15°

EDITORIALE

Salario minimo: Una proposta irresponsabile e pericolosa

Salario minimo: Una proposta irresponsabile e pericolosa
Ricevi gratis le news
2

Se c’è un giudice a Berlino, a Roma non c’è chi si occupi delle conseguenze delle azioni governative. Penso alla proclamazione della nuova proposta, formulata - di fronte ai sindacati - dal vicepresidente
del consiglio, ministro del welfare, ministro dello sviluppo economico, capo del partito 5Stelle, Luigi Di Maio: un salario minimo per i lavoratori, probabilmente dell’industria, deciso per legge.
Chi può non essere d’accordo con questa iniziativa, presentata alla vigilia del confronto elettorale europeo? Chi ha il coraggio di dire di no, come ha fatto per decenni il sindacato geloso della propria autonomia contrattuale?
In verità, qualche osservazione occorre formularla, a futura memoria e per l’attualità, visto che chi tace acconsente ed è complice. Il salario minimo già esiste in natura: è quello sotto il cui livello non si trovano lavoratori disposti a lavorare. Un paradosso che serve ad aggiustare la mira.
Ma c’è anche il resto. La storia (testé rimossa dalle licenze liceali) ci ha insegnato che nell’andamento ciclico dell’economia, i lavoratori e le loro rappresentanze sono (negozialmente) forti nei periodi di crescita e deboli nei periodi di crisi. Non a caso la lunga crisi che abbiamo attraversato e stiamo attraversando come cittadini del mondo e come italiani ha messo tra parentesi il sindacato, soprattutto la Cgil, finita nelle mani di un radicale come Landini.
Allo stato attuale, la disoccupazione è ancora a due zeri e i segnali del dopo «decreto dignità» sono deludenti-preoccupanti.
Le fabbriche non tirano. Non tira il terziario. Gli investimenti privati languono. E languono gli investimenti pubblici. E non solo quelli incappati nelle inestricabili maglie del codice degli appalti, ma anche gli altri, già affidati. In alcuni casi, si è trattato di un improvviso disco rosso che comporta la cancellazione di migliaia di posti di lavoro. Non solo la Torino-Lione, ma la Gronda ligure, la paralisi delle trivelle in Adriatico (10.000 posti di lavoro), il no al gasdotto Israele-Cipro-Italia e altri imprevedibili niet.
Chi osserva senza pregiudizi, comprende che il salario minimo è un altro contributo alla disaffezione dell’imprenditore italiano e comporta in tutti i settori in cui questo è possibile (vedi il caso «riders») l’immersione nel nero di migliaia di lavoratori, possibilmente utenti del reddito di cittadinanza.
Le aziende, del resto, non hanno opportunità occupazionali da offrire ai componenti della massa. Opportunità ci sono - e tante - per lavori specializzati privi o quasi di aspiranti. Questo «misfit» tra domanda e offerta (anche per colpa di un sistema di uffici del lavoro incapace di favorire l’incontro) è una delle ragioni della rinuncia all’espansione in Italia e, spesso, delle delocalizzazioni.
La soluzione di questo problema non è certo nel reddito di cittadinanza, nel salario minimo o nell’irrigidimento delle normative.
Un’ultima constatazione. L’imprenditore seleziona i suoi occupati in base a due fattori: competenza e impegno. I lavoratori che posseggono queste due qualità sono preziosi e difficilmente l’imprenditore ne potrà fare a meno. Essi sono padroni del loro destino e possono dettare le proprie condizioni economiche. E se accade una crisi aziendale che li privi dell’occupazione, saranno i primi a ritrovarla. Per essi, il salario minimo non serve: sono capaci di amministrarsi da soli. Per gli altri, il salario minimo è una provvidenza sovietica (un sistema nel quale la retribuzione non era connessa al lavoro, ma solo una misura di welfare) che deprimerà il mercato, spingendo il Paese verso un’ulteriore depressione. A conferma che a Roma, purtroppo, non c’è chi si occupi delle conseguenze delle decisioni del governo.
DOMENICO CACOPARDO
www.cacopardo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • cobra

    17 Marzo @ 09.37

    si, si, ha ragione lei....

    Rispondi

  • la camola

    16 Marzo @ 14.19

    A Roma non c'è neppure un giudice che condanna coloro che assumono a 3 € all'ora i migranti delle baraccopoli per raccogliere arance e pomodori nelle campagne e neppure un giudice che controlla i prodotti fatti all'estero da una stessa ditta, importati e venduti con lo stesso marchio di quelli prodotti in Italia . Non vi è nessun giudice che sanziona il costo politico di certe regioni che è superiore a quello degli Stati Uniti. Ma tutti sembra siano preoccupati se ad un povero diavolo viene riconosciuto qualche € in più di paga, visto che in europa siamo i lavoratori peggio pagati ed i sindacati quando vi è la sinistra al governo sembra vadano volentieri in letargo, non è certamente la fine del mondo ! Grazie per l'attenzione Gianfranco Ferrari

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

InstameetParma32 a Sala Baganza

fotografia

"Instameet" alla Rocca di Sala Baganza: appassionati di Instagram alla scoperta del castello

Una risata per la vita

Teatro

Una risata per la vita Fotogallery

Spring party al Colle San Giuseppe. Chi c'era: le foto

pgn

Spring party al Colle San Giuseppe. Chi c'era: le foto

Notiziepiùlette

Il Montepulciano d'Abruzzo griffato «Emilio Pepe»

IL VINO

Il Montepulciano d'Abruzzo griffato «Emidio Pepe»

di Andrea Grignaffini

2commenti

Lealtrenotizie

Incidente a Porporano

incidente

Schianto frontale lungo strada Argini a Porporano: due feriti

autostrada

Schianto tra due tir e un'auto sull'A1 tra Fiorenzuola e Fidenza: un morto Video

METEO

E sbocciò la neve: la primavera imbiancata dell'Appennino Foto Inviate le vostre

FOLLIA IN CAMPO

La condanna dei dirigenti: «I responsabili siano allontanati dallo sport»

incidente

Frontale tra auto e furgone a Castelguelfo: due feriti

DOPO LA TRAGEDIA

Circoncisioni clandestine, anche a Parma bambini danneggiati

2commenti

VIGILI URBANI

Polizia municipale, in sette per il posto da comandante. Escluso Noè

pallamano

Azeta, trionfo al vertice allo scadere, esplode la festa Le foto

+Europa - Italia in Comune

Pizzarotti a Roma per parlare delle elezioni europee

COMUNE

"Langhirano dreaming": un video racconta le eccellenze della zona

traffico

Oggi l'Italia al Tardini: ecco le modifiche alla viabilità

3commenti

STORIE DAI QUARTIERI

Crocetta, quando il traffico fa bene agli affari

1commento

Perizia

Coppe indaga sulla strage di Bologna. Riesumata una salma

TRAVERSETOLO

Il ciclista che fa rivivere Coppi

SORAGNA

Marito e moglie indiani nascondevano in casa droghe di ogni tipo

FIDENZA

Differenziata record, la tariffa dei rifiuti sarà meno cara

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Fuori i cattivi maestri: i genitori

di Vittorio Testa

EDITORIALE

Voto locale, tendenze nazionali

di Luca Tentoni

ITALIA/MONDO

Procura

Circoncisione in casa a Reggio, bimbo morto, il padre: "Me l'ha chiesto Dio"

1commento

carabinieri

Stuprano una babysitter 19enne e filmano gli abusi: tre fermi a Catania

SPORT

Sabato

Al Lanfranchi la finale di Coppa Italia di rugby. il "sogno" di Manghi Videointervista

formula uno

La Ferrari ufficializza: Schumi jr farà il test in Barhain

SOCIETA'

paura

Incendio in A10, gli automobilisti davanti alle fiamme in galleria

spazio

La Nasa cancella la passeggiata spaziale di sole donne: mancano le tute

MOTORI

IL TEST

Al volante di Mazda6 per riscoprire il fascino della berlina

MOTO

Guzzi svela V85TT, la 'classic enduro' votata al turismo Video