-1°

20°

L'INTERVISTA

Pastor Maldonado: "La Formula 1? Mi piacerebbe tornare..."

L'ex pilota della Williams, oggi nel Mondiale Prototipi, si racconta. E parla di Verstappen, Chavez, la figlia...

Pastor Maldonado: "La Formula 1? Mi piacerebbe tornare..."
Ricevi gratis le news
0

Cattivo in pista, buono nella vita. Duro al volante, tenero quando fa il papà. Pastor Maldonado è l'esempio della contraddizione dei termini. Quando correva in F1 con la Williams era il pilota più temuto negli specchietti, quello che quando Hamilton lo vedeva, non sapeva mai come andava a finire, vedi GP Valencia di qualche anno fa. Pastor era però anche il pilota che spesso riempiva le pagine di cronaca di una gara, con incidenti spettacolari, uscite di pista incredibili e altro ancora di un repertorio che sembrava infinito. Al punto che si è presto fatta la nomea dello sfascia macchine, del pilota pericoloso. Prima che arrivasse Verstappen e gli togliesse, di imperio, tutti i titoli e gli sfottò che avevano riservato a Maldonado.

Oggi Pastor corre nel mondiale prototipi con la Dragon, una squadra che gli sta dando soddisfazioni, ma la voglia di F.1 è ancora intatta, tanto che a Montecarlo era in cerca di un sedile per la prossima stagione.

Non è ancora stanco di F.1?
"Per niente, credo di poter dare ancora molto. Nel Wec con la Dragon ci divertiamo molto, è una categoria molto combattuta, Toyota a parte, per cui è una buona soluzione per un pilota professionista".

E' anche vero che quando correva lei aveva la fama dello sfascia macchine, di quello che andava a sbattere sempre, le hanno pure dedicato delle caricature...

"Uno che corre e capisce di corse sa che erano tutte fesserie, la gente parla e sfotte perché non sa cosa fare a casa. In pochi, fra quelli che hanno guidato una macchina da corsa, si permetterebbe di farlo. C'è però anche da dire che quando esci di strada o fai un incidente, hai poco da fare, perché l'occasione per scrivere di te gliela stai dando su un piatto d'argento e quindi non deve stupire se partono le prese in giro. In pochi hanno capito che guidavo sempre al limite, per spremere qualcosa dalla macchina. Che non c'era e questo ti porta a sbagliare. Non c'è nessuno, in F.1, che guidando sempre al 100 per 100 o oltre non commetta errori. Il mio errore forse è stato questo, spingere sempre anche se ero decimo e volevo diventare nono...".

Lei ha vinto il mondiale GP2 con il team Rapax, italiano, poi ha corso e vinto con la Williams. Oggi come vede questo team?

"Sono stato l'ultimo pilota a vincere un GP con la Williams, era in Spagna. Feci anche la pole position. Vedere come è ridotto oggi nelle retrovie mi fa veramente dispiacere. Non merita di finire così indietro, è una squadra con strutture valide, un blasone enorme, un potenziale fantastico. Spero che presto torni vincente. Magari con me ancora al volante..."

Tornando agli incidenti in pista, possiamo permetterci una battuta: da esperto...del settore, come valuta Verstappen?

"Ha sbattuto molto, ha fatto tanti incidenti spesso non per colpa sua, ma è un pilota che ci dà dentro al 100 per 100 tutte le volte. Il giorno che guida al 99 per cento, li sbaraglia tutti. Se io fossi un team manager non ci penserei due volte a fargli firmare un contratto a vita, questo è uno che va forte. Se poi lo criticano, gli danno addosso, beh se vai a sbattere è chiaro che offri materiale per farti criticare, ma ripeto lo fanno solo quelli seduti sul divano che non hanno idea di cosa significa correre al limite. O giornalisti che, annoiati, devono trovare qualcuno per dargli la croce addosso come se la F.1 fosse il calcio o uno sport simile. Io assolvo Verstappen, lo capisco molto. Dovrebbe solo sorridere un po' di più, come facevo io che stemperavo le tensioni con una barzelletta o una risata. Se ti impunti poi è normale che ti danno addosso, ma qua dentro nel paddock, lo ripeto, di gente come lui, specie fra le ultime generazioni, non ce ne sono. Va tenuto sotto una campana di vetro e protetto".

Verstappen tutta la vita, allora...Ma lei è venezuelano, come vive la crisi economica e politica del suo Paese?

"I miei genitori vivono ancora in Venezuela, un po' fuori Caracas. Lì la situazione è un poco più tranquilla. Ma in una nazione in cui l'economia dipendeva dal petrolio, sfido chiunque, di qualsiasi fazione politica, a reggere un bilancio col barile di petrolio a 20 dollari. Era impossibile fare fronte alle spese e a tutto il resto. Io so, però, che il Venezuela è un grande Paese, una nazione ricca di risorse naturali, e il suo popolo è fantastico, per cui sono certo che supereremo tutti i problemi, tutti insieme ce la potremo fare, lo sento".

Lei era considerato il pupillo di Chavez a dire il vero...

"Posso dire che ricevetti una chiamata solo dopo che vinsi il GP di Spagna, il primo pilota venezuelano a vincere una gara del mondiale F.1. E avevo uno sponsor che, seppure nazionale, non era legato al presidente. Ma la gente deve parlare, dire qualcosa, la mia carriera e la politica sono sempre state due cose diverse".

Tornando al mondiale F.1, le piace?

"Mi piacerebbe guidare queste macchine, credo che siano bellissime e complicate al tempo stesso. In quanto ai piloti credo che i talenti siano pochi, Hamilton, Ricciardo, Verstappen, Vettel. E ci metto anche Alonso, uno dei migliori in assoluto, peccato che sia in una squadra come la McLaren che è in crisi...Per il resto, ho una bella famiglia, una splendida bambina che adesso mi chiama per giocare e quindi le cose più importanti della vita le ho tutte: famiglia, salute e felice di fare lo sport che ho scelto io".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Victoria's Secret Fashion Show 2018, niente modelle Lgbt e plus size: è polemica Foto

moda

Victoria's Secret Show, niente modelle Lgbt e plus size: è polemica Foto

1commento

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

1commento

Adriano Panatta e Serena Grandi

Adriano Panatta e Serena Grandi

GOSSIP

Serena Grandi: "Storia d’amore segreta con Panatta durata 2 anni»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

3commenti

Lealtrenotizie

Jiang Lizhang parte alla carica: "Il Parma è mio. Pronto al tribunale per riprendermelo "

Il caso

Lizhang all'attacco: "Pronto a vie legali per riprendermi il Parma". Nuovo Inizio: "Socio non adeguato, riacquisto legittimo"

2commenti

Indagine Italia Oggi

Qualità della vita, Bolzano sempre al top. Parma sale un gradino ed è sesta

1commento

Medesano

Incendio alla ex fornace di Felegara, quella dell'allarme "eternit sulle coperture"

anteprima gazzetta

Villetta in via Langhirano razziata dai ladri

12Tg Parma

Ancora grave (ma stazionario) il 41enne vittima dell'incidente mortale di Diolo Video

SOLIGNANO

Brutta caduta per un endurista: soccorso nei boschi di Specchio

NOCETO

Borghetto, disinnescata la maxi bomba americana: gli evacuati tornano a casa Video Foto

Tutte le precauzioni per chi vive oltre il raggio di evacuazione totale

SAN SECONDO

Addio a «Filli», era stato assessore

Parma calcio

Sondaggio - La coppia-gol che ci ha fatto sognare di più? Ça va sans dire Chiesa-Crespo. I risultati

WEEKEND

Passeggiata fra i misteri di Parma, gara di torte, November Porc a Zibello: l'agenda

EMERGENZA DROGA

Il questore: «La metà dei sequestri di droga della nostra regione avviene a Parma»

7commenti

SORAGNA

Addio Simone, lattoniere esperto e norcino per passione. Aveva 36 anni

solidarietà

"Un gol per Giocamico": al Tardini la sfida con i campioni indimenticati Foto

INIZIATIVA

Zibello, tutti pazzi (e golosi) per November Porc Foto

commercio

Barilla center, da gennaio cambia pelle con un nuovo progetto architettonico

1commento

UNIVERSITA'

Mobilità elettrica: il 22 convegno di EMS al Campus

"Mobilità elettrica, il futuro è oggi!": gli esperti radunati dall'associazione studentesca a confronto per sciogliere tutti i dubbi sulla mobilità a zero emissioni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché è giusto ricordare la guerra dei nostri nonni

di Michele Brambilla

IL DISCO

Emerson Lake & Palmer, ufficiali e gentiluomini

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

Tim, Luigi Gubitosi nominato ad

terremoti

Scossa di magnitudo 4.2 (e paura) nel Riminese

SPORT

TENNIS

Sorpresa finale: Zverev strapazza Djokovic

F3

Pauroso incidente al Gp di Macao: frattura vertebrale per la tedesca Floersch

SOCIETA'

New York

L'aereo viaggia di sabato, ma è "riposo sabbatico": rissa in volo con ebrei

VELLUTO ROSSO

Lodo Guenzi (Stato Sociale), la storia dell'Impressionismo e "Ogni bellissima cosa"

MOTORI

RESTYLING

Mercedes Classe C, l'ammiraglia compatta

LA CURIOSITA'

Citroën: Per i 70 anni della 2CV una Charleston... a due ruote