10°

EDITORIALE

Il coraggio di dire «no» all’aggressività dei social

Il coraggio di dire «no» all’aggressività dei social
Ricevi gratis le news
1

Ogni epoca ha la sua idea di coraggio, di quali siano le circostanze in presenza delle quali il gesto di una persona possa essere definito coraggioso. Nell’era della dittatura dei social media, coraggioso può essere considerato anche colui che, denunciandone la natura talora distorsiva della realtà e dei rapporti fra le persone, decide di ripudiare tali strumenti, oggi considerati irrinunciabili, specie per chi fa politica a necessita di un contatto (vero o virtuale che sia) con le masse.
È quello che ha fatto il leader tedesco dei Verdi Robert Habeck, esponente politico in ascesa che tutto avrebbe avuto da guadagnare da un uso «scientifico» della Rete (come dimostrano molto bene alcuni politici di casa nostra), alla quale invece ha clamorosamente deciso di dire «no», annunciando di aver chiuso tanto con Twitter che con Facebook. L’ha fatto dopo essersi scusato per alcune sue prese di posizione sopra le righe pubblicate su Twitter e dopo averne pagato le conseguenze in termini di «lapidazione» mediatica (pratica alla quale ormai siamo tutti tristemente rassegnati).
Particolarmente significative le riflessioni con cui Habeck motiva la propria scelta: «Twitter mi disorienta e mi rende poco concentrato. Nessun media digitale è così aggressivo come Twitter, in nessuno c’è tanto odio, cattiveria e diffamazione. Mi fa scattare qualcosa: sono più aggressivo, polemico stridulo ed estremo, il tutto con una velocità che non lascia spazio alla riflessione». Una onesta e illuminante ammissione, la sua, che è anche un formidabile atto d’accusa: da un lato riconosce la propria incapacità a gestire certi strumenti, dall’altro denuncia che è la natura stessa di tali strumenti a determinare gli eccessi di tanti utenti.
La decisione ha provocato un inevitabile dibattito in Germania. Autorevoli commentatori si sono chiesti come possa ambire a governare il Paese se si sente sopraffatto già da Twitter. La risposta potrebbe essere che forse un Paese non lo si governa promulgando leggi da 280 caratteri (la lunghezza massima di un tweet) sull’onda emotiva del momento. Altri hanno osservato che il posto dei politici è dove c’è dibattito. Ma che dibattito è quello che costringe a frasi a effetto senza alcuna possibilità di pacata argomentazione, in un impari scontro con orde di twittatori perennemente arrabbiati?
In realtà ormai non è solo il mondo dei social a essere dominato da questo modo di relazionarsi con gli altri. La vita di tutti i giorni – personale e lavorativa – si è velocizzata e incattivita, soffocando spesso la riflessione, la moderazione e non di rado anche l’educazione. Uno spaccato di tale tendenza sono i tanti talk show televisivi (politici e non), dove qualsiasi affermazione che ecceda i venti secondi viene interrotta o dal conduttore che va di fretta, o dall’avversario che ti aggredisce verbalmente.
Habeck ha fatto una scelta, controcorrente e forse anche antistorica, ma – come si diceva in principio – coraggiosa: ha saputo dire «no», contro il proprio stesso interesse, a una tendenza in cui ha visto il seme di qualcosa di nocivo e perfino distruttivo. È lui che è debole e non attrezzato di fronte alla modernità? Può essere. Ma questa modernità che non gli piace ha deciso di lasciarla fuori dalla propria vita, che di sicuro d’ora in poi sarà migliore di prima.

fbandini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Indiana

    11 Gennaio @ 11.03

    Indiana

    A parte il bel discorso,secondo lei é davvero il politico in persona a star dietro ai suoi profili social??? Non é che magari hanno uno staff che cura anche i media...In ogni modo le persone che valgono e vanno di persona in mezzo alla gente prendono consensi,gli altri rosiconi capaci solo di insultare NO. Nonostante altrettanta presenza su social,tv e penose presenze come pseudo presentatori battuti perfino da Heidi

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: matrimonio (e amore) al capolinea

gossip

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: matrimonio (e amore) al capolinea

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte

PGN

Langhirano: i bellissimi delle feste alla Taverna Ponte Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Per ore code a Terre di Canossa

AUTOSTRADA

Un'auto si ribalta in A1: grave un giovane. Per ore code a Terre di Canossa

Autocisa: pioggia tra Fornovo e Pontremoli

via della Repubblica

Benedizione degli animali in Sant'Antonio: tradizione che si ripete (con successo) Foto

PARMA

Controlli antidroga: sequestrato mezzo chilo di hashish al parco Falcone e Borsellino Video

Viarolo

Cercano di far esplodere il bancomat della Cassa Padana ma il colpo fallisce Video

L'anniversario

La mamma di Filippo Ricotti: «Sono passati due anni. Ma per mio figlio nessuna giustizia»

rugby

Zebre in crescita, sabato contro la terza potenza del Top 14 Video

PARMA

Il pusher fugge e fa resistenza con violenza: un cittadino aiuta i carabinieri ad arrestarlo Video

La cronaca del 12TgParma

Intervista

Giulia ce l'ha fatta: «Vado a Oxford a studiare matematica»

CALCIO

Diakite: «Insulti razzisti? Io non ho sentito nulla»

20 GENNAIO

Torna la domenica ecologica: limitazioni al traffico all'interno delle tangenziali Mappa

Sentenza

Guerra dell'acqua, Montagna 2000 deve 600mila euro a Berceto

2commenti

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

2commenti

Tribunale

Perseguita un uomo con messaggi anonimi: collecchiese condannato per stalking

Zibello

È morto Corrado Tencati: preparò lo strolghino record del November Porc

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro: disagi al traffico ma nessun ferito Foto

INTERVISTA

Amanda Sandrelli: «La seduzione secondo Mirandolina»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Come cambia la nostra vita in mezzo agli umanoidi

di Patrizia Ginepri

PGN

La nuova moda dell'uomo e la trasmissione «Prendi Nota»

di Mara Varoli

ITALIA/MONDO

Inghilterra

Incidente alla guida per Filippo d'Edimburgo (97 anni): illeso è sotto choc

calcio

Tifoso morto: arrestato il capo storico dei "Viking" Inter, Nino Ciccarelli Chi è

SPORT

calcio

Anche Mayweather alla festa nello spogliatoio della Juve per la Supercoppa

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

la storia

Il piccolo migrante annegato con la pagella cucita addosso (reso noto da una vignetta)

ravenna

Spinge la ex nel canale, il giudice gli impone divieto avvicinarla

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai