19°

29°

libri

Parma in posa: racconto di 30 anni e 380 scatti

Parma in posa, un racconto lungo 30 anni e 380 scatti
Ricevi gratis le news
0

Trent’anni in trecentottanta scatti. Una città e una marea di volti, scelti con cura e precisione nell’archivio di un fotografo che per tre decenni ha consumato le scarpe rincorrendo le notizie. «Parma in posa 1970-2000» è l’insieme di quattro volumi che usciranno in edicola con la Gazzetta di Parma a partire da sabato 14 e che rappresentano la conclusione del progetto editoriale «Parma in posa», partito lo scorso anno. Il racconto fotografico che emerge sfogliando questi ultimi quattro libri è diverso: mentre i primi sei volumi offrivano immagini di diversi autori, le fotografie del periodo che va dagli anni Settanta al nuovo millennio portano tutte la firma del fotoreporter parmigiano Romano Rosati. Istantanee in bianco e nero che raccontano una Parma di ieri, ma non troppo lontana: ritratti, perlopiù, in parte già apparsi su testate nazionali e locali, che oggi trovano finalmente collocazione organica e unitaria in quattro volumi di un unico libro che racconta la città e la sua gente. Gianfranco Uccelli, giornalista curatore dei libri, ci regala un’immagine tanto azzeccata quanto romantica per inquadrare l’iniziativa. «Sfogliare queste pagine è come mettersi seduti davanti a un camino, con un amico, e lasciarsi andare alle memorie: “Ti ricordi quel tipo strano che passeggiava in via Repubblica? E quella volta che il Papa è venuto a Parma?” – sottolinea -. È un racconto per frammenti, evocazioni: ci sono volti noti, parmigiani famosi, gente comune, personaggi strambi. Non mancano immagini che raccontano eventi chiave della storia di Parma, dal disastro del padiglione Cattani al crollo del ponte sul Taro, giusto per fare un paio di esempi, ma la stragrande maggioranza delle foto è costituita da ritratti». Sguardi, volti, persone. Per la prima volta trent’anni di carriera fotogiornalistica trovano collocazione in un progetto. Rosati, fotografo riservato che ha sempre pensato a scattare e mai a raccogliere le proprie foto in esposizioni o pubblicazioni, qui rivela e condivide con tutti i parmigiani il proprio lavoro. «Ho passato tre mesi a selezionare le immagini fra più di diecimila negativi – spiega lo stesso Rosati -. Ho un garage pieno di foto, un archivio messo insieme in trent’anni di lavoro». Un mestiere duro, totalizzante, che richiede sacrifici, quello del fotoreporter, e che lo ha portato a raccontare Parma in ogni sua piega, oltre che a girare il mondo, principalmente come fotografo sportivo. «Nello scegliere le immagini mi sono fatto guidare dagli eventi e dai personaggi chiave che hanno segnato Parma, ma anche dal gusto, specialmente nella definizione degli abbinamenti – continua Rosati -. Si tratta di scatti molto spesso improntati sull’ironia: l’obiettivo di un fotografo, a mio parere, deve essere quello di incuriosire, sempre, catturare l’attenzione». Lui, che si dice «non particolarmente avvezzo alla “parmigianite”», in questo caso si è mosso tra i binari della «parmigianità», pur con estrema raffinatezza. «Un grazie particolare per la collaborazione va a Gianfranco Uccelli, curatore, a Orazio, Lorena e Stefano di Grafiche Step, e tutti i tecnici macchinisti, per l’attenzione e la precisione», ha aggiunto. Il modo con cui Rosati restituisce le persone e i fatti, attraverso volti più o meno conosciuti, sembra essere a sua volta l’istantanea di un tipo di racconto per immagini che non c’è più: il profumo della carta e l’«allergia» al digitale, la pazienza dell’attesa, la ricerca, il perfezionismo di quando la postproduzione non esisteva. Il fascino che scaturisce da questi volumi è quello di una città sussurrata, ma mai così manifesta. Chi ha conosciuto quella Parma si emozionerà nel rivederla e altrettanto farà chi - per ragioni anagrafiche o d’altro genere - non può contare su ricordi e memorie, ma ha conservato la capacità di sorprendersi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse