EDITORIALE

La lezione di Parma a un Paese sfiduciato

La lezione di Parma a un Paese sfiduciato
Ricevi gratis le news
4

Scrivo dallo stand della Gazzetta in piazza Garibaldi, poco dopo l’accensione dell’albero di Natale. È stata una bellissima giornata. Da metà mattina, fino a pochi minuti fa, questa piazza è stata quella che una volta erano le piazze: luoghi di incontri, di discorsi, di progetti, di compagnia. Insomma l’anima di una città.

C’eravamo noi della Gazzetta e di 12 Tv Parma, con tanti dibattiti e interviste (ne trovate ampi resoconti in cronaca); c’era il Parma Calcio, con i suoi dirigenti, il grande capitan Lucarelli e i bambini che giocavano a pallone su un improvvisato campetto; e c’erano, sotto i portici, quelli di Parma Facciamo Squadra, che in un’ora sola, di mattina, hanno esaurito tutta la prima scorta di anolini confezionati per beneficienza: ben tre quintali e mezzo. Si è dovuto attendere il pomeriggio perché arrivasse il rifornimento. I parmigiani hanno risposto in tantissimi, e con grande tempestività ed entusiasmo, a questa gara di solidarietà.

Trovo che questa idea degli anolini sia straordinaria.

Perché se lo scopo era quello di finanziare le associazioni che si prendono cura dei bambini sfortunati, sarebbe stato sufficiente organizzare una raccolta di denaro.
E invece no, lo scopo era duplice: aiutare i bambini bisognosi, certo, ma anche coinvolgere chi non è bambino e non è bisognoso, chiedere il suo tempo, la sua partecipazione. E così, per quarantott’ore consecutive, alla Protezione Civile, trecentossessantacinque volontari si sono alternati per confezionare centomila anolini, e altri volontari sono andati in piazza per venderli, e altri parmigiani hanno fatto la fila per comprarli.
Così, tutta la città è stata coinvolta; così, tanti uomini e donne hanno donato il loro tempo, molto più difficile da donare che qualche euro. E chi ha donato, lo ha fatto con gioia. Ecco perché dico che è stata una bellissima giornata: perché c’era gioia, in piazza, e non solo perché si accendeva l’albero di Natale, e non solo perché il centro era vivo come vorremmo sempre vederlo vivo. È stata una bellissima giornata perché la gente è tornata a casa contenta.
Non vorrei passare per pazzo, ma credo che ieri Parma abbia dato una lezione all’Italia. Non importa quanta Italia sia a conoscenza di quello che è successo ieri in piazza Garibaldi: importa che qualcuno abbia visto, e abbia trattenuto nel cuore un’emozione, una speranza. È un seme, che porterà frutto.
Il nostro è un Paese sfiduciato. L’altro ieri è stato pubblicato il cinquantaduesimo rapporto del Censis, ed è emerso che se nel 2017 il sentimento prevalente era il rancore, nel 2018 è stato la cattiveria. Siamo un popolo intristito dalla crisi, preoccupato per problemi che vediamo spesso più grandi di quello che sono in realtà: e quindi montano il rancore, la rabbia, la paura. E di conseguenza la cattiveria. E questo è un dato drammaticamente inedito, perché gli italiani avranno da sempre tanti difetti, ma non sono mai stati un popolo cattivo.
La crisi c’è stata, c’è tuttora, è vero, ma non siamo così malmessi come ce la raccontiamo. L’Italia è migliore della narrazione che ne abbiamo fatto - da molti anni - noi giornalisti; per non parlare della spazzatura e dell’odio che circolano sui cosiddetti social. La crisi c’è, ma non la si risolve con il rancore e con la cattiveria. Né la si risolve illudendoci che qualcuno - voglio dire, qualcuno di «altro da noi» - prenda in mano la situazione e faccia il miracolo.
La si risolve, invece, come il microcosmo di Parma ha indicato in questi giorni: facendo squadra, assumendosi ciascuno una responsabilità, comprendendo che siamo tutti su una stessa barca e avendo la convinzione che, per quanto le acque possano essere agitate, ce la possiamo fare, anzi ce la faremo.
Parma è stata, in queste ore, una comunità: ed è questo senso di appartenenza a un comune destino la medicina migliore per questo nostro grande, meraviglioso ma depresso Paese.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • davide

    11 Dicembre @ 00.16

    Non c ero , ma le assicuro che leggere qualche riga di ottimismo e belle notizie aiuta, e anche tanto, a distrarsi dal bombardamento quotidiano di lamentele, critiche e negatività che si leggono ovunque...

    Rispondi

  • Viola

    10 Dicembre @ 17.31

    Quando la gente capirà che lo Stato siamo noi e che ciascuno deve fare la propria parte con onestà e rispetto delle regole, saremo certamente un Paese migliore. Ma bisogna crederci e per crederci c'è bisogno di fiducia ed un minimo di ottimismo che certo i media, in genere, non contribuiscono a creare.

    Rispondi

  • Giorgio

    10 Dicembre @ 14.33

    gioger@alice.it

    Che bello leggere editoriali come questo, libero dalle solite e inutili polemiche politiche!!!! Oltretutto con un po' di autocritica che non guasta mai. Se ognuno di noi capisse e pensasse anche ai propri errori e non solo a quelli degli altri sarebbe di sicuro una società migliore. Io sono "malato" di Parma (intesa come città oltre che squadra di calcio), e leggere articoli come questo non può che farmi piacere. Bravo Direttore!!!

    Rispondi

  • Enrico

    10 Dicembre @ 12.41

    Bravo! Racconto di cronaca pura senza deviazioni o risvolti politici... finalmente giornalismo!!!!!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Pronti per l’ultima stagione del Trono di spade? Ecco come prepararsi all’evento tra mappe interattive e le location della serie di culto_got

HI-TECH

Trono di spade: come prepararsi all’evento fra mappe interattive e le location della serie

Alseno: festa al Colle San Giuseppe. Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Alseno: festa al Colle San Giuseppe Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

IL MATCH DELLA FOLLIA

Il senegalese Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

Tribunale

Collecchio, condannato per stalking

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

TRIBUNALE

San Giovanni, entra in sagrestia e tenta di rapinare due monaci: condannato

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

1commento

JUNIORES

Insulti razzisti e rissa sugli spalti: 75 euro di multa per Marzolara e Fontanellato e fino a 6 turni di squalifica

FATTO DEL GIORNO

La "partita della vergogna", Brambilla: "Abbiamo un attaccamento esagerato per i figli: gli siamo troppo addosso"

1commento

Triste record

41enne parmigiana arrestata tre volte in dieci giorni

pablo

Polizia allertata dai consiglieri di quartiere: e i pusher scappano abbandonando le dosi

1commento

TEP

Dal fine settimana 9 nuovi bus sulle strade di Parma. Novità sul fronte filobus

3commenti

IL CASO

Pur di mettere nei guai l'amante della moglie, si autodenuncia e viene condannato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

ITINERARI VINTAGE

Il viaggio e l'avventura: l'età dell'autostop

di Italo Abelli

ITALIA/MONDO

BREXIT

La May ottiene la fiducia del Parlamento

MISTERO

Sequestrato un 45enne nel Bresciano: ricerche in corso

SPORT

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

IL VIAGGIO

Citroën: la C5 Aircross scalda i motori andando... al Polo Nord

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross