-2°

EDITORIALE

Poveri figli se i genitori rinunciano a educare

Poveri figli se i genitori rinunciano a educare
Ricevi gratis le news
6

«Quanto sei porca dopo una vodka». «Sono una m…, ragiono col c… oggi ti prendo domani ti lascio». «Sono scorcia-troie». Il ritmico ossessivo Trap di Sfera Ebbasta canta monocorde come un muezzin un gergo volgare di solitudini, prevaricazioni, insulti, alcol e droghe: non a caso il Trap è un sottogenere del Rap creato dagli spacciatori americani. Il furbo giovanotto di 26 anni sbucato dalle periferie milanesi ha una certezza: «Il mio pubblico ha un’età media di 13 anni: ma presto sarò l’idolo anche dei loro genitori». Esagerato? Si vedrà. Tralasciamo la tragedia di Corinaldo, lì sono scattate alcune concause ambientali tra le quali non vi è certo l’esibizione di Sfera Ebbasta. Quel che a molti preme di capire è se a tredici, quattordici, quindici anni sia giusto passare notti per immergersi in quel linguaggio, in quella letteratura di frasi spezzate che magnifica la furbizia e il denaro facile, che legittima alcol e droghe e celebra il sesso “macho” con «le more, le bionde, le rosse, le mechate, vestite da suore o con le braccia tatuate, le alternative, le snob pettinate, sotto le lenzuola ubriache». Senza cadere nella presunzione di indicare la retta via educativa, si cerca di capire come sia che quello giovanile è diventato un mondo a sé stante, in conflitto con i genitori, moltissimi dei quali rassegnati alla rinuncia o incapaci di esercitare l’autorevolezza, quando non addirittura aggressivi protettori del figlio rimproverato a scuola per comportamento inaccettabile.

Poveri nostri figli! Secondo una rilevazione dell’associazione insegnanti, nei mesi scolastici di quest’anno si sono verificate aggressioni a docenti in media quattro volte la settimana.
Il figlio difeso dal sopruso: ha insultato il professore, questi l’ha redarguito: il padre furente ha difeso a cazzotti l’onore, il sangue del suo sangue. Sul fronte del consumo di droghe tra gli studenti in età dai 15 ai 19 anni, le cifre sono impressionanti: nel 2017, sono 870 mila (33,6 per cento) i ragazzi che hanno utilizzato cannabis almeno una volta; sono poi in 360 mila ad aver provato una o più delle cosiddette sostanze psicoattive (prodotti sintetici). Per quanto riguarda la cocaina sono 88 mila gli studenti che riferiscono d’averla assunta almeno un volta. In 28 mila ammettono d’aver fatto uso di eroina. Se ne parla in casa? No, evidentemente è un mondo sostitutivo di quello reale, dove rifugiarsi in cerca d’evasione, magari per cancellare una vita quotidiana la qualità della quale è peggiorata molto negli ultimi temi. I tredici-quattordici-quindicenni nostri sono infatti figli della più profonda crisi economica del dopoguerra iniziata a fine 2007 e non ancora risolta, anzi.
In 10 anni gli occupati di età compresa tra 25 e 34 anni si sono ridotti del 27,3 per cento: vale a dire 1 milione 500 mila giovani lavoratori in meno. E nel 2017 ben 237 mila persone di quella fascia d’età hanno trovato posti precari e temporanei in sottoccupazione. No, non siamo stati bravi genitori, i nostri figli si sono ammutinati in massa, vivono su Internet (90,2 per cento tra i 14 e i 29 anni), sugli smartphone (86,3 per cento) e i social (85,1). Nella civiltà dell’Io digitale, nell’era della post-verità, tutto sfugge, paradossalmente si spendono 24 miliardi in un anno per cellulari e traffico dati ma non una mezz’ora di dialogo in famiglia. Nell’era della vita online si primeggia soprattutto diventando famosi nello spazio di qualche cliccata: il 53 per cento degli italiani è convinto che chiunque possa diventare famoso e che la popolarità sui social sia un ingrediente fondamentale per diventare una celebrità, come se si trattasse di talento sommato a competenze acquisite con lo studio. La crisi ci ha resi insicuri, i nostri figli hanno avuto buon gioco a sopraffarci: pretendendo tutto, comunque. Siamo diventati loro coetanei: arriviamo al punto di accompagnarli di notte, tredicenni o quattordicenni, in locali rimbombanti di Rap e Trap. Ora non si dice di imporre loro corsi di Gregoriano e lettura ad alta voce di «Cuore»: ma provare una volta a dirgli d’autorità: «No, a mezzanotte a sentire Sfera Ebbasta, non ci vai. Hai tredici anni, a quell’ora devi dormire. Punto e basta»?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • brodaglia

    17 Dicembre @ 10.03

    "[...] non a caso il Trap è un sottogenere del Rap creato dagli spacciatori americani." La storia non è andata proprio così. Il rap, e l'hip-hop più in generale, nascono da tutt'altre esigenze e volontà. La prima jam mai fatta venne organizzata per segnare la pace tra le varie gang di New York, mi sembra una cosa tutt'altro che violenta. SKRT SKRT

    Rispondi

  • Oberto

    14 Dicembre @ 14.13

    se li dedichi come si deve cè subito psicologo sociologo pedagoghi giudice che ti da addosso. Senza severità non si va da nessuna parte, ma vale per tutti. Si parla solo e sempre di diritti diritti diritti.....è i doveri ??

    Rispondi

  • Nicola Martini

    13 Dicembre @ 20.52

    La realtà che è descritta pare sconfortante. Fortunatamente esistono ancora famiglie che riescono ad educare i figli anche se certe derive sembrano ormai abbastanza trasversali, in quanto colpiscono anche realtà che quantomeno sotto il profilo economico non sono così disagiate. Esempi deteriori di intrattenimento v'erano anche una volta, magari meno fruibili considerata l'attuale invadenza delle tecnologie, ma i genitori generalmente dimostravano una maggiore "resilienza" e capacità di mantenere il proprio ruolo nel controllare la prole. Una funzione che in strutture collettive maggiormente coese veniva agevolata anche dal tessuto sociale, che all'interno delle famiglie non era necessariamente ritenuto ostile quando comportamenti inadatti dei figli venivano segnalati. Alcuni genitori attualmente, molti più di un tempo, è desolante dirlo, sono del tutto inadatti alla funzione e sarebbe stato meglio, in primis per i figli, che non si fossero riprodotti. La deriva raggiunta, purtroppo, ha iniziato ad originarsi in tempi ormai lontani e si è espansa anche per il tramite delle stesse Istituzioni, teatro di scontri tra fazioni senza esclusione di colpi, sia verbali che (alle volte) fisici. La scuola, che non è sostitutiva dell'educazione genitoriale, è stata man di mano svuotata della propria funzione ed autorevolezza, trasformata in un parcheggio per nullafacenti. Tutto ciò va ovviamente a detrimento di quegli studenti meritevoli penalizzati dalla totale mancanza di selezione e dalla stessa difficoltà a svolgere attività didattica a causa di mocciosi maleducati, che un docente non può più nemmeno buttare fuori dall'uscio senza rischiare sanzioni. Colpa tutto ciò pure di un impazzimento anche del mondo giuridico, ormai scollato dal buonsenso, in cui per bocciare un alunno servono più anni (recente Sent. C. di Stato) o dove il minore è divenuto quasi totalmente intangibile anche per i genitori. Certe interpretazioni giuridiche, ormai vetuste ma a mio avviso pienamente legittime (considerata anche la vigenza del dettato costituzionale), dove una nota di un docente valeva ancora qualcosa e produceva potenzialmente brutti quarti d'ora per il ragazzino di turno la sera a casa, tendevano maggiormente ad aiutare chi svolge l'arduo compito dell'educatore. Senza certe derive sarebbero probabilmente meno i genitori che cercano di essere amici dei figli o che lasciano uscire da soli di notte dei saltafossi come se la propria prole fosse un problema altrui. Mi sbaglierò.

    Rispondi

    • Vittorio

      14 Dicembre @ 12.27

      Sottoscrivo dalla prima all'ultima parola. Vittorio Testa

      Rispondi

    • Michele E

      13 Dicembre @ 22.46

      No sig. Martini, non si sbaglia, purtroppo... La sua descrizione della scuola attuale è illuminante! Aggiungerei che il genitore di 30-40 anni fa non era migliore, aveva solo un "mestiere" molto facilitato, perchè all'adulto in generale (non solo alla maestra) da bambini si dava del "lei", e già lì l'educazione partiva da un livello più alto.

      Rispondi

  • Maria Grazia

    13 Dicembre @ 19.04

    "Gioventu' bruciata" alla James Dean gia' da adolescenti: una cosa pietosa se pensiamo che questi sbandati sono la societa' del domani.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Shalpy sarà ospite di Amadeus a "Ora o mai più"

TELEVISIONE

Shalpy sarà ospite di Amadeus a "Ora o mai più"

Lucio Battisti: la sua «Avventura» parte dal Festival di cinquant'anni fa

Sanremo 1969

Lucio Battisti: la sua «Avventura» parte dal Festival di cinquant'anni fa

brad pitt & charlize theron

gossip

Brad Pitt e Charlize Theron stanno insieme (secondo la stampa inglese)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nino Frassica a Roccabianca, Amanda Sandrelli a Fidenza, aspettando Flashdance al Regio

VELLUTO ROSSO

Attesa per Flashdance al Regio

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Donna di 79 anni cade in bicicletta, condizioni gravi

torrile

Donna di 79 anni cade in bicicletta a Rivarolo: le condizioni sono serie Video

METEO

L'inverno avanza, da mercoledì neve a bassa quota

Ondata di aria artica con venti forti e calo temperature

A Bar Sport

Baraye (saluta Parma?): "Se dai qualcosa, qui sei ricambiato con affetto"

PARMA

Cerca di rubare vestiti in via Mazzini: 17enne denunciato dalla polizia Video

POLEMICA

Romagnosi, prof contro la civetta. «Ricorda l'aquila fascista»

17commenti

anteprima gazzetta

Immigrazione (numeri, analisi e storie) in calo in provincia di Parma

furto

San Secondo: ladri messi in fuga e fotografati da un passante

viabilità

Senso unico alternato sul sovrappasso di via Cremonese su A1 e Tav, a Viarolo

GUSTO

Il miglior gelato gastronomico d'Italia è di Ciacco (secondo Gambero Rosso)

Presentata la "Guida 2019": Sanelli a Salso mantiene il voto più alto, i tre coni

sanità

I sindacati dei medici sospendono lo sciopero del 25 gennaio

Colorno

Si introduce nell'oratorio. Il prete che lo allontana resta ferito

FIDENZA

Nel sottopasso con il rosso: 94enne (ubriaco) provoca un incidente

1commento

CARABINIERI

Sequestrati migliaia di integratori: controlli dei Nas di Parma a Bologna e Modena

Controlli dei militari anche a Bari

AUTOSTRADA

Incidente e veicolo in avaria in A1: mattinata difficile. A15: lavori in corso questa sera

CURIOSITA'

«5» e «10»: anche questi sono segnali stradali (rari) Foto

OLTRETORRENTE

Vandali in azione: nuove scritte sul muro del Marconi e in via Bixio Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Software anti-ladri: diamo tutti una mano

di Laura Frugoni

IL DISCO

Led Zeppelin I, quando la leggenda ebbe inizio Video

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

tensioni

Frasi di Di Maio sulla Francia e l'Africa: scoppia un caso diplomatico. Parigi convoca l'ambasciatrice d'Italia

giallo

L'ombra della darknet sulla morte dello studente italiano a Parigi

SPORT

BASKET

Carpenedolo, i genitori ultrà insultano l'arbitro: l'allenatore ritira la squadra di 13enni

calcio

Il Milan espugna Marassi 2-0 e vola al 4° posto: curva Nord deserta per protesta Classifica

SOCIETA'

Evento tv

Celentano, apparizione lampo sul palco di "Adrian"

il caso

Luxuria spiega i transgender ai bimbi sulla Rai: esplode la polemica

MOTORI

ANTEPRIMA

Toyota, il nuovo Rav4 arriva a marzo

MOTORI

Citroën: ecco C3 Uptown, l'auto «pour homme»