-0°

EDITORIALE

Perché fidarsi (ancora) dell’ospedale di Parma

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
1

Possiamo ancora fidarci dell’ospedale di Parma, dopo le inchieste Pasimafi e Conquibus? Mercoledì scorso il direttore generale Massimo Fabi, parlando davanti a circa quattrocento dipendenti preoccupati, ha detto fra l’altro che fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce. È un vecchio detto, tante volte e in tante occasioni ripetuto, ma non per questo meno vero.
È certo che l’ospedale di Parma sia una foresta che cresce, con tanti reparti che funzionano benissimo e tanti professionisti che vi lavorano con serietà, competenza, dedizione: tanti professionisti che non guardano mai l’orologio. È altrettanto certo che in questi ultimi anni tanti passi in avanti siano stati compiuti (Fabi li ha ricordati, nel discorso di mercoledì). Eppure, bastano poche persone che sbagliano (sul “se” e sul “come” deciderà la magistratura) per ingenerare una diffusa sensazione di negatività, di preoccupazione. Sono preoccupati, per primi, i medici dell’ospedale: preoccupati dal fatto che possano essere preoccupati i pazienti, se mi si passa il gioco di parole. Perché? Perché nell’immagine collettiva un errore prevale su mille cose buone? Perché è vero che «fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce».
Ogni tanto qualche lettore mi scrive: voi della Gazzetta date spazio solo alle brutte notizie, alle cose negative. Non è vero, anzi da un punto di vista quantitativoè clamorosamente vero il contrario. La maggior parte delle nostre pagine è riempita da buone notizie, o quantomeno da cronache di vita normale: la cosiddetta cronaca bianca, l’economia, lo sport, gli spettacoli, la cultura, il volontariato, le feste, le fiere, i viaggi. Anche per quanto riguarda l’ospedale, di ogni intervento difficile eseguito con successo a Parma diamo notizia, delle nuove iniziative per i pazienti diamo notizia, di ogni eccellenza (e ce ne sono tante) diamo notizia. La verità è che i lettori, compresi quelli che mi scrivono dicendo che diamo solo cattive notizie, sono portati a fermare l’attenzione appunto solo, o innanzitutto, su quelle, sulle cattive notizie. È naturale che sia così. Perché, appunto, «fa più rumore...».
Questo vale per tante categorie umane. I medici venduti alle case farmaceutiche, i preti pedofili, i politici corrotti, i giornalisti contaballe, i commercianti evasori fiscali, i banchieri usurai, e così via. Si divide l’umanità in categorie, senza considerare che ciascuno è innanzitutto se stesso. E senza considerare che non solo non tutti i medici sono venduti, non tutti i politici sono corrotti eccetera: ma anche senza considerare che pure ogni singola persona non è, non può essere “sempre” onesto o disonesto. «La linea di demarcazione fra il bene e il male non è fra un gruppo di uomini e un altro gruppo di uomini, ma all’interno del cuore di ciascun uomo», diceva sant’Agostino.
Dubitare dell’ospedale di Parma è irragionevole: e, mi permetto di dire senza voler offendere nessuno, chi dubita non sa o finge di non sapere che cosa sono e come funzionano gli ospedali di gran parte delle altre regioni italiane. La sanità emiliana è una delle migliori del Paese, prova ne sia che molti vengono da fuori per farsi curare qui, qui a Parma voglio dire. Sarebbe contraddittorio se proprio chi vive qui non avesse fiducia nel suo ospedale, dico “suo” perché un ospedale appartiene a tutta la comunità.
PS: Il 9 aprile scorso, un lunedì, mi sono rotto in più punti una gamba. L’ambulanza mi ha portato al Gaetano Pini, dove mi hanno ricoverato verso le nove di sera. La mattina dopo, il primario del mio reparto è stato arrestato con accuse simili a quelle mosse nell’inchiesta Conquibus. Qualcuno mi ha suggerito di firmare e di cambiare ospedale. Non l’ho fatto, perché il Gaetano Pini è uno dei migliori ospedali ortopedici di Milano, e tale restava anche se un suo medico era agli arresti. Sono rimasto, e la mattina di mercoledì sono stato operato da un allievo del primario arrestato. Mi sono fidato, e credo che la mia fiducia sia stata ragionevole. La stessa ragionevolezza che penso debba avere oggi chi si rivolge all’ospedale di Parma.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • danila

    15 Ottobre @ 12.45

    opinioni

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Flashdance,  il sogno anni '80 contagia tutti

Teatro Regio

Flashdance, il sogno anni '80 contagia tutti Le foto

Queen: "We will rock you", nuova data a Parma l'11 aprile

Foto d'archivio

Teatro Regio

"We will rock you": nuova data a Parma giovedì 11 aprile

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Maggiolino il culto dell'utilitaria hippy

C'ERA UNA VOLTA

Maggiolino il culto dell'utilitaria hippy Video

Lealtrenotizie

Dopo l'Appennino e la Pedemontana, la neve sta arrivando a Parma. Nevischio in A1 e A15 - Manda le tue foto

PARMENSE

Dopo l'Appennino e la Pedemontana, la neve sta arrivando a Parma. Allerta in A1 e A15  Manda le tue foto

Cinque centimetri di neve in Appennino, nevischio tra Fidenza, Parma e Bologna in A1

PARMA

Scontro auto-scooter in viale Partigiani d'Italia  Foto

ANTEPRIMA GAZZETTA

Ingoia un tagliaunghie: salvato un bimbo di 22 mesi Video

12tgparma

Ladri-vandali devastano la sede della squadra di calcio del Felino Video

12 TG PARMA

Caso Pesci: il Comune di Parma chiederà di costituirsi parte civile Video

2commenti

LUTTO

Maria Gorreri stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

12tgparma

Parma facciamo squadra: 227mila euro per i bambini più fragili Video

salute

Alzheimer, all'Università di Parma 200mila dollari per una ricerca sulla proteina "sospetta"

BALI LAWAL

Da top model a operatrice culturale: «Insegno ai giovani ad essere liberi» Foto

carabinieri

Sorpreso a spacciare in stazione e arrestato (dopo colluttazione)

MALTRATTAMENTI

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

Romagnosi

«La mia civetta? Un simbolo dell'antica Grecia»

bardi

Fiamme in un'abitazione: due intossicati da fumo e casa parzialmente inagibile Foto Video

SPACCIO

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

fidenza

Violenza sessuale sulla figlia dell'ex compagna: operaio finisce in carcere

GOVERNO

Il Viminale sblocca fondi per edifici pubblici e strade: 2,6 milioni di euro a 42 Comuni del Parmense

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il ritorno di Berlusconi. La sua sfida più difficile

di Luca Tentoni

1commento

ECONOMIA

Dove investire nel 2019? I suggerimenti di Amundi

ITALIA/MONDO

malattie

Influenza, mezzo milione di casi in una settimana: siamo vicini al picco

Salute

Troppi fritti potrebbero aumentare il rischio di morte

SPORT

Baseball

Marc Andrè Habeck è un giocatore del Parma Clima

CALCIO

Salvini: Milan-Napoli, si giocherà senza limitazioni

1commento

SOCIETA'

Regione Lombardia

Fido potrà essere tumulato nella stessa tomba del padrone

SPECIALE SPOSI

Un’organizzazione ideale per la giornata più bella

MOTORI

MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

MOTO

Kawasaki W800, il ritorno al Motor Bike Expo