15°

EDITORIALE

Cesare Battisti e il peccatore che vive in noi

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
2

Dell'arresto di Cesare Battisti, e dell'accoglienza che il nostro governo gli ha riservato all'aeroporto, hanno già parlato
tutti, e diffusamente, nei giorni scorsi. Se torniamo sull'argomento, non è per parlar ancora di Battisti, ma per quello che questa storia potrebbe, anzi dovrebbe, insegnare a ciascuno di noi.
Intanto, partiamo mettendo un paletto, per fare chiarezza: Cesare Battisti è stato condannato per quattro omicidi, due commessi materialmente, due come mandante. Sul fatto che debba scontare l'ergastolo che gli è stato inflitto, non si discute: anche se sono passati quarant'anni dai delitti. In più, è anche vero che, fra tutti i condannati fuggiti all'estero, Cesare Battisti si è distinto in particolar modo per arroganza, strafottenza, spocchia, irriverenza, crudele sarcasmo. Si faceva fotografare mentre brindava nei café letterari parigini, o sulle spiagge brasiliane, per mostrarsi beffardo agli italiani, compresi quelli che ancora piangono i loro morti, compreso quell'Alberto Torregiani costretto dal 1979 su una sedia a rotelle. Anche se è brutto dirlo, va pur detto: Cesare Battisti si è guadagnato la fama di antipatico. A dir poco.
Ma uno Stato di diritto, una democrazia, non deve trattare i suoi cittadini a seconda della loro simpatia o antipatia, ma a seconda di come osservano – o non osservano – le leggi. E alle leggi debbono sottostare innanzitutto i più alti rappresentanti dello Stato. Per questo, il filmato messo in rete dal ministero della giustizia (della giustizia! Non della vendetta) va considerato osceno. La legge, la giustizia appunto, prevede che Cesare Battisti venga rinchiuso in un carcere: ma non che venga ripreso come un trofeo di caccia durante tutte le fasi del suo arresto, del suo viaggio verso l'Italia, del suo lasciar le impronte digitali mentre entra in galera, del suo star in cella con due agenti ai lati. Le immagini in cui gli venivano prese le impronte, in particolare, vanno considerate una sorta di stupro. Né alcun ministro può sentirsi in diritto di scrivere, sui social, che un condannato deve “marcire in galera”: perché secondo la Costituzione in galera non si deve andare a marcire, ma a pagare il proprio debito con la società, e a tentare una rieducazione, un futuro reinserimento nella società stessa. Questo vale per tutti, anche per gli ergastolani come Battisti.

Ma dicevo prima che di questa storia vogliamo parlare oggi in un senso più ampio, che abbracci tutti noi. Che i politici abbiano voluto farsi pubblicità, a fini elettorali, con l'arresto di Battisti, non deve stupire: lo hanno sempre fatto, in ogni epoca. Ma il modo in cui lo hanno fatto questa volta no, quello è inedito, è figlio di questa nostra epoca: litigiosa, truce, violenta. Non si infierisce su un uomo in manette, mai. Chi lo ha fatto in questi giorni è riuscito, almeno per un giorno, a ottenere l'effetto di far passare un terrorista condannato dalla parte delle vittime.
Il cristianesimo ci ha insegnato che bisogna sempre distinguere il peccato dal peccatore: non è ipocrisia, è la presa d'atto realistica che ogni essere umano – senza eccezione, santi compresi – è un miscuglio di bene e di male. Così, quando la nostra legge – che è figlia della civiltà occidentale: giudaico-cristiana e greca – deve giudicare (e punire) le disobbedienze dei cittadini, giudica e punisce appunto quelle disobbedienze, non tutta la persona. Per questo non si può nemmeno dire che un uomo condannato per omicidio è un assassino, perché la sua vita è anche altro, è una complessità che non sappiamo, che non possiamo conoscere. Un gesto, un atto non può comprendere e definire l'intera personalità di chi lo ha compiuto.
Non è buonismo. È la constatazione che nessuno di noi ha il diritto di giudicare il nostro prossimo come persona, e tantomeno di umiliarlo. Io che scrivo, tu che leggi, voi che leggete, non abbiamo ucciso quattro persone come Cesare Battisti: ma la nostra vita non è immune da altre colpe, da altre miserie, da altri inconfessabili gesti di debolezza, di meschinità, perfino di odio e di cattiveria. Personalmente, non mi sento in diritto di giudicare nessuno proprio perché conosco le mie bassezze, e se c'è una cosa di cui mi vanto, se c'è un pregio che mi riconosco, è quello di non aver mai detto «sono una persona onesta». Mai. Questo non vuol dire sottovalutare l'esigenza, per tutti, di rispettare la morale: vuol dire distinguere fra morale e moralismo.
Oggi è domenica, e mi permetto di citare un famoso passo del Vangelo di Giovanni, quello in cui la folla vuole lapidare – secondo la Legge di Mosè – un'adultera, e Gesù dice di far pure, purché a scagliare la prima pietra sia chi è senza peccato. «Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi». «Cominciando dai più anziani», perché più si campa, più si pecca.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Enrico

    21 Gennaio @ 13.38

    Concordo con con Stefano... per questa nazione di buonisti, difensori dell'indifendibile, paladini della giustizia al contrario, rimangono poche speranze.

    Rispondi

  • Stefano

    21 Gennaio @ 06.42

    In tanti anni non ho mai aderito alla linea politico-editoriale del Suo giornale. Però, questa volta, devo farle i complimenti per l'articolo. Viviamo in tempi bui, Direttore. Penso che per questa disperata nazione(volutamente minuscolo) non vi sia più scampo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fornelli sfortunati per Sandra, seconda sconfitta alla Prova del cuoco

TELEVISIONE

Fornelli sfortunati per Sandra, seconda sconfitta alla Prova del cuoco

I Soliti ignoti: Mauro Coruzzi e il fidentino Luca fra i personaggi da indovinare

RAI1

I Soliti ignoti: Mauro Coruzzi e il fidentino Luca fra i personaggi da indovinare Foto

Uto Ughi: «Io e il violino, un amore iniziato a 5 anni»

Intervista

Uto Ughi: «Io e il violino, un amore iniziato a 5 anni»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Quota 100», per la riscossione del Tfr non è cambiato nulla

L'ESPERTO

«Quota 100», per la riscossione del Tfr non è cambiato nulla

di Paolo Zani

Lealtrenotizie

Burioni ospite a Parma: "I danni da vaccini non esistono, sono fake news"

incontro

Burioni e i vaccini, pienone all'Università: "I danni non esistono, sono fake news" Video

natura

La superluna incanta (anche) Parma - Gallery 1 - Gallery 2- Invia i tuoi scatti

politica

Pizzarotti bacchetta (ancora) il M5s: "Attivisti chiamati al voto quando fa più comodo Video

anteprima gazzetta

Pensioni, quota 100: a Parma (ora) sono 2.600 Video

12Tg Parma

Tonnellate di rifiuti non autorizzati, sequestrata area a Sorbolo Video

2commenti

compiano

E' un 37enne il pedone investito e ucciso da un'auto a Sugremaro Video

CONDOMINI

Condannato l'amministratore Alberto Occhi. E spunta un altro maxi buco

5commenti

truffa

Come comportarsi quando il conto del condominio viene svuotato

traffico

Attivo definitivamente il varco ZTL2 tra borgo Giacomo Tommasini e via Nazario Sauro

1commento

Inchiesta

Lotta alla droga, che cosa fa la Polizia municipale?

13commenti

gazzareporter

"Invasione o allevamento?" Il video di un lettore dal prato delle nutrie

1commento

il caso

Bollette non pagate? Pioggia di raccomandate a Berceto. Ed è scontro con Montagna 2000

Interviene Confconsumatori: "Già inviata lettera". La replica della società

ABUSO D'UFFICIO

Assunzioni nelle partecipate, Piermarioli e Vento rinviati a giudizio

Polizia stradale

"Truck and bus", (con i controlli) la sicurezza sulle strade diventa europea

Beduzzo

Bocconi killer, cane salvato dal padrone

gazzareporter

Via Digione: campane di vetro o...carrozziere? - Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Via anche Honda, l'auto trema. E non solo per la Brexit

di Aldo Tagliaferro

EDITORIALE

Per Salvini i Cinque stelle si dimenticano il giustizialismo

di Vittorio Testa

1commento

ITALIA/MONDO

moda

Addio al "Kaiser" della moda - Lagerfeld e le sue muse, le foto

cassino

Omicidio di Serena Mollicone, gli investigatori: "Uccisa da Mottola"

SPORT

il caso

"Frasi sessiste", le scuse non bastano: la Rai sospende Collovati

12Tg Parma

Parma, oggi la ripresa. Malmesi: "obiettivo sempre stato la salvezza" Video

SOCIETA'

inchiesta

Truffa sui diamanti, maxi sequestro. Tra i clienti raggirati Vasco Rossi e la Panicucci

economia

Giorgia, family banker: da Compiano al set di Armando Testa

MOTORI

MOTORI

Nuova Ford Focus ST

ANTEPRIMA

DS3 Crossback: il Suv di lusso si fa compatto