13°

EDITORIALE

Non si può pensare solo agli impegni elettorali

Non si può pensare solo agli impegni elettorali
Ricevi gratis le news
1

Vinte le elezioni e giunti al potere, 5 Stelle e Lega (i cui programmi sono molto più compatibili tra loro di quanto si pensasse) non hanno imboccato la via della responsabilità scelta da tutti i governi italiani dal 1861 a ieri (a parte l’interruzione fascista), cioè di conformare l’attuazione dei programmi elettorali alle concrete possibilità concesse dalla situazione del Paese (finanza pubblica, bilancio, economia, esigenze sociali). Hanno deciso di onorare integralmente le promesse formulate prima del 4 marzo, dal reddito di cittadinanza (una frase, non di più) alla flat tax e al condono fiscale mascherato, sino a trovarsi, in questi giorni, incastrati tra tre vincoli contraddittori: gli impegni elettorali; il deficit e il debito pubblico; l’Unione europea.
Partiamo da quest’ultimo, che, in definitiva, è il più conflittuale, dato che ha una caratteristica specifica, quella dell’insuperabilità, a meno di un cedimento delle autorità comunitarie. Il vicepresidente Di Maio afferma che non si piegherà ai numerini. I numerini, invece, sono miliardi, cioè un dato di fatto inoppugnabile al quale non si può opporre nient’altro che l’illusione del rifiuto della realtà. Il presidente del consiglio Conte e il ministro dell’economia Tria continuano a ripetere che intendono spiegare a Bruxelles le ragioni che presiedono all’aggiornamento del Def e, quindi, alla nuova legge di stabilità.
Sanno bene che non c’è nulla da spiegare: i numerini sono in contrasto con il «Fiscal compact» e un’altra paccata di accordi sottoscritti (e ratificati) dalla Repubblica italiana, non da rappresentanti senza poteri. E sono altresì in contrasto con le intese raggiunte negli anni scorsi che avevano lo scopo di garantire la continuità di un percorso verso il pareggio di bilancio e il rientro (lento, ma sicuro) dal debito. Una continuità decisa e accettata dalle parti nell’interesse italiano e comunitario, giacché il sistema, dopo tanti anni, ha raggiunto un livello di integrazione tale da determinare la traslazione ai partner degli effetti negativi che si manifestano in uno stato. Una contiguità ormai infrangibile, a meno di svolte traumatiche come la Brexit (i cui effetti non si sono ancora diffusi).
Nei giorni scorsi, Mattarella ha visto Draghi, in un incontro privato, tuttavia reso pubblico e ufficiale. Immaginabile l’argomento: i rischi per l’Italia e l’Unione della manovra delineata dal governo Conte. E, sabato scorso, proprio Mario Draghi, l’italiano alla testa dell’istituzione più potente d’Europa, ha suggerito di abbassare i toni e di cercare un compromesso.
Le ultime notizie, provenienti dal consiglio dei ministri di ieri, non danno speranze. La ragionevolezza non sembra insinuarsi nella mente di Salvini&Di Maio, presi da una sorta di gara sulla fermezza rispetto alle indicazioni europee e non solo, visto che una serie di autorità indipendenti nazionali (Corte dei conti, Banca d’Italia, Inps) hanno dimostrato incongruenze e criticità del Def aggiornato.
Poiché i tre vincoli (promesse, finanza pubblica, Europa) non sono contemporaneamente rispettabili, il governo sembra avere compiuto la sua scelta: ne rispetterà uno solo: gli impegni elettorali. Al diavolo bilancio e debito pubblico nazionali. Al diavolo i vincoli europei. Al diavolo i rischi per gli italiani, consumatori, dipendenti pubblici e privati, imprenditori.
Se lassù qualcuno ci ama, prima della fine di questa assurda storia, qualcun altro, tra Palazzo Chigi, Viminale e via Veneto (ministero del Lavoro), dovrebbe rinsavire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    17 Ottobre @ 11.42

    è vero che ormai quelli che hanno la faccia di bronzo imperano.....ma se si prende un impegno va mantenuto. Diciamo che da sempre ci hanno preso per i fondelli, ovvero promesse e programmi mai mantenuti. Per non parlare di quelli che ci sono stati dal 1861 sino a fine seconda guerra mondiale.... quelli hanno messo al governo il duce e hanno promulgato le leggi razziali ( giusto per citare due azioni di responsabilità per il paese )

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Adriano Panatta e Serena Grandi

Adriano Panatta e Serena Grandi

GOSSIP

Serena Grandi: "Storia d’amore segreta con Panatta durata 2 anni»

Musica: Laura Pausini trionfa ai Latin Grammy Awards

musica

Laura Pausini trionfa ai Latin Grammy Awards

Maneskin

Maneskin

MUSICA

Primo tour in Europa per i Maneskin. Ecco le date all'estero e in Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cucina di casa alla parmigiana con fantasia

CHICHIBIO

Trattoria Vigolante: cucina di casa alla parmigiana con fantasia

Lealtrenotizie

Michelin

AUDITORIUM PAGANINI

Guida Michelin: Napoli e la Lombardia i più stellati. Il Sud batte il Nord. Le "stelle" parmigiane restano quattro

A Piacenza la presentazione della Guida nel 2019, grande evento europeo a Parma nel 2020

2commenti

sorbolo

Svegliati del crepitio delle fiamme: scappano dalla finestra grazie a un muletto Video

via emilia

Tamponamento a San Prospero: tre auto coinvolte, lunghe code

PARMA

Ladri dal parrucchiere: rubati tablet e monitor in viale Mentana

E' il secondo furto nel giro di una settimana

1commento

ILLUMINAZIONE

Luci a led, strade più buie

7commenti

Violenza

Aggredì senza motivo un ragazzo: condannato il capo di una baby gang

1commento

INTERVISTA

Malmesi: «Il Parma è sano. Noi di passaggio»

LUTTO

Fede e impegno, addio alla «prof» Onelia Ravasini

AUTOSTRADA

Incidente: coda in A1 fra Campegine e Parma questa mattina

Autocisterna si rovescia in A13: gasolio sulla carreggiata da ieri sera fino a questa mattina

FIDENZA

Addio allo storico meccanico di biciclette Paolino Pellegrini

Carcere

Cavalieri: «Il mio impegno per i detenuti nei prossimi cinque anni»

PARMA

Si è insediato il nuovo Consiglio provinciale: il presidente Diego Rossi ha giurato

Oggi a Palazzo Giordani la convalida degli eletti e il giuramento del presidente

1commento

in serata

(Ancora) Auto parcheggiata male crea il caos in stazione

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit: la May si è cacciata in una strada senza uscite

di Paolo Ferrandi

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

1commento

ITALIA/MONDO

ARTE

Hockney da 90 milioni di dollari: record per un artista vivente

STATI UNITI

Bufera su Facebook: ignorò gli allarmi su russi e furto di dati Video

SPORT

gossip

Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez vicini alle nozze Foto

CALCIO

Lizhang verso l'acquisizione del Tondela in Portogallo Video

1commento

SOCIETA'

Tabacco

Gli Stati Uniti verso la messa al bando delle sigarette al mentolo

Irlanda

Stupratore assolto, protesta: deputata mostra un tanga in Parlamento

MOTORI

PRIMO TEST

Nuova BMW X5: gli highlights  fotogallery

IL TEST

Jeep Compass, il Suv buono per tutte le stagioni