11°

EDITORIALE

Pietro Barilla, storia di un padre

A 25 anni dalla scomparsa

Pietro Barilla, storia di un padre
Ricevi gratis le news
1

Ricorre oggi il venticinquesimo anniversario della scomparsa di Pietro Barilla. Chi sia stato quest’uomo, e quale importanza abbia avuto per la città - ma, in realtà, per tutta Italia - non lo debbo certo spiegare io ai parmigiani. Ha creato quella che oggi è la più grande industria di pasta del mondo, ha cambiato il modo di fare pubblicità sapendo dialogare con artisti geniali, è stato forse l’unico imprenditore italiano a riacquistare l’azienda di famiglia dopo che era diventata americana, ha finanziato e promosso opere di interesse collettivo per la comunità, come la Facoltà di Ingegneria al Campus universitario. Si potrebbero aggiungere tante cose ancora.

Ma ricordare Pietro Barilla solo come un grande imprenditore, sia pure illuminato, sarebbe riduttivo. Cerco di spiegarmi.

Venerdì, allo stabilimento di Pedrignano, c’è stato un evento in sua memoria: il primo, dal giorno della sua scomparsa. Ne abbiamo dato notizia sulla Gazzetta di ieri. Ecco, di quella mattinata due cose mi sono rimaste impresse.

La prima è la grande scritta all’ingresso della tensostruttura: «Tutto è fatto per il futuro». È una frase di Pietro Barilla, o meglio è la prima parte di una sua frase, che si concludeva così: «Andate avanti con coraggio». Sembrano parole scontate, ma non lo sono. Oggi, drammaticamente, non lo sono più.

La proiezione verso il futuro appartiene alla natura dell’umano, non si fa nulla solo per l’oggi: si fa, si opera, si ama e perfino si soffre sempre in vista di un bene futuro. Tutti gli organi di senso di un essere umano sono posti, dalla Natura, nella parte anteriore, perché l’uomo è fatto per il futuro, perché l’uomo è sempre proiettato in avanti.

Nulla ha senso se si pensa che possa finire; se non si crede che possa portare, domani, a un bene più certo e più grande. L’umanità si è evoluta per questo, per il futuro: paradossalmente, anche quando si sono scelte strade sbagliate, le si sono imboccate pensando che potessero portare a una meta desiderata. L’umanità si è evoluta perché per migliaia e migliaia di anni si è pensato alle generazioni future: si è cominciato a costruire qualcosa non solo per se stessi, ma per lasciarlo ai figli e ai nipoti. Pensate alle grandi cattedrali del Medioevo: occorrevano secoli per edificarle, e chi ne cominciava l’opera sapeva bene che non ne avrebbe vista la fine: ma lavorava ugualmente, mosso da una fede, da una certezza che la storia, la vita ha uno sviluppo e un senso.

Oggi non è più così. La famosa frase di De Gasperi («Un politico guarda alle prossime elezioni, uno statista guarda alla prossima generazione») è oggi tragicamente attuale. E non solo nella politica. Si fa tutto per goderne qui ed ora, al massimo appunto si guarda alle prossime elezioni, ma manca una visione perché manca la fiducia, manca la speranza. Ed è qui che diventa attualissima anche la seconda parte della frase di Pietro Barilla: «Andate avanti con coraggio». È una frase che va ripetuta, anzi urlata oggi ai nostri ragazzi, spesso così disorientati in un mondo che pare non abbia più punti di riferimenti; spesso così demoralizzati, spesso così confusi al punto da non sentire neppure un desiderio sul «cosa farò da grande». Sono sfiduciati, questi ragazzi, per colpa nostra, perché siamo noi - la generazione precedente - a scoraggiarli, a dire che siamo in un mondo che fa schifo, siamo noi a far credere loro che non c’è futuro. Ecco, questi ragazzi avrebbero bisogno di padri come Pietro Barilla, padri che dicano loro: «Tutto è fatto per il futuro. Andate avanti con coraggio».

E qui, parlando di padri, vengo alla seconda delle due cose che mi sono rimaste impresse, venerdì mattina, a Pedrignano, durante l’evento in memoria di Pietro Barilla. Sono le lacrime di commozione dei figli Guido, Paolo e Luca. Non si piange a comando, e se anche grandi imprenditori non riescono a nascondere la commozione quando si parla, in pubblico, del papà, vuol dire che loro padre non è stato solo un grande imprenditore, è stato anche un grande padre. Ed è così difficile, oggi, fare il padre.

Pietro Barilla lo è stato per tanti, un padre: per i suoi figli, per i vecchi dipendenti che erano lì anche loro, venerdì a Pedrignano, con gli occhi lucidi; per tutta Parma, che lo chiamava, molto semplicemente, «il signor Pietro». Ecco di cosa avrebbe bisogno, l’Italia di oggi, più di che manovre economiche o ribaltoni politici: di tanti nuovi «signor Pietro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • fausto

    17 Settembre @ 10.21

    Per quel poco che vale mi associo alle considerazioni del Direttore, alle sue esortazioni verso i giovani e ai suoi auspici relativamente alle azioni dei politici. Sempre per quel poco che vale ho già scritto tante volte a questo Giornale, per ora invano, ma facendo tesoro delle parole del Signor Pietro non mi perdo di fiducia, proponendo di intitolare Piazzale Santa Croce a Pietro Barilla. Ritengo che sia poca cosa, ma che abbia anche da un punto di vista simbolico un valore importante per ognuno di noi che, transitando, sarebbe portato a ricordare che il Signor Pietro è andato avanti con coraggio ed è riuscito a realizzare imprese che quasi tutti credevano impossibili e che in tanti sconsigliavano vivamente. Il messaggio è particolarmente importante oggi poiché tendenzialmente siamo portati a pensare che in Italia ed in particolare a Parma non ci siano sbocchi e che sia meglio andarsene via. Vedendo la scultura al centro del Piazzale magari saremmo anche portati a pensare che ognuno di noi può collaborare a rendere più accogliente la propria città. Naturalmente in pochi sono chiamati a fare grandi cose per la propria città, per contro ognuno di noi può fare tante piccole cose utili per non peggiorarla e mantenerla ordinata e pulita Concludo dicendo che a piazzale Santa Croce, una volta diventato Piazzale Signor Pietro, aggiungerei la frase che Lei citava e che è stata posta all'ingresso dello stabilimento Barilla «Tutto è fatto per il futuro, andate avanti con coraggio» Grazie e cordiali saluti Fausto Sabini

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

Adriano Panatta e Serena Grandi

Adriano Panatta e Serena Grandi

GOSSIP

Serena Grandi: "Storia d’amore segreta con Panatta durata 2 anni»

Musica: Laura Pausini trionfa ai Latin Grammy Awards

musica

Laura Pausini trionfa ai Latin Grammy Awards

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cucina di casa alla parmigiana con fantasia

CHICHIBIO

Trattoria Vigolante: cucina di casa alla parmigiana con fantasia

Lealtrenotizie

«Noi, narcotizzati e derubati»

NOTTE DI PAURA

«Noi, narcotizzati e derubati»

soragna

Tragedia a Diolo, auto in un canale: muore il 36enne Simone Sorrenti

Lutto

Oltretorrente, si è spento il sorriso di Patrizia Fochi

gazzareporter

L'incivile di via XXII Luglio colpisce ancora: in diretta video

WEEKEND

November Porc, foto in mostra e tanta musica: l'agenda del sabato

Sanità

Sempre più casi di sifilide tra i giovani. Anche la scabbia è ricomparsa

In centro storico

Il declino di via Garibaldi. E la voglia di rilancio

Emergenza

Contro l'arrembaggio dei furti: più pattuglie in strada e posti di blocco

GUIDA MICHELIN

Parma stabile nella Bibbia del gusto

INCENDIO A SORBOLO

«Ecco come siamo stati strappati dalle fiamme»

SORAGNA

Immunologia, premi al top per Alberto Mantovani

gazzareporter

Vetro del bus in frantumi: paura sul bus numero 12

1commento

gazzareporter

Anche stasera, in zona Cittadella, ci sono strade al buio: pericoli e...paura

1commento

AUDITORIUM PAGANINI

Guida Michelin: Napoli e la Lombardia i più stellati. Il Sud batte il Nord. Le "stelle" parmigiane restano quattro. Le 29 new entry 

A Piacenza la presentazione della Guida nel 2019, grande evento europeo a Parma nel 2020

2commenti

GENOVA

Ponte Morandi: la Pizzarotti e la Siag di Danilo Coppe fra le 10 aziende contattate per la ricostruzione

Lettera anche per il gruppo Fagioli

PARMA

Ladri dal parrucchiere: rubati tablet e monitor in viale Mentana

E' il secondo furto nel giro di una settimana

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit: la May si è cacciata in una strada senza uscite

di Paolo Ferrandi

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

2commenti

ITALIA/MONDO

usa

In California 71 vittime degli incendi e oltre mille dispersi

FOLGARIA

Ammazza il figlio della compagna e si uccide

SPORT

sci

Razzoli: "In due anni voglio tornare competitivo senza trascurare la mia acetaia"

gossip

Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez vicini alle nozze Foto

SOCIETA'

Tabacco

Gli Stati Uniti verso la messa al bando delle sigarette al mentolo

Irlanda

Stupratore assolto, protesta: deputata mostra un tanga in Parlamento

MOTORI

AMBIENTE

In Emilia Romagna 596 auto elettriche (+19,7% rispetto al 2016). Parma è quarta

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni