19°

EDITORIALE

Rinnegata la Tav, è un altro il tunnel che aspetta il Paese

Rinunciare alla Tav sarebbe un massacro
Ricevi gratis le news
5

Richiede un esercizio di indulgente disponibilità il credere che la decisione della maggioranza Lega-M5S di congelare la Tav Torino-Lione sia casualmente capitata per inesorabile innocenza del calendario all’indomani del salvataggio di Matteo Salvini, leader di una Lega da sempre dichiaratasi a favore del tunnel ferroviario, sottratto al processo per il caso-Diciotti dal voto determinante dei Pentastellati, da sempre contrari al traforo in Val di Susa. Che spesso in politica i “do ut des” siano compromessi inevitabili alla composizione di interessi diversi ma legittimi è una prassi vecchia come il mondo: si tratta però di capire se la sintesi raggiunta sia utile per il bene pubblico, per il ruolo e prestigio del nostro Paese. Lo stop alla “talpa” Federica, la possente fresa che ha già scavato 7 dei 12 chilometri e mezzo della parte italiana, significa fermare i cantieri e bloccare contratti da già firmati per 1,3 miliardi di euro, in attesa di una nuova valutazione di costi e benefici che, una tira l’altra, sarebbe, anzi sarà l’ottava ricognizione dal Duemila ad oggi. Il rischio è quello di perdere i finanziamenti di Bruxelles, previsti nella misura del 41%; di spostare in data imperscrutabile la previsione di completamento dell’opera fissato per il già lontanissimo 2030; di privare il Nord del Paese, la locomotiva trainante l’economia italiana, di un suo ruolo nel contesto europeo; di rinunciare a 50mila posti di lavoro. Fino a ieri la Lega inneggiava all’indispensabilità della Tav: totalmente contrario il Movimento 5Stelle, ministro dei Trasporti, Toninelli, in testa, secondo il quale il tunnel sarebbe dannoso da tutti i punti di vista. Lo stato maggiore pentastellato ne ha fatto una questione di vita o di morte per il governo, arrivando a ingiungere per non finissima bocca di Di Battista: «La Tav non si farà mai. Salvini smetta di rompere i co….ni: se vuole farla torni con Berlusconi». Ora i Dioscuri Matteo e Luigi, prodighi di reciproche smancerie, trovano nel giro di una settimana la soluzione di due problemi vitali per le entrambe forze politiche, evidentemente contraenti un patto di ferro per arrivare senza scossoni alle elezioni europee di fine maggio. La Tav? Rifare ancora una volta i conti, probabilmente destinati a non tornare mai: magari istituire una commissione d’inchiesta per stabilire che occorrerà una nuova indagine. Chissà che nel 2030 non si abbia la gioia di poter visitare le vestigia di un cieco scavo, orgoglio del disfattismo italico. Il TunnelTav: quello, unico al mondo, in fondo al quale non si vedrà mai la luce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    23 Febbraio @ 11.35

    brundofrancesco@libero.it

    Una follia targata Europa e dintorni, nell'Italia dove al sud non funziona nulla, non ci sono strade ne ferrovie e abbiamo ponti al limite della sicurezza, a chi giova sta TAV? è solo fumo negli occhi.

    Rispondi

    • Nicola Martini

      23 Febbraio @ 13.50

      Sig. Francesco, liberissimo di pensarla come crede meglio. Le segnalo che il progetto fa parte dei corridoi TEN-T, reti progettate anche in Meridione, come ad es. il Corridoio Scandinavo-Mediterraneo, che giungerà sino a Palermo e si biforcherà anche verso la Puglia. Detti progetti servono a collegare adeguatamente tutta l'Europa, magari in maniera anche sostenibile dal punto di vista ambientale, in quanto se c'è una follia ancora in atto è quella di favorire il trasporto su gomma, sia esso delle merci che delle persone. Infine, pare il caso di sfatare anche il mito che la Torino-Lione sia una ferrovia ad Alta Velocità, in quanto il progetto non risponde più ai criteri AV da almeno 10 anni. Si sta semplicemente adeguando una ferrovia costruita nel XIX Secolo e che non è più adatta alle esigenze attuali dato che ha pendenze anche del 30 per mille, che non permettono velocità competitive o il transito adeguato di convogli di standard europeo (750 m di modulo x 2.000 t di peso).

      Rispondi

  • ingeniere

    23 Febbraio @ 08.00

    Ennesima opera incompiuta.Ma è mai possibile che con io do una mano a te tu dai una mano a me non si arrivi mai a una soluzione seria.Politica.Elezioni.Poltrone.Sempre le stesse cose w l'Italia

    Rispondi

  • Stefano

    23 Febbraio @ 06.43

    E con questo ci allontaniamo sempre di più dall'Europa che produce ricchezza per arrivare piano piano nelle braccia del Maghreb, con buona pace del Truce.

    Rispondi

  • Viola

    22 Febbraio @ 19.52

    Tutto sommato, io spero e voglio credere che alla fine, un accordo i due lo troveranno, magari snellendo l'opera e riducendo i costi. Perché non si tratta solo di arrivare alle elezioni di maggio, ma mi sembra ( e posso sbagliare ) che in fin dei conti, entrambi abbiano l'interesse di finire il mandato , perché la lega non ha nessuna voglia di accollarsi Berlusconi, e i 5 stelle perderebbero credo l'unica possibilità che hanno di governare. Ecco perché penso che l'accordo ci sarà.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Franco Battiato: "La salute? Il peggio è passato"

musica

Franco Battiato: "La salute? Il peggio è passato"

Speciale vinili: mandate le foto della vostra collezione

PGN

Speciale vinili: mandate le foto della vostra collezione  Gallery

Acquolina: quelli che  si incontrano  in via D'Azeglio - Fotogallery

feste pgn

Acquolina: quelli che si incontrano in via D'Azeglio Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Emmanuelle, e l'Italia scoprì lo scandalo

C'ERA UNA VOLTA

Emmanuelle: e l'Italia scoprì lo scandalo

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Riccardo Bertoli: il dolore dei commercianti e degli amici

Il ricordo

Riccardo Bertoli: il dolore dei commercianti e degli amici

Raid

«La Doria», arrivano i ladri ma gli operai li scoprono

MOBILITÀ

Auto in centro: sì o no? Comune vs. comitato

Prima al Regio

Rosina rende il «Barbiere»... di qualità

PELLEGRINO

Il sindaco Pedrazzi indagato per abuso d'ufficio

SALSO

Sicurezza, sono arrivate quattro nuove telecamere

BORGOTARO

Terremoto con un cupo boato

CARABINIERI

Busseto, i ladri tornano nella casa già svaligiata

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

il caso

Zerbilli, il carabiniere fidentino che ha fermato il bus guidato da Sy: "Ho avuto paura" Foto

PARMA

Lutto in Oltretorrente: è morto Riccardo Bertoli, titolare della Cafetteria Ducale di via Bixio

Bertoli avrebbe compiuto 44 anni in aprile

Teatro Regio

Ecco chi c'era alla prima del "Barbiere di Siviglia" Fotogallery

il fatto del giorno

Aprire il centro storico alle auto? Opinioni a confronto sulle Ztl Video

12 tg parma

La chat erotica finisce in tentata estorsione: vittime diversi parmigiani Video

AUTOSTRADE

Lavori conclusi: il casello di Parma riapre domani 

PARMA

Automedica speronata da un'auto pirata in via Mantova: ferita una volontaria Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

È iniziata la crisi di social e influencer?

di Patrizia Ginepri

VELLUTO ROSSO

Il "Barbiere", un Amleto "take away" e proposte "impertinenti" Video

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

Migranti

Mare Jonio, indagato anche Casarini

2commenti

SALUTE

Allarme fecondazione eterologa, a rischio dal 29 aprile

SPORT

calcio

Viareggio Cup, Parma - Fiorentina 4-1: i crociati agguantano la semifinale

televisione

Calcio, accordo Fifa-Sky: in diretta tutto il Mondiale Under 20

SOCIETA'

IL CINEFILO

"Ricordi?" a Parma: Luca Marinelli riceverà il Premio Schiaretti

HI-TECH

La prova: Nighthawk x6s, una soluzione per potenziare la rete wifi di casa

MOTORI

ANTEPRIMA

La Porsche Cayenne diventa Coupé Foto

MOTORI

Techroad: Dacia si veste di rosso (e costa solo 3 euro al giorno)