiere, un tempo riservato a noi e poi sottrattoci dalla guerra contro Gheddafi. Il gioco è grosso e dobbiamo giocarlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    04 Settembre @ 18.34

    Giorgio R.

    Concordo e direi che da Sharcosí e poi Macron la Francia per certe cose non cambia mai

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa in ospedale per le terapie: "Non so se la chemio mi guarirà..."

La "lotta"

Nadia Toffa in ospedale per le terapie: "Non so se la chemio mi guarirà..."

E' morto il grande regista Eimuntas Nekrosius

TEATRO

Addio a Nekrosius. Dalla Lituania per la prima volta in Italia al Teatro Due di Parma Foto

YouTube come la tv, arrivano film interrotti dagli spot

Spettacolo

YouTube come la tv, arrivano film interrotti dagli spot

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la nuova classifica settimanale: scopri le new entry

WORLD CAT

Ecco la nuova classifica settimanale: scopri le new entry

Lealtrenotizie

Visite medico sportive, tempi lunghi

SANITA'

Visite medico sportive, tempi lunghi

In viale Mentana

Parrucchiera derubata due volte in un mese

LAVORI

Via Europa, sottopasso chiuso

La storia

Michele e Paula, Olanda addio: Berceto è più «green»

Lutto

È morto don Carlo Pavani, pilastro del San Benedetto

SCANDALO DEL SANGUE

Trentacinque anni fa la trasfusione infetta, ora i soldi dovuti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

FIDENZA

Causa un incidente e simula il furto della propria auto: denunciato

SALSO

Terme, il presidente Mondelli: «Nei prossimi anni 5 milioni di euro di investimenti»

METEO

Maltempo anche mercoledì, tregua giovedì poi nuova perturbazione

L'EVENTO

Via D'Azeglio invasa per l'apertura di un negozio cult per i giovani Foto

calcio

Faggiano rinnova, sarà ds del Parma fino al 2020. Pizzarotti: "Con lui massima sintonia"

1commento

via dei mercati

Tenta la rapina (con un chiodo) al supermercato: la reazione della cassiera lo fa fuggire Video

1commento

F3

Sophia Floersch dopo l'operazione: "Grazie a tutti. E che telaio la Dallara..."

anteprima gazzetta

Dopo un secolo le Terme di Salso diventano private

Una ragazzina di 11 anni

Si sporge dalla finestra e resta sospesa nel vuoto

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lizhang e i tanti impegni disattesi

di Claudio Rinaldi

1commento

BACHECA

Ecco 55 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

maltempo

Spaventosa tromba d'aria nel porto di Salerno: tanta paura e danni (fortunatamente) limitati Video

USA

I messicani a Tijuana contro la carovana di migranti, "fuori" Video

SPORT

12 tg parma

Mercato, al Parma piace Ounas del Napoli Video

Gallery sport

MotoGp: è già 2019

SOCIETA'

gossip

Belen presenta il suo "playboy", Mirco Levati

3commenti

rock

Immortali e strepitosi Rolling Stones: in tour negli Usa la prossima estate Le date

MOTORI

IL TEST

Bmw X5, atto quarto: lusso senza compromessi

moto

Honda CBR1000RR 2019, elettronica evoluta