-1°

EDITORIALE

I presepi a scuola non escludono nessuno

I presepi a scuola non escludono nessuno
Ricevi gratis le news
8

Chissà se il poverello di Assisi, quando quasi ottocento anni fa fece il primo presepe della storia a Greccio, avrebbe mai immaginato che il suo gesto sarebbe stato così “divisivo”. Probabilmente no, se è vero come è vero che la “campagna” contro il bimbo, l'asinello e il bue è frutto solo di un malinteso senso del politicamente corretto. Da Gesù che nella canzoncina di un asilo diventa Perù (per non perdere la rima), al prete padovano che intima ai filo leghisti di non allestirlo in casa propria, alle scuole venete che ci rinunciano «per non turbare gli alunni di altre religioni», per il povero presepe non sono belle giornate. Proprio oggi, giorno dell'Immacolata, che come vuole la tradizione ci si dovrebbe mettere al lavoro con statuine, muschio e ghiaietta.
Ne parliamo nelle pagine 14 e 15 dedicate al tema della settimana, nelle quali Luca Molinari racconta come, per fortuna, a Parma l'ostracismo alla Sacra Famiglia non è arrivato e al quale il vescovo Solmi ha detto che il presepe «è un segno che non discrimina nessuno perché è allo stesso tempo cristiano e universale».
E a Chiara Cacciani Mohamed Amin Attarki, una delle voci più attive della comunità musulmana in città, ribadisce che «non capiamo perché in alcune scuole vogliano cambiare le abitudini. O meglio, ce lo siamo chiesti: indagando un po' abbiamo verificato che spesso a sollevare la questione sono presidi o insegnanti atei».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • simone

    10 Dicembre @ 09.33

    Al signor Oberto vorrei dire che essere cristiano non è solo una questione di domeniche in chiesa o di sacramenti e cerimonie. La cristianità è la nostra storia, e riflette il nostro modo di essere e di pensare. È sufficiente aprire un libro di storia per rendersene conto. Uno può essere ateo finché vuole, ma la cristianità ci ha plasmati, cosi ad esempio difendere i bambini o i vecchi è un concetto che deriva dal cristianesimo. Ora Oberto lei può essere ateo al 100% ma nella sua scala di valori il cristianesimo c'entra lo stesso. E non fare il.presepe significa sputare sulla nostra storia e in un ultima analisi sul nostro modo di intendere l'etica e la vita.

    Rispondi

    • olderthanpilotta

      10 Dicembre @ 14.09

      A corollario di quanto scrive Simone, vorrei ricordare le parole di Sandro Pertini, per me (vecchio socialista) figura politica di ineguagliata - e, probabilmente, ineguagliabile - caratura etica e morale. A chi si meravigliava del fatto che lui, non credente, non avesse tolto il crocefisso dal suo studio al Quirinale, Pertini rispose: "Non l’ho fatto e non lo farei mai per due motivi. Primo perché ho un grande rispetto ed una profonda ammirazione per quell’uomo finito sulla croce per dire cose giuste; secondo perché quel Crocefisso è da molti amato e venerato".

      Rispondi

    • salamandra

      10 Dicembre @ 13.31

      Io non sono per niente ateo. Tuttavia sono perfettamente in linea con Oberto. Lo stato DEVE essere laico e quindi via ammenicoli religiosi vari anzi auspico una legge come quella francese sui simboli religiosi. Se poi aprisse un libro di storia anche lei, potrebbe scoprire come la chiesa cattolica abbia avuto in passato le mani ben lorde di innocenti altro che la tutela di bambini e vecchi.

      Rispondi

  • Alberto

    09 Dicembre @ 17.33

    In Italia siamo nel 2018. Da quando si è cominciato a contare? Dalla nascita di Gesù. Quindi è successo un evento straordinario per i popoli. Potremmo essere nel 1439 secondo il calendario islamico, o nel 2564 secondo i buddisti oppure nel 5764-5 degli ebrei. Questo per considerare quanto le nostre radici cristiane siano fondamentali e vanno tutelate e difese dagli attacchi di persone ignoranti che non vogliono conoscere la storia.

    Rispondi

    • salamandra

      10 Dicembre @ 13.37

      Beh i giorni della settimana e alcuni mesi si chiamano coi' in onore di divinita' dell'antica Roma quindi non mi sembra un argomento solidissimo il suo...

      Rispondi

  • Indiana

    09 Dicembre @ 11.06

    Indiana

    Come facente parte delle "altre religioni",anche se la mia esisteva ben prima delle altre preghiera risalente all'età del bronzo,confermo che mai in vita mua,né a scuola né altrove,sono stata "turbata" alla vista di un presepe. Sebbene i cristiani siano stati i persecutori di quelli come me, e abbiano addirittura copiato e sostituito le nostre feste (Natale é solo la sovrapposizione del nostro Yule, Natività anche per noi), so benissimo che il povero Gesù non c'entra nulla e l'immagine di una natività,circondata anche dall'amore degli animali come il bue e l'asinello,non può che essere bellissima. Il problema,secondo me, non é dei non cristiani ma di gente con seri problemi che vede nella nascita di un bambino una minaccia

    Rispondi

  • Oberto

    09 Dicembre @ 08.36

    io non sono certo mussulmano , ma la scuola statale deve essere laica , quindi via crocefissi e presepi. Per non parlare del fatto che le religioni sono tutte uguali e sono veramente l'oppio del popolo.

    Rispondi

  • Biffo

    08 Dicembre @ 18.06

    Io però preferirei che non si allestiscano presepi nelle scuole, se non in quelle confessionali. E ricordo che Gesù per i musulmani è l’ultimo grande profeta prima di Maometto, così come Maria è una delle tre donne sacre dell’Islam.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dopo il Grande Fratello: Benedetta Mazza torna in studio con Stefano Sala. E a Milano ritrova Veronica Ruggeri

TELEVISIONE

Benedetta Mazza torna in studio con Stefano. E a Milano ritrova Veronica Ruggeri Foto

Bagno di folla per Laura Pausini in piazza Duomo a Milano: foto

MUSICA

Bagno di folla per Laura Pausini in piazza Duomo a Milano Foto

Sanremo Giovani: esclusa Laura Ciriaco, troppe somiglianze con una canzone di Jason Mraz

Foto dalla pagina Facebook di Laura Ciriaco

MUSICA

Sanremo Giovani: esclusa Laura Ciriaco, troppe somiglianze con una canzone di Jason Mraz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

WORLD CAT

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

Lealtrenotizie

Mario Biondi al Regio con i Quintorigo Foto Guarda chi c'era

MUSICA

Mario Biondi al Regio con i Quintorigo Foto Guarda chi c'era

PARMA

Legionella, controlli serrati dopo i nuovi 5 casi in città Video

carabinieri

Il gestore della palestra si insospettisce: incastrato il ladro seriale degli spogliatoi

12tgparma

Meteo, arriva la neve. Notte con gelate e minime sotto lo zero Video

vincita

La dea bendata fa una super tappa in via Monsignor Colli: "grattati" 500.000 euro

incidenti

Due auto fuori strada a pochi minuti di distanza: due feriti, uno è grave

FIDENZA

Scontro sulla via Emilia: tre feriti

Formaggio

Un «regalo» al Grana Padano danneggia il Parmigiano Reggiano

1commento

Anolini

Le ricette dei cuochi e la sfida: con stracotto o pane e formaggio?

3commenti

GAZZAREPORTER

"Le luci dell'Oltretorrente"

SANITA'

Quasi 9mila candidati al concorso per 7 posti da infermiere (due a Parma)

Il concorso è in programma lunedì e martedì a Piacenza

2commenti

I consigli

I carabinieri ai cittadini: «Se vedete qualcosa di sospetto, telefonate»

1commento

festa

Parma calcio, buon Natale con gli sponsor (tifosi) Foto

12tgparma

Parma, ballottaggio Biabiany-Siligardi. Mercato, spunta Hernanes Video

L'ESPERTO

L'accettazione dell'eredità. Tacita o espressa

LUTTO

Addio a Ettorina Campanini, una vita per gli studenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ma in famiglia il nemico è lo smartphone, non i compiti

di Patrizia Ginepri

NATALE

Due mesi di Gazzetta digitale con lo sconto del 50%

ITALIA/MONDO

Austria

Triplice omicidio in un castello: arrestato un conte

RETROSCENA

Brexit, e adesso? Ecco i 6 scenari possibili

SPORT

SERIE A

Il derby di Torino alla Juve. Decide CR7 su rigore

SONDAGGIO

La punizione più bella della storia recente del Parma? E' quella di Bruno Alves Video

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Regali di Natale: ecco quelli smart

CURIOSITA'

La cometa di Natale oggi "sfiorerà'' la Terra: tutti a naso all’insù

MOTORI

SUV

Audi Q3, 5 stelle (e 4 nuovi motori)

IL TEST

Honda CR-V diventa ibrida E cambia le regole