13°

25°

fidenza

Addio al progetto di recupero del vecchio oratorio Don Bosco?

Vincolato dalla Soprintendenza, l'edificio non potrà più essere demolito

Vecchio oratorio Don Bosco

Vecchio oratorio Don Bosco

Ricevi gratis le news
0

 

Sono in tanti, in città, a chiedersi da tempo che fine farà il vecchio e amato complesso che ospitava l’oratorio Don Bosco, tanto caro al cuore dei borghigiani. Già di proprietà della Diocesi, la struttura alcuni anni fa era  stata venduta a un privato. 
Il fronte dell’edifico del vecchio Oratorio Don Giovanni Bosco si allunga in via Bacchini senza richiamare gli sguardi dei passanti.
Della ristrutturazione conservativa del compianto architetto della diocesi Pattini restano solo il progetto e un edificio desolatamente vuoto, completamente disabitato da quando la Caritas diocesana che utilizzava alcuni spazi si è trasferita. Già, venti e più anni fa, era stata chiusa anche la sede della sezione locale della Democrazia Cristiana che vi aveva trovato anch’essa ospitalità. La solitudine non giova agli uomini, ma anche agli edifici non fa bene. Solo tre anni fa il cortile del grande complesso si presentava in ordine e pulito. Ma tre anni in più pesano ed oggi il cortile si presenta infestato di erbacce, habitat ideale di topi e insetti. 
Quasi a presidiare il tutto, resta solo il cippo dedicato a don Attilio Garlaschi, il prete che fece grande l’oratorio, lo guidò per 17 anni, educò intere generazioni di borghigiani prima e fidentini dopo. 
La targa, posta nel 1953 a dieci anni dalla sua morte, è infatti ancora lì, a ricordarlo e a ricordarne le opere. Oggi sembra totalmente bianca ma in realtà potrebbe ritornare così per essere collocata altrove.
Intanto qualcuno spera ancora che questo edificio in pieno centro storico possa essere recuperato. 
Intanto nello scorso gennaio era stata approvata in via definitiva, dopo l'adozione votata l'estate precedente, la variante al Prg che aveva accolto il vincolo posto dalla Soprintendenza ai beni architettonici sull'ex oratorio don Bosco.
Di conseguenza l'edificio non potrà più essere demolito e ricostruito con una maggiore volumetria, come previsto in origine, ma il soggetto attuatore potrà solo procedere al recupero dell'esistente. Col decreto di vincolo, per essere stato riconosciuto un complesso di interesse storico e artistico, era decaduto il vecchio progetto che prevedeva anche demolizioni di parti e costruzioni di nuovi volumi. 
Sono in tanti, in città, a chiedersi da tempo che fine farà il vecchio e amato complesso che ospitava l’oratorio Don Bosco, tanto caro al cuore dei borghigiani. Già di proprietà della Diocesi, la struttura alcuni anni fa era  stata venduta a un privato. Il fronte dell’edifico del vecchio Oratorio Don Giovanni Bosco si allunga in via Bacchini senza richiamare gli sguardi dei passanti.Della ristrutturazione conservativa del compianto architetto della diocesi Pattini restano solo il progetto e un edificio desolatamente vuoto, completamente disabitato da quando la Caritas diocesana che utilizzava alcuni spazi si è trasferita. Già, venti e più anni fa, era stata chiusa anche la sede della sezione locale della Democrazia Cristiana che vi aveva trovato anch’essa ospitalità. La solitudine non giova agli uomini, ma anche agli edifici non fa bene. Solo tre anni fa il cortile del grande complesso si presentava in ordine e pulito. Ma tre anni in più pesano ed oggi il cortile si presenta infestato di erbacce, habitat ideale di topi e insetti. Quasi a presidiare il tutto, resta solo il cippo dedicato a don Attilio Garlaschi, il prete che fece grande l’oratorio, lo guidò per 17 anni, educò intere generazioni di borghigiani prima e fidentini dopo. La targa, posta nel 1953 a dieci anni dalla sua morte, è infatti ancora lì, a ricordarlo e a ricordarne le opere. Oggi sembra totalmente bianca ma in realtà potrebbe ritornare così per essere collocata altrove.Intanto qualcuno spera ancora che questo edificio in pieno centro storico possa essere recuperato. Intanto nello scorso gennaio era stata approvata in via definitiva, dopo l'adozione votata l'estate precedente, la variante al Prg che aveva accolto il vincolo posto dalla Soprintendenza ai beni architettonici sull'ex oratorio don Bosco.Di conseguenza l'edificio non potrà più essere demolito e ricostruito con una maggiore volumetria, come previsto in origine, ma il soggetto attuatore potrà solo procedere al recupero dell'esistente. Col decreto di vincolo, per essere stato riconosciuto un complesso di interesse storico e artistico, era decaduto il vecchio progetto che prevedeva anche demolizioni di parti e costruzioni di nuovi volumi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Pitone di 120 cm in un tombino

vigili del fuoco

Pitone di oltre un metro in un tombino di via Treviso Video

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

3commenti

INCHIESTA

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

1commento

MUSICA

Concerto del 25 Aprile, piazza Garibaldi si accende con i Baustelle Le foto

1commento

Via Farini

Ladro di cellulari incastrato dall'app

viabilità

Nuova rotatoria tra via Fleming e via Colli: via libera della Giunta

2commenti

Hobby

Pezzali e i trattori, storia di un amore

Evento

Francobolli, monete e scatti dal passato in mostra a S.Pancrazio Foto

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

Lutto

Addio a Sergio Alfieri, il partigiano «Felice»

INTERVISTA

Andrea Carè: «Davanti a Pavarotti mi tremarono le gambe»

Intervista

Jack Savoretti: «Fiero delle origini italiane»

evento

28 aprile (1 maggio) in Pilotta torna lo Street Food Festival

GAZZAREPORTER

Autobus in fiamme: l'incendio "in diretta" Video

1commento

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

6commenti

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pd-Di Maio ultima chance per evitare le elezioni

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

napoli

Progettava un attentato: arrestato migrante del Gambia

governo

Martina: "Con M5S passi avanti, ma rimangono differenze. Decisione il 3 maggio"

SPORT

CHAMPIONS

Il Real Madrid sbanca Monaco: 2-1 al Bayern

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel

2commenti